Home / RECENSIONI / Drammatico / Dafne – Federico Biondi ci presenta una donna Forte come la Vita

Dafne – Federico Biondi ci presenta una donna Forte come la Vita

Dafne: Vincitore del premio della critica all’ultimo festival di Berlino, il film di Federico Biondi porta sugli schermi italiani la vibrante storia di una trentenne affetta da sindrome di Down che affronta il mondo in maniera fiera e coraggiosa.

Interpretata dalla talentuosa esordiente Carolina Raspanti, Dafne è una giovane donna forte e risulta, impegnata nel lavoro e nelle sue relazioni personali, volitiva nelle opinioni che esprime senza timore alcuno e impegnata nella sua ricerca dell’indipendenza che persegue pervicacemente. L’equilibrio familiare difficoltosamente costruito nel tempo purtroppo si infrange contro la tragedia della morte prematura di sua madre alla quale è teneramente legata.  Costretta ad affrontare la vita senza più il dolce sostegno materno, Dafne, dovrà anche affrontare la depressione di un padre che oltre ad aver perso la compagna di una vita guarda con dolore e preoccupazione al futuro di sua figlia.

dafne-recensione-film-01

Cosa funziona in Dafne

Federico Biondi racconta di aver avuto l’idea della pellicola osservando una ragazza affetta dalla sindrome di Down e suo padre alla fermata di un autobus, da lì l’intuizione di una pellicola che molto ha da dare allo spettatore. La forza della pellicola di Biondi è sicuramente rappresentata dalla sincerità e potenza di una vicenda umana che non può lasciare indifferenti. Dotato di una narrazione priva di qualsiasi cedimento al sentimentalismo, anzi quasi rude come i modi della stessa protagonista, Dafne conquista lo spettatore per l’intimo messaggio colmo di saggezza e realismo, attraverso lo sguardo senza timori e reticenze della protagonista che affronta il mondo come una leonessa.

dafne-recensione-film-02

Nel cast, costruito da esordienti, Carolina Raspanti spicca per la sua performance attoriale di spiazzante naturalezza e rappresenta essa stessa la vera perla di questa bella pellicola. Speriamo che altri credano nelle sue possibilità di attrice.

Dafne è un incontro cinematografico che non potrete mai più dimenticare. Ti entra dentro e ti scruta, ti sconvolge emotivamente e va via, esattamente con la stessa naturalezza con cui è entrata.

dafne-recensione-film-03

Perché non guardare Dafne

Girato sicuramente con mezzi limitati, la pellicola di Biondi si afferma sicuramente grazie alla potenza e all’universalità della sua vicenda che è in ultima istanza la forza della sua protagonista stessa. Solo i limitati di mente non apprezzeranno una pellicola che ha molto da dare e che dimostra quanto la validità di un’opera può affermarsi al di là della limitatezza dei suoi mezzi.

Dafne è una piccola perla cinematografica che è in grado di spazzare via qualsia pregiudizio nei confronti di coloro che sono diversamente abili.

Dafne è forte e splendente, Dafne è più forte della vita stessa.

Dafne è al cinema dal 21 marzo con Istituto Luce Cinecittà

Regia: Federico Bondi Con: Carolina Raspanti, Antonio Piovanelli, Stefania Casini Anno: 2019 Durata: 94 min. Paese: Italia Distribuzione: Istituto Luce Cinecittà

About Elisabetta Prantera

Elisabetta Prantera
Ricercatrice sociale/redattrice, saltella da una vita tra una rilevazione e la visione compulsiva di film e serie tv...perché un buon film può sanare quasi tutti i mali del corpo e dello spirito.

Guarda anche

the-kid-recensione-bluray-copertina

The Kid – Recensione del Bluray del film con Ethan Hawke

Un “Pat Garrett & Billy the Kid 2.0”? Forse le ambizioni di Vincent D’Onofrio non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.