Home / CINEMA / Eyes: contro la violenza e l’indifferenza nel mondo

Eyes: contro la violenza e l’indifferenza nel mondo

Un corto allegorico e potente dove spesso la metafora si avvita su sé stessa, ma il lavoro di Maria Laura Moraci veicola un messaggio forte e necessario

In scena personaggi di diversa età ed estrazione sociale, chiusi in una società incline alla violenza e al consumismo. Dei 30 attori in scena, 28 hanno gli occhi chiusi per indicare l’indifferenza e la superficialità che ci trascinano sempre più a guardare senza vedere veramente. Ognuno infatti, ingabbiato nella propria inerte quotidianità, è indotto per abitudine a continuare a vivere in quello stato di impassibilità, anche di fronte agli eventi più tragici.

eyes-recensione-film-01

Cosa funziona in Eyes

Il plot (se così possiamo chiamarlo) sopra riportato sintetizza il contenuto di un’opera piccola ma coraggiosa e necessaria, vincitrice di svariati premi in tutto il mondo. Senza diventare ricattatorio, Eyes chiama in causa la nostra coscienza e tenta di risvegliare quell’indole umana e altruistica che è sopita e latente per troppi.

eyes-recensione-film-02

Perché non guardare Eyes

Quasi tutti i personaggi recitano a occhi chiusi, con occhi finti dipinti sulle palpebre. Una metafora urlata ed efficace, ma che solo alla fine del corto riesce ad esprimersi e rendersi comprensibile agli occhi dello spettatore. Un’allegoria a tratti urlata eccessivamente, e per questo – forse – non fino in fondo efficace.

Ma bastano le immagini finali, quando la realtà (sub)entra nella finzione, perché la carica accumulata dal racconto esploda e riveli tutto il proprio prezioso significato e la propria imprescindibile urgenza. Un racconto che in realtà tale non è, ma è puro simbolismo avente l’intento di colpire duro. Intento necessario e raggiunto: Eyes è molto forte, a tratti forse emotivamente insostenibile.

Regia: Maria Laura Moraci. Con Francesca Aledda, Sara Budoni, Elisa Fois, Alessandro Frontino, Maria Laura Moraci, Adriana Papana, Sara Schifani, Francesco Vesprini, Griscelly Kathina Anno: 2018 Durata 13 min. Paese: Italia

About Raffaele Mussini

Raffaele Mussini
sono nato a Reggio Emilia (RE) il 19 febbraio del 1992 e abito a Campagnola Emilia (RE). Dopo essermi diplomato in un istituto tecnico di ragioneria linguistica e laureato in Marketing e Organizzazione d’Impresa, ho iniziato a scrivere recensioni per il cinema, quindi il mio primo libro “Volontà Rimosse”, seguito da “La perseveranza della pioggia”. Quanto al cinema, ho sviluppato fin da piccolo una fortissima e viscerale passione e già in tenera età sono arrivato a visionare e collezionare ogni tipo di pellicola.

Guarda anche

dolemite-is-my-name-recensione-film-cover

Dolemite Is My Name – Recensione del film con Eddie Murphy, la versione vincente di Joker

Oggi recensiamo un film targato Netflix, ovvero Dolemite Is My Name con Eddie Murphy, uscito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.