Home / RECENSIONI / Animazione / Spie sotto copertura – La versione animata di James Bond arriva sul grande schermo

Spie sotto copertura – La versione animata di James Bond arriva sul grande schermo

L’ accattivante Spie sotto copertura di Nick Bruno e Troy Quane si rivela un felice incontro tra cinema di azione e cinema di animazione

L’affascinante agente afroamericano Lance Sterling (Will Smith) viene espulso dell’Intelligence a causa di un malinteso. Per dimostrare la sua innocenza è costretto a recarsi da Walter Beckett (Tom Holland), un giovanissimo scienziato considerato da tutti un tipo strano a causa delle sue particolarissime invenzioni: abbracci gonfiabili, bombe glitter e granate di stelle filanti. Walter propone all’agente Sterling il “travestimento biodinamico”, un particolare filtro che dovrebbe permettergli di agire liberamente sotto copertura.  Prima ancora di capire di cosa si tratti, Sterling beve accidentalmente la soluzione e si trasforma in un piccione. Sarà quindi costretto ad affrontare la sua missione quasi impossibile nei panni di un uccello e potendo contare solo sull’aiuto di Walter.

spie-sotto-copertura-recensione-film-03

Cosa funziona in Spie sotto copertura

Ispirato al cortometraggio animato Pigeon: Impossible di Lucas Martell, Spie sotto copertura si rivela un felice incontro tra cinema di azione e cinema di animazione. Sono, infatti, presenti nella pellicola animata di Nick Bruno e Troy Quane tutti i più affascinanti stilemi dei film di spionaggio: oggetti futuristici, location esotiche e canzoni evocative, accompagnati dall’umorismo dei più divertenti prodotti Disney.

spie-sotto-copertura-recensione-film-01

Punto di forza del film sono sicuramente i personaggi, tutti magistralmente costruiti, a partire dai due protagonisti: Walter Beckett e Lance Sterling. Il secondo si rivela un’intrigante versione dell’agente segreto più famoso di sempre: Bond, James Bond. Ma a differenza del personaggio ideato da Ian Fleming che ci affascina per essere sempre perfetto, l’agente Sterling ci viene mostrato in una doppia veste: impeccabile nelle sembianze umane e imbranato in quelle di piccione incapace di volare. Walter, invece, è un giovane genio convinto che combattere “il fuoco con il fuoco” sia nocivo per l’umanità e che, per questo motivo, ha ideato stravaganti armi capaci di contrastare i cattivi senza fare loro del male.

spie-sotto-copertura-recensione-film-02

Perché non guardare Spie sotto copertura

Il doppiaggio della versione italiana, anche se ben realizzato, non permette allo spettatore di godere della performance vocale degli straordinari Karen Gillan, Tom Holland e soprattutto Will Smith, che dopo il genio della lampada in Aladdin e il pesciolino Oskar in Shark Tale, ha deciso di prestare la sua voce all’agente afroamericano più affascinante di sempre.

Al cinema dal 25 dicembre 2019Spie sotto copertura si rivela un film accattivante che oltre a  divertire fa anche riflettere sull’uso spesso sconsiderato delle armi.

Regia: Nick Bruno, Troy Quane. Con: Will Smith, Tom Holland, Karen Gillan, Rashida Jones, Ben Mendelsohn. Masi Oka, DJ Khaled Anno: 2019 Durata: 101 min. Paese: USA Distribuzione: 20th Century Fox

About Cristina Ceccarelli

Avatar

Guarda anche

the-lodge-recensione-film-copertina

The Lodge – Arriva in sala sospinto dal vento glaciale delle Alpi austriache il primo Horror del 2020

Dopo il convincente “Goodnight Mommy” il binomio artistico tra Veronika Franz e Severin Fiala continua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.