Home / RECENSIONI / Documentario / Alive in France – Un documentario molto personale di Abel Ferrara

Alive in France – Un documentario molto personale di Abel Ferrara

Esce in sala per pochissimi giorni, dal 19 al 22 maggio, Alive in France, il nuovo documentario del regista Abel Ferrara. Lo seguiamo nel tour musicale con cui ha accompagnato una retrospettiva di suoi film da Tolosa a Parigi, insieme a degli storici collaboratori e alla giovane moglie e figlia.

Abel Ferrara è un regista che essenzialmente, non ha molto interesse nel seguire le regole. Con spirito creativo, si lascia ispirare dalla situazione per creare un’occasione. E’ questo il caso di Alive in France. Ferrara realizza un nuovo documentario dopo quello dedicato a Piazza Vittorio (uno dei set del suo film Pasolini) che questa volta però ha per protagonista se stesso. Il regista si mette in scena: rughe, capelli spettinati e tutto ciò che lo rende unico, riconoscibile e mostra quello che è stato ed è il suo processo creativo. Partendo dal pretesto di una rassegna a lui dedicata a Tolosa, il Ferrara raccoglie i suoi collaboratori storici e organizza un tour musicale in Francia.

alive-in-france-recensione-film-02

Cosa funziona in Alive in France

Argomento forte del documentario è il racconto del suo protagonista. Abel Ferrara racconta, sia nelle interviste o negli incontri che avvengono durante la rassegna cinematografica, la genesi di alcuni suoi film e soprattutto della loro colonna sonora. Sempre a corto di finanziamenti, realizzava lui stesso, aiutato da Joe Delia e Paul Hipp, le musiche per accompagnare i suoi film come Il Cattivo Tenente, The Funeral-Fratelli e il folgorante esordio The Driller KillerDalla New York anni ’70, quindi con le influenze rock e punk inevitabili, fino ai Rolling Stones, tra le sue ispirazioni.

alive-in-france-recensione-film-01

Perché non guardare Alive in France

Il film è realizzato in maniera ruvida e immediata, è più un progetto emotivo che un documentario con una struttura. Alive in France segue letteralmente il suo protagonista, la macchina da presa è sempre alle sue spalle e registra senza quasi censura, quello che le accade davanti.

Alive in France  è in sala per pochi giorni, dal 19 al 22 maggio, distribuito da Mariposa Cinematografica.

Regia: Abel Ferrara Con: Abel Ferrara, Joe Delia, Paul Hipp, Cristina Chiriac Anno: 2018 Durata: 82 min. Paese: USA Distribuzione: Mariposa Cinematografica

About A V

Avatar

Guarda anche

1982-recensione-film-copertina

1982 – La guerra vista dai bambini

1982 è il film di Oualid Mouaness presentato in selezione ufficiale alla 14a Festa del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.