Home / RECENSIONI / Commedia / Nevermind – La Recensione del nuovo film di Eros Puglielli

Nevermind – La Recensione del nuovo film di Eros Puglielli

In concorso alla 16ª edizione di Alice nella città, durante la Festa del Cinema di Roma 2018, Nevermind di Eros Puglielli arriva nelle sale cinematografiche dal 1 agosto 2019 con Minerva Pictures. 

In Nevermind, le vite di 5 persone vengono sconvolte da situazioni ai limiti dell’assurdo. Queste situazioni folli vengono raccontate nei 5 episodi del film, collegati tra loro attraverso un personaggio secondario, facendo rimbalzare lo spettatore da una storia all’altra: ritroviamo così uno psicologo “perseguitato” da un carro attrezzi, una segretaria costretta a subire lo strano vizio dell’avvocato per cui lavora, una baby sitter con una mansione assurda, un imprenditore al verde, un aspirante cuoco in preda alla paranoia.

nevermind-recensione-film-02

Cosa funziona in Nevermind

Il collante tra i 5 episodi è la nevrosi di cui soffrono i personaggi, che si ritrovano a gestire quotidianamente situazioni fuori dalla logica cercando di continuare la loro vita come se nulla fosse; eventi descritti con un esagerato non-sense ma che ricordano da vicino situazioni molto familiari: la precarietà lavorativa ed economica, la competizione sfrenata, il dover scendere a compromessi scomodi, la ricerca di dare un senso alla nostra realtà, cercare la salvezza attraverso la psicanalisi.

nevermind-recensione-film-01

Perché non guardare Nevermind

Se l’assurdo è la chiave di lettura di Nevermind di Eros Puglielli e la comicità, non-sense e dissacrante, serve a svilire vizi e inclinazioni umane, quella distorsione della realtà che il film rappresenta, diventa fin troppo assurdo e perde di credibilità, prolungandosi fin troppo senza trovare una soluzione appagante se non quella di “accettiamo passivamente che sia così”.

Nevermind risulta talmente straniante e disturbante, che il senso di smarrimento dei personaggi non fa altro che giocare il suo ruolo a seconda delle disposizioni personali del pubblico, facendolo divertire oppure irritandolo all’inverosimile.

Regia: Eros Puglielli Con: Paolo Sassanelli, Andrea Sartoretti, Giulia Michelini, Massimo Poggio, Paolo Romano, Federica Di Martino, Alberto Molinari, Lucia Gravante, Gualtiero Burzi, Renato Scarpa, Pia Engleberth, Gianluca Gobbi, Aurore Erguì, Luis Molteni, Daniele Natali, Claudia Coli, Dagmar Lassander, Gianna Giachetti, Antonio Merone Paese: Italia Anno: 2018 Durata: 110 min. Distribuzione: Minerva Pictures, Beijing Hugoeast Media

About Silvia Aceti

Avatar

Guarda anche

backtrace-recensione-bluray-copertina

Backtrace – Recensione del Blu-Ray del film con Stallone e Modine

Backtrace: Arriva direttamente in home video con Koch Media, l’intrigante ma imperfetto thriller mnemonico con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.