Home / RECENSIONI / Animazione / I Figli del Mare – Miti ed ecologia nel nuovo anime di Ayumu Watanabe

I Figli del Mare – Miti ed ecologia nel nuovo anime di Ayumu Watanabe

I Figli del Mare, l’anime tratto dal manga di Daisuke Igarashi, diretto da Ayumu Watanabe, arriva nelle sale italiane solo il 2, 3 e 4 dicembre, distribuito da Nexo Digital in collaborazione con Dynit.

 I Figli del Mare  racconta la storia di Ruka, esclusa dall’attività del club scolastico per l’intera durata delle vacanze estive; la sua estate cambia del tutto rotta dopo che Ruka decide di visitare l’acquario dove lavora il padre: incontra Umi (Mare) un ragazzo straniero cresciuto dai dugonghi, portatore di strani e straordinari segreti. Più tardi Ruka incontra anche il fratello di Umi, Sora (Cielo), trovandosi, suo malgrado, a far parte di un complesso ingranaggio più grande di lei. Intanto, tutto il mondo è sconvolto da un’anomalia mai vista prima: tutti i pesci stanno scomparendo.

i-figli-del-mare-recensione-film-02

Cosa funziona in I Figli del Mare

I Figli del Mare è un lungometraggio animato molto complesso ed onirico. E’una favola metafisica che immerge il pubblico nei mari più profondi, in un flusso di sequenze visivamente sbalorditive, dalla grafica eccezionale, capace di mischiare tratti iperrealistici e fantastici. La resa grafica, da sola è in grado di suggestionare lo spettatore, trasmettendo le sensazioni della protagonista Ruka riuscendo a far sentire la stessa sorta di connessione soprannaturale con l’oceano e allo stesso tempo l’impotenza dell’essere umano dinnanzi ad esso.

Perché non guadare I Figli del Mare

Abbiamo già detto di quanto sia un anime estremamente complesso, per il quale sicuramente non basta una visione per capirne le varie sfaccettature ed i messaggi più nascosti. A quanto pare quello di creare questa sorta di estraniamento nello spettatore, era uno degli obiettivi che si erano posti gli sceneggiatori, che però forse hanno dato per scontato che non tutti sono disposti ad accettare di arrivare alla fine di una proiezione di due ore con la sensazione di non aver compreso ciò a cui hanno assistito.

I Figli del Mare è al cinema solo il 2, 3 e 4 dicembre, distribuito da Nexo Digital in collaborazione con Dynit.

Regia: Ayumu Watanabe Con: Mana Ashida, Hiiro Ishibashi, Yu Aoi, Min Tanaka Anno: 2019 Durata: 110 min. Paese: Giappone Distribuzione: Nexo Digital, Dynit.

About Silvia Aceti

Avatar

Guarda anche

un-sogno-per-papa-recensione-film-copertina

Un sogno per papà – Una piccola favola che vi divertirà

Un sogno per papà: Julien Rappeneau dà vita ad un film convenzionale ma piacevole che, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.