otzi-ultimo-cacciatore-recensione-bluray-copertina
Home / HOME VIDEO / Otzi – L’ultimo cacciatore – Recensione del Blu-Ray Disc del film dedicato alla Mummia del Similaun

Otzi – L’ultimo cacciatore – Recensione del Blu-Ray Disc del film dedicato alla Mummia del Similaun

Otzi – L’ultimo cacciatore: Il film di Felix Randau arriva finalmente in italia grazie alla distribuzione di Eagle Pictures su licenza di Blue Swan Entertainment.

5.300 anni fa, durante l’età del rame, un clan vive felicemente ai piedi delle Alpi vicino ad un torrente. La vita, la morte, la caccia, l’allevamento di bestiame (capre e maiali), la lavorazione delle pelli e il sesso, sono le attività quotidiane che si susseguono durante la giornata. I rituali religiosi sono l’unica cosa che rendono coeso il gruppo sotto la guida del leader Kelab (Jürgen Vogel), primo cacciatore e sciamano del clan che attraverso la reliquia “Tineka“, un misterioso oggetto custodito in una piccola scatola di legno, porta a termine le funzioni più importanti come la nascita e la morte di un membro della comunità. Proprio il possesso della “Tineka“, sarà la causa scatenante di una faida con un clan rivale che per impossessarsi dell’oggetto attaccherà il villaggio sterminando tutti gli abitanti. Alla fine dell’attacco gli unici superstiti di questa barbarie saranno Kelab, lontano per una battuta di caccia, e un neonato, suo figlio, salvato grazie al sacrificio del fratellino maggiore. Assettato di vendetta e risoluto nell’impossessarsi di nuovo del misterioso oggetto, l’uomo inizia un inseguimento tra le Alpi accecato dall’odio e il dolore.

otzi-ultimo-cacciatore-recensione-bluray-05

Il regista tedesco Felix Randau,ci conduce all’interno di un revange movie tra le Alpi in cui immagina ed analizza la possibile vita e scenario che ha portato alla morte Ötzi, la famosa Mummia del Similaun, ritrovata tra i ghiacci, il 19 settembre 1991 sulle Alpi Venoste al confine tra Italia e Austria. Un plot molto semplice e abbastanza prevedibile dà vita ad un action preistorico intimo e tecnicamente ben confezionato. Basato sul linguaggio del corpo e silenzio, il film ha pochissimi dialoghi in retico (una lingua semisconosciuta) e viene offerto allo spettatore privo di doppiaggio e sottotitoli in italiano per arricchire la visione di mistero. Il risultato è un film affascinante, probabilmente non per tutti i palati, ma che si posiziona qualitativamente con profitto alle spalle di opere più famose e blasonate come Revenant. Otzi – L’ultimo cacciatore vede anche la partecipazione del nostro Franco Nero.  Ottima esperienza cinematografica.

otzi-ultimo-cacciatore-recensione-bluray-04

Distribuito da Eagle Pictures, su licenza Blue Swan Entertainment, il blu-ray disc di Otzi – L’ultimo cacciatore, arriva sul nostro mercato in un amaray nera con all’interno il solo disco del film. Girato con camere digitali nella sua trasposizione domestica mantiene le caratteristiche e le scelte fotografiche dei suoi autori. Il quadro video mostra una nitidezza dell’immagine molto alta con il dettaglio che cambia asseconda dell’influenza delle forze della natura ma risulta in media molto morbido. I colori sono completamente desaturati mentre è buona la gestione del croma.

otzi-ultimo-cacciatore-recensione-bluray-07

Sul versante audio troviamo una singola traccia in formato lossless in 5.1 DTS HD Master Audio in lingua retica. La codifica è convincente sopratutto per quanto riguarda i suoni e i rumori ambientali, presenti in ogni canale del nostro impianto. Vi ricordiamo che il film non è stato doppiato e neanche sottotitolato, i dialoghi sono comunque pochissimi, in rispetto della scelta artistica degli autori.

Delusione per il reparto extra, completamente assente. La versione estera è ricca di contenuti, peccato che gli stessi non sono stati inclusi anche nella nostra edizione. Tra making of, interviste e il finale alternativo, il materiale interessante era parecchio.

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

dafne-recensione-film-copertina

Dafne – Federico Biondi ci presenta una donna Forte come la Vita

Dafne: Vincitore del premio della critica all’ultimo festival di Berlino, il film di Federico Biondi porta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.