Home / RECENSIONI / Documentario / Alla corte di Ruth – RBG – in sala il documentario di Betsy West e Julie Cohen

Alla corte di Ruth – RBG – in sala il documentario di Betsy West e Julie Cohen

Alla corte di Ruth – RBG: Feltrinelli Real Cinema e Wanted presentano il documentario su Ruth Bader Ginsburg, antesignana attivista per i diritti civili di tutti e ora, a 85 anni, icona dei millennial.

All’età di 85 anni, Ruth Bader Ginsburg, seconda donna a essere stata nominata tra i nove componenti della Corte Suprema degli Stati Uniti, è diventata un’icona inaspettata della cultura pop grazie alla sua dedizione all’attività giudiziaria e legale. Nonostante ciò, il suo percorso e il suo impegno sono rimasti, finora, in gran parte sconosciuti anche ad alcuni dei suoi più grandi fan.
Il documentario Alla corte di Ruth – RBG esplora la vita e la carriera di Bader Ginsburg e le sue lotte per i diritti delle donne che l’hanno portata ad affermarsi come esempio di emancipazione civile.

“Devi ricordare di fare due cose nella vita: essere indipendente e rimanere sempre una signora”. Con questa frase, raccomandazione che la mamma fa a una giovane Ruth Bader Ginsburg in partenza per il college, si può spiegare l’intera carriera e umanità di questa donna che negli ultimi anni, e grazie alle sue opinioni dissenzienti presentate durante molte sedute della Corte Suprema degli Stati Uniti, la hanno resa una icona pop, simbolo di indipendenza, intelligenza e forza.

alla-corte-di-ruth-rbg-recensione-film-01

Cosa funziona in Alla corte di Ruth – RBG

La vita di Ruth non è semplice e il documentario a doppia firma femminile ce lo dimostra: si laurea negli anni ’50 e nessuno studio la vuole assumere perché donna, nonostante sia una delle menti prima di Harvard e poi della Columbia. Ha però la fortuna, e forse la perspicacia, di avere accanto un marito ce la sostiene e crede in lei, che dopo alcuni anni passati a insegnare diritto nelle scuole, affronta le sue prime cause.

Con poca sorpresa, la prima causa riguarda una differenza di stipendio dovuta al gender, al sesso di appartenenza, la seconda la non assegnazione del sussidio per un parente rimasto solo, che in questo caso è un uomo. Notorious RBG ha a cuore la parità di fronte alla legge di entrambi i sessi e di tutte le razze.

alla-corte-di-ruth-rbg-recensione-film-02

Perché non guardare Alla corte di Ruth – RBG

Ruth Bade Ginsburg è un essere unico. Integro e forte. La sua storia familiare porta con sè un passato importante, la sua storia personale è fatta di  lotta, fallimenti, vittorie e ripensamenti. Un essere umano che allo stesso tempo rasenta la perfezione morale. Per questo può essere difficile la visione; capire che un tale livello di integrità sia raggiungibile, con la sola forza della fiducia nelle istituzioni e nelle leggi è allo stesso tempo rivoluzionario e estremamente conservatore.

Alla corte di Ruth – RBG è in sala con Wanted Cinema e Feltrinelli Real Cinema dal 15 luglio.

Regia: Betsy West e Julie Cohen Con: Ruth Bader Ginsburg Durata: 98 minuti Paese: USA Distribuzione: Wanted Cinema e Feltrinelli Real Cinema

About A V

Avatar

Guarda anche

the-kid-recensione-bluray-copertina

The Kid – Recensione del Bluray del film con Ethan Hawke

Un “Pat Garrett & Billy the Kid 2.0”? Forse le ambizioni di Vincent D’Onofrio non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.