racconti-cinema-hangman-copertina
Home / CINEMA / Racconti di Cinema – Hangman di Johnny Martin con Al Pacino

Racconti di Cinema – Hangman di Johnny Martin con Al Pacino

Oggi parliamo dell’inedito Hangman di Johnny Martin con Al Pacino.

Ecco, innanzitutto chi è Johnny Martin? Un coordinatore stunt che ha collaborato a tantissimi blockbuster rinomati, in primis Titanic. Un uomo che, con coraggiosa abnegazione e senz’alcuno sprezzo del pericolo, a un certo punto, dopo essere stato su un’infinità di set cinematografici, credendo scelleratamente di aver acquisito le qualità di un sapido director, ha deciso disgraziatamente di cimentarsi dietro la macchina da presa. E così, coadiuvato e finanziato dalla Patriot Pictures e dalla Hannibal Classics, case di produzione specializzate in b movie action di pedestre qualità, ha dapprima girato l’invedibile Vendetta: Una storia d’amore con Nicolas Cage, soppiantando il designato, ben più qualitativo Harold Becker, e dirigendo appunto quest’altrettanto delirante pasticciaccio, Hangman.

racconti-cinema-hangman-o1

Ora, il film più brutto in assoluto nella strepitosa carriera attoriale-filmografica di Al Pacino è 88 Minutes, Sfida senza regole, Jack e Jill con Adam Sandler, inclusa la sua grottesca, allucinante parodia di Dunkaccino, oppure Conspiracy di Shintaro Shimosawa (!) assieme a un incartapecorito Anthony Hopkins?

No, questi quattro succitati film, senza dubbio comunque mediocri, sono finezze assolute dinanzi ad Hangman.

Trama…

Un vecchio detective in pensione, Ray Archer (Al Pacino), scafato e con tantissimi anni di provetta professionalità infallibile, indaga assieme a un profiler tutto d’un pezzo, Will Ruiney (Karl Urban) per riuscire ad acciuffare uno spietato serial killer che sta seminando, ogni ventiquattro ore, trucidati morti a gogò. Secondo il gioco dell’impiccato.

I due sono anche affiancati da una giornalista premio Pulitzer assai ambiziosa, Christe Davies (la bella Brittany Snow), e devono sottostare alle rigide direttive istruttive del loro capitano di polizia, un’intransigente donna androgina inappuntabile, vestita sempre in elegante tailleur e dal truce viso spigoloso, l’arcigna Watson (Sarah Shahi, la sexy Lisa di Jimmy Bobo – Bullet to the Head di Walter Hill con Stallone).

Hangman è stato girato in fretta e furia a fine 2016, in maniera sciattissima con una pessima fotografia granulosa di Larry Blanford. Una pellicola esteticamente orripilante più delle ferite inferte ai molti cadaveri ammazzati e macellati, disseminati lungo i suoi novantotto minuti.

Inspiegabile la presenza di Pacino. Che sfodera capelli scarmigliati e un vistoso pancione da pensionato, appunto, svaccato. Molto fuori parte.

Si vede che, prima di Paterno e prima di vederlo nei film più attesi di quest’anno, The Irishman di Scorsese e Once Upon a Time in Hollywood, aveva bisogno, dietro cospicuo cachet, di prendersi una pausa “alimentare” dai suoi consueti standard assai più impegnati. E, seppur svogliatamente, ha deciso di partecipare a questo Hangman, un film che forse non merita nemmeno una vera e propria recensione in quanto talmente sgradevole e malfatto che soffermarvisi sopra sarebbe ancora più spiacevole.

Lasciate perdere.

Forse, l’unica cosa passabile è la discreta locandina del Blu-ray francese. Ahia, assai poco.

About Stefano Falotico

Stefano Falotico
Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

racconti-cinema-will-hunting-van-damon-williams-poster

Racconti di Cinema: Will Hunting – Genio Ribelle di Gus Van Sant con Matt Damon e Robin Williams

Oggi parliamo di una pellicola celeberrima, ovvero Will Hunting – Genio ribelle di Gus Van Sant, film …

2 commenti

  1. Avatar

    Passi per Nicholas Cage, che lungi dall’essere un grande attore, forse non lo sarebbe neppure diventato se non avesse avuto lo zio illustre che tutti conosciamo. Ma che dire di Al Pacino? Come può un attore del suo calibro, capace di interpretazioni magistrali (Serpico, Quel pomeriggio di un giorno da cani, Carlito’s Way, Il Padrino, tanto per citarne alcuni) accettare un copione ed una regia del genere e fornire anch’egli una recitazione cosi sciatta, per usare un eufemismo? Certo, pecunia non olet, ma quando se ne possiedono già tanti, perché gettare ombre su una carriera cosi prestigiosa, per una manciata di spiccioli in più?

    • Stefano Falotico

      Sì, passi per Nicolas Cage, attore da sempre inclassificabile datosi oramai a tutto, al trash più puro per due soldi in più per salvarsi dalla bancarotta dei suoi mille debiti, coniugali e non.

      Ma è inammissibile che one of the greatest actors of all time, come direbbero gli americani, si sia prestato a questa schifezza. Un film veramente indifendibile.

      Per fortuna, questo sarà un anno mirabile per il nostro grande Al. Uscirà con The Irishman e C’era una volta… a Hollywood, certamente le due pellicole più attese della stagione. Quindi, sta girando in questi giorni un’importantissima serie televisiva di Amazon, The Hunt, creata da Jordan Peele.

      Insomma, questo mese compirà la bellezza di 79 anni ma è ancora sulla cresta dell’onda.

      Tornando invece a questo HANGMAN, credo che Al Pacino dovrebbe chiedere che venga cancellato dalla sua filmografia, è infatti una macchia in una carriera fatta di capolavori e prove insuperabili.
      Un pugno in un occhio. Un film che, in mezzo a quelli da te giustamente citati, non sta a dirci nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.