donnie-brasco-recensione-bluray-copertina
Home / HOME VIDEO / Donnie Brasco – Recensione del Bluray del film di Mike Newell con Al Pacino e Johnny Depp

Donnie Brasco – Recensione del Bluray del film di Mike Newell con Al Pacino e Johnny Depp

Oggi, vi parliamo del capolavoro di Mike Newell. Sì, capolavoro lo è. Donnie Brasco.

Un crimedrama della durata di due ore e 7 min. Sino ad oggi l’opus migliore di Mike Newell. E la più sorprendente perché dal regista di Quattro matrimoni e un funerale mai ci saremmo potuti aspettare che, nel ’97, potesse sfoderare un film di tale finezza antropologicamente mafiosa, erede di Scorsese, Coppola e dei “padrini” vari.

Sì, da un uomo nato in Inghilterra, chi mai avrebbe pensato e sospettato che ne sarebbe sortito un film così bello? Permettetemi la banalità di un aggettivo tanto semplice, bello, anzi, il suo superlativo bellissimo. Newell, uno con un background culturale lontano anni luce dalle tematiche gangsteristiche che, sulla partitura magnifica dell’impeccabile sceneggiatura di Paul Attanasio (candidata all’Oscar), ha trasposto il libro-inchiesta di Joseph D. Pistone, scritto in collaborazione con Richard Woodley, edito in Italia dalla Mondadori, per la collana Strade Blu, col titolo Donnie Brasco. La mia battaglia contro la mafia americana.

La trama del suo film ricalca, pur con qualche inevitabile aggiustamento e alcune ovvie riduzioni, quella del libro.

Ci troviamo a New York, nei seventies.

E Joe Pistone (Johnny Depp), volenteroso e ambizioso agente dell’FBI, spacciandosi per ladro di gioielli preziosi, riesce in camuffa a infiltrarsi nella mafia. Entrando subito in simpatia e nelle grazie dell’attempato Lefty Ruggiero (Al Pacino), un “manovale” della criminalità organizzata che sogna tutt’ora, alla sua veneranda età, di poter far la scalata presso i vertici della famiglia Bonanno.

Lefty prende sotto la sua ala protettiva Pistone che assume la falsa identità di Donnie Brasco. Donnie a sua volta compiace benevolmente, istintivamente Lefty e ne diviene quasi un figliol prodigo da coccolare a cui Lefty impartisce gl’insegnamenti giusti per avere successo in quest’ambiente di boss e pericolosi, fraudolenti uomini senza scrupoli.

Però Pistone, nonostante l’affetto che lo lega indissolubilmente a Lefty, sta facendo il doppio gioco e, alla fine, volente o nolente, tradendo un’amicizia stupenda, sarà tristissimamente costretto a svelare le sue carte. Firmando, involontariamente, la condanna a morte di Lefty.

Donnie Brasco, un film commovente con un Al Pacino straordinario, scandalosamente dimenticato da tutti i premi, in primis dagli Oscar, reso da dio dal suo fido Giancarlo Giannini nella versione doppiata in italiano. Un eccezionale doppiaggio da parte di tutti. Che, pur in maniera poco filologica, “traduce” il verace slang degli italoamericani mafiosi in pertinentissimi dialoghi meravigliosamente riusciti, come l’indimenticabile frase pronunciata, sino allo sfinimento, da Al Pacino, vero must del film: che te lo dico a fare?

Un Pacino spalleggiato da un altrettanto bravissimo Johnny Depp. Nel suo primo ruolo da duro in assoluto. Dopo esser assurto a sex symbol delle teenager e aver troneggiato da freak per Tim Burton.

Senza dimenticare naturalmente Michael Madsen. Uno degli attori feticcio di Tarantino, il quale trova qui un ruolo veramente adatto al suo corpaccione carismatico e alla sua viscida faccia da iena…

Citazione doverosa anche per Anne Heche, un’attrice oggigiorno praticamente scomparsa dai radar della Hollywood che conta ma che, in quegli anni, pareva essere predestinata a un futuro attoriale ben più roseo.

Donnie Brasco, un cult.

Stupisce però come un film del genere che, al botteghino andò benissimo e piacque così tanto a Critica e pubblico, sia stato ignorato, appunto, dagli Academy Awards.

Ciò rimane ancora un grave mistero.

Donnie Brasco, un film indubbiamente inferiore a Quei bravi ragazzi, questo va detto, ma profondamente toccante e scritto, diretto, recitato divinamente.

Fra i produttori, Barry Levinson, “habitué” di Pacino. Sua la sceneggiatura di …e giustizia per tutti, sue le regie di You Don’t Know Jack – Il dottor morte, The Humbling e Paterno. Oltre a essere stato il produttore esecutivo di Phil Spector di David Mamet.

Donnie Brasco – Il Blu-Ray di Davide Belardo

Disponibile in bluray grazie alla distribuzione di CG Entertainment e al loro progetto StartUP, creato per la realizzazione e distribuzione di inediti in alta definizione grazie all’aiuto dei fan, l’edizione è al momento disponibile in esclusiva solo sul sito della stessa CG.  Questa imperdibile uscita vede la presenza all’interno di 2 dischi blu-ray con la versione cinematografica e director’s cut del film.

Tecnicamente parlando i dischi sono di buon livello nonostante l’utilizzo del master Sony che ad oggi con le nuove tecnologie e nuove scansioni risulta datato. Il trasferimento ha conservato la presenza della grana della pellicola originale, il dettaglio è morbido ma ben definito e non si registrano fastidiosi artefatti che ne inficiano la visione che resta godibile per tutta la sua durata.

Sul versante audio troviamo la bellezza di quattro tracce, equamente divise tra il doppiaggio italiano e la lingua originale inglese, sia in 5.1 DTS HD Master Audio che in 5.1 Dolby Digital. Il risultato per tutte le codifiche è assolutamente apprezzabile grazie ad un buon bilanciamento dei livelli del suono e pulizia generale. Vi ricordiamo che la visione del film in versione director’s cut è disponibile solo in lingua inglese e con sottotitoli in italiano.

Un solo ma interessante extra di 7 minuti, oltre al trailer, sulla produzione del film con interventi di cast, troupe e produzione.

Noi abbiamo partecipato al crowdfunding e ci siamo assicurati la nostra copia limitata (261/500 copie) e il nostro nome sulla Slipcase. Alcune copie sono ancora disponibili, non perdete l’occasione di recuperare questo bellissimo film. 

 

About Stefano Falotico

Stefano Falotico
Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

la-gabbianella-gatto-200-sale-copertina

La gabbianella e il gatto torna al cinema in oltre 200 sale con CG Entertainment

Sono oltre 200 le sale che da giovedì 21 a domenica 24 marzo proietteranno “La gabbianella e il gatto” …

3 commenti

  1. Avatar

    Tutt’ora? Ma Ruggiero è morto nel 94…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.