Home / RECENSIONI / I Fratelli Sisters – La Recensione del Western con Joaquin Phoenix e John C. Reilly

I Fratelli Sisters – La Recensione del Western con Joaquin Phoenix e John C. Reilly

Dal 2 maggio al cinema il western con protagonisti Joaquin Phoenix e John C. Reilly presentato anche alla settantacinquesima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, I Fratelli Sisters, diretto dal regista francese Jacques Audiard.

“Hey, siamo i Fratelli Sisters!” gridano a gran voce ovunque mettano piede i due cacciatori di taglie.

Una frase che, per quanto banale e scontata possa sembrare – anche alla luce del fatto che sia il titolo stesso del film -, riecheggia carica di significato sullo schermo, come nella mente e nel cuore del pubblico. Nonostante l’ambientazione possa far pensare a uno sparatutto senza spessore, il primo film in lingua inglese di Jacques Audiard gioca con generi e toni diversi per dar vita a un racconto caleidoscopico e accattivante, che non permette allo spettatore di andar via dalla sala senza che continui a pensare a ciò che ha appena visto.

Nell’Oregon del 1850, in piena febbre dell’oro, Eli (John C. Reilly) e Charlie (Joaquin Phoenix) Sisters vengono incaricati dal Commodoro di trovare ed eliminare un uomo di nome Hermann Warm (Riz Ahmed), in possesso di una formula chimica utile a scovare il prezioso metallo nei fiumi. Sulle sue tracce anche Morris (Jake Gyllenhaal), che presto si renderà conto di essere sempre stato dalla parte sbagliata, e deciderà di proseguire il suo viaggio in compagnia del protettore dagli utopici ideali.

i-fratelli-sisters-recensione-film-01

Cosa funziona ne I Fratelli Sisters

Adattamento del romanzo Arrivano i Sisters di Patrick deWitt, il film è nato per volontà di John C. Reilly, come ha raccontato lo stesso Audiard durante il nostro incontro a Roma, in quanto fu l’attore a proporre il progetto al regista.

Se avessi scoperto il libro per conto mio, sicuramente lo avrei apprezzato in qualità di opera letteraria, ma probabilmente lo avrei visto come un western e ritenuto impossibile per me da trasporre sullo schermo.

Addirittura, confessa il regista, c’è stato un momento in cui si è pensato di girare la pellicola totalmente in notturna, e spingere alle estreme conseguenze la stilizzazione delle immagini, tanto era grande la difficoltà rappresentata dal trasporre la storia sullo schermo.

Eppure il film è stato realizzato (e l’idea precedente scartata), e malgrado si incaselli perfettamente nel genere western, per certi versi se ne discosta anche parecchio, soffermandosi spesso su una dimensione più intimistica, e conferendogli un tono estremamente particolare, fortemente volto e alla comicità, e alla drammaticità.

i-fratelli-sisters-recensione-film-03

Sono le piccole cose a dare maggiore spessore, come i tentativi di cura dell’igiene personale, la necessità di avere con sé qualcosa che ricordi l’ambiente domestico, o anche l’aggiunta peculiare del regista – ci tiene a sottolineare – della scena sulla masturbazione.

Sono degli adulti, ma si comportano ancora come due bambini; litigano, discutono, si divertono a scoreggiare come se fossero in campeggio… È stato il mio modo di affrontare un genere con cui avevo pochissima confidenza.

Ecco che allora I Fratelli Sisters, anche grazie alle interpretazioni magistrali degli attori coinvolti – tutte, a loro modo, in linea con il tono prescelto – e ai paesaggi dal sapore inaspettatamente europeo sullo sfondo – le riprese hanno avuto luogo anche in Spagna e in Romania -, assume una colorazione così distintiva da creare quasi un genere a sé.

i-fratelli-sisters-recensione-film-02

Perché non guardare I Fratelli Sisters

Non ci sono particolari ragioni per cui non guardare questo film, a meno che non abbiate meno di 10 anni. Ma anche in quel caso, ci sono pellicole ben più traumatizzanti di questa…

I Fratelli Sisters è distribuito da Universal Pictures, e sarà nelle sale italiane dal 2 maggio.

Regia: Jacques Audiard Con: Joaquin Phoenix, John C. Reilly, Jake Gyllenhaal, Riz Ahmed Anno: 2018 Paese: Francia, Spagna, Romania, Belgio Durata: 122 min. Distribuzione: Universal Pictures

About Laura Silvestri

Avatar

Guarda anche

benvenuti-marwen-recensione-bluray-copertina

Benvenuti a Marwen, recensione del Blu-ray disc del film di Robert Zemeckis con Steve Carell

In concomitanza con l’uscita del Bluray da parte di Universal Pictures Home Entertainment Italia, torniamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.