Home / RECENSIONI / Documentario / Santa Subito – Al breve documentario su una storia importante il Premio del pubblico della Festa del cinema di Roma

Santa Subito – Al breve documentario su una storia importante il Premio del pubblico della Festa del cinema di Roma

Il documentario di Alessandro Piva sulla vita e la morte violenta di Santa Scorese ha vinto il Premio del pubblico alla 14a Festa del cinema di Roma

Santa Scorese nasce nella provincia di Bari alla fine degli anni ’60, ha una sorella, una madre e un padre che la amano e sostengono. Presto, già da adolescente, capisce che vuole prendere i voti e diventare missionaria cattolica. La famiglia sostiene questa scelta, ma chiede a Santa di finire prima gli studi e laurearsi. Un giorno, il 15 marzo del 1991, viene uccisa. Il suo assassino la perseguitava da mesi, anni, era stato più volte denunciato ma mai arrestato, non esistendo una legge anti-stalking nel nostro paese prima del 2009.

Cosa funziona in Santa Subito

Il documentario di Alessandro Piva si muove su diversi binari. All’inizio è il racconto di una vocazione, raccontato in un modo semplice e diretto. Poi prende la strada del racconto di cronaca, che diventa purtroppo, cronaca nera. Quindi, l’ultima parte è dedicata al sogno, a un desiderio di rivalsa che è a metà strada tra la giustizia divina e il burocratico ecclesiale, e che rende un po’ questo documentario unico.

Ci sono tre storie quindi che si intrecciano: quella di Santa che vuole diventare missionaria e che incontra un orco che distrugge i suoi sogni per sempre. Poi c’è la storia delle due famiglie, la famiglia Scorese che assiste e segue la figlia, ma anche la famiglia dello stalker che preferisce non vedere o meglio, non affrontare il comportamento pericoloso del figlio, e infine la storia dei parroci, della chiesa, che vede in Santa una nuova martire.

santa-subito-recensione-film-01

Perché non guardare Santa Subito

L’impianto del documentario è di stile classico, con interviste sedute e pochi guizzi innovativi. Si fanno notare i materiali d’archivio e è interessante come la causa di canonizzazione intrapresa dai parroci del paese di Santa possa diventare un modo per parlare seriamente e in ogni ambito di femminicidio.

Santa Subito è stato presentato alla 14a Festa del cinema di Roma, dove ha vinto il Premio del Pubblico BNL e ancora non è prevista una data di uscita in sala.

Regia: Alessandro Piva Con: la famiglia Scorese Anno: 2019 Durata: 60 minuti Paese: Italia
  

About A V

Avatar

Guarda anche

un-sogno-per-papa-recensione-film-copertina

Un sogno per papà – Una piccola favola che vi divertirà

Un sogno per papà: Julien Rappeneau dà vita ad un film convenzionale ma piacevole che, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.