Home / RECENSIONI / Documentario / Nel mondo: tra documentario e finzione, un tentativo sperimentale

Nel mondo: tra documentario e finzione, un tentativo sperimentale

Un altro capitolo del/nel cinema e della/nella vita di Danilo Monte con Nel Mondo, un documentario che è un tentativo sperimentale non sempre chiaro e riuscito, ma sicuramente interessante. Presentato “in concorso” al Filmmakers Film Festival di Milano.

Maggio 2017: nasce Alessandro, figlio di Danilo Monte e Laura D’Amore. La coppia decide di filmare il primo anno di vita del loro bambino.

nel-mondo-recensione-film-02

Cosa funziona in Nel mondo

Nel mondo è un’opera puramente sperimentale, un documentario che spesso sconfina nella fiction (o lascia la costruttiva ambiguità in merito a tale direzione): quando, ad esempio, i litigi prendono il sopravvento sulla quiete domestica e paiono un metatestuale artificio. Un cinema-verità quindi, che rivendica sé stesso e la propria imprescindibilità ad esistere, essere e manifestarsi. Proprio come un bambino appena nato.

Perché non guardare Nel mondo

Forse un’operazione fine a sé stessa, rispondente a una mera bulimia del filmare, del riprendere tutto, del farsi testimoni di ogni momento, anche quello più apparentemente insignificante. Probabilmente un film più interessante che propriamente bello.

La vita, la morte, il passaggio del tempo e la contemplazione del sentimento sono tematiche sciorinate con asciuttezza asettica, con un distacco che è ricercata freddezza. Un’operazione a-cinematografica a metà strada tra la riflessione (superficiale?) sul senso e sull’anima del mezzo e il personale appagamento di una frenesia e voracità della ripresa. 

Regia di Danilo Monte Anno: 2019 Durata 77 min. Paese: Italia

About Raffaele Mussini

Raffaele Mussini
sono nato a Reggio Emilia (RE) il 19 febbraio del 1992 e abito a Campagnola Emilia (RE). Dopo essermi diplomato in un istituto tecnico di ragioneria linguistica e laureato in Marketing e Organizzazione d’Impresa, ho iniziato a scrivere recensioni per il cinema, quindi il mio primo libro “Volontà Rimosse”, seguito da “La perseveranza della pioggia”. Quanto al cinema, ho sviluppato fin da piccolo una fortissima e viscerale passione e già in tenera età sono arrivato a visionare e collezionare ogni tipo di pellicola.

Guarda anche

un-sogno-per-papa-recensione-film-copertina

Un sogno per papà – Una piccola favola che vi divertirà

Un sogno per papà: Julien Rappeneau dà vita ad un film convenzionale ma piacevole che, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.