Home / RECENSIONI / Commedia / Non succede, ma se succede – Un secolo di femminismo condensato sotto forma di commedia

Non succede, ma se succede – Un secolo di femminismo condensato sotto forma di commedia

Cosa succede se è una donna a guidare veramente le sorti del mondo? Quanto è pronto il mondo?

In Non succede, ma se succede Charlize Theron e Seth Rogen raccolgono la sfida mettendo fino in fondo le mani nella disparità di genere.

Charlotte Field (Charlize Theron) è il fascinoso segretario di stato degli Stati Uniti D’America che vede profilarsi l’occasione di diventare il primo presidente donna ma che per avere questa occasione deve ottenere l’appoggio del suo Presidente in carico e migliorare la sua immagine pubblica. Fred Flarsky (Seth Rogen) è un intransigente giornalista d’assalto che rischia costantemente il posto di lavoro a causa dell’incapacità di compromettere il suo idealismo. Dopo essersi licenziato dal suo giornale, che ha cambiato nettamente linea editoriale, per un caso fortuito ha la possibilità di scrivere i discorsi pubblici per Charlotte che ha necessità di acquistare punti nell’area umorismo ai sondaggi. Ma Charlotte e Fred si conoscono fin da piccoli e molto fra di loro è rimasto in sospeso…

non-succede-ma-se-succede-recensione-film-03

Cosa funziona in Non succede, ma se succede

Sorvolando sulla brutale traduzione del titolo originale – Long Shot – che forse rischiava di essere scambiato da tradizionale pubblico italiano per un film d’azione o demenziale, la pellicola ha l’ardire di infrangere le consuetudini cinematografiche in termini di ruoli e di rapporti di potere fra i generi. L’acclamato duo Seth Rogen e Evan Goldberg, già autori di memorabili commedie quali Facciamola finita, ribalta abilmente tutti gli stereotipi di genere; dalla donna di potere che finalmente non è una intollerabile arpia, alle scene action nelle quale è una donna a salvare un uomo, alla immagine positiva di un uomo che è realmente supportivo, e non sottomesso, nei confronti della sua donna che occupa una posizione sociale superiore alla sua.

non-succede-ma-se-succede-recensione-film-02

Charlotte rappresenta un importante passo avanti nella possibilità che le giovani donne di tutto il mondo possano finalmente ispirarsi ad una Charlize Theron risoluta e ambiziosa, e non alla classica figura di donna di potere manipolatrice e assetata di dominio presente in tanta cinematografia. Una figura competente, luminosa, lontanissima dalle brutte copie dello stereotipo di uomo al comando tipiche degli anni ’80 che tuttavia non si illude di poter avere tutto, che è consapevole del costo dell’ambizione ma che cerca soluzioni creative per non soccombere alla apologia nel compromesso necessario.

non-succede-ma-se-succede-recensione-film-04

Perché non guardare Non succede, ma se succede

Il progetto promosso dal vulcanico Seth Rogen è particolarmente ambizioso e la pellicola si prende ben due ore per entrare nelle molte sfaccettature che stanno dietro la complessa vita di una donna di potere con una serietà inaspettata. A pagarne le conseguenze è la vena umoristica che seppur presente deve necessariamente lasciare il passo alla complessità del tema.

Una narrazione che è il racconto dei costi del potere ma anche la celebrazione della particolare bellezza delle emozioni adolescenziali a cui si torna sempre, non importa quale sia l’età o la posizione sociale. 

Una commedia ad alto tasso di riflessione. Astenersi perditempo.

Non succede, ma se succede è al cinema dal 10 ottobre con 01 Distribution

Regia: Jonathan Levine Con: Charlize Theron, Seth Rogen, O’Shea Jackson Jr., Randall Park, June Diane Raphael, Ravi Patel, Bob Odenkirk, Alexander Skarsgård, Andy Serkis, Aviva Mongillo, James Saito, Tristan D. Lalla, Aladeen Tawfeek, Nathan Morris (I), Wanya Morris (), Shawn Stockman, Isla Dowling Anno: 2019 Durata: 115 min. – Paese: USA Distribuzione: 01 Distribution

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

un-sogno-per-papa-recensione-film-copertina

Un sogno per papà – Una piccola favola che vi divertirà

Un sogno per papà: Julien Rappeneau dà vita ad un film convenzionale ma piacevole che, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.