Home / HOME VIDEO / A Star Is Born, recensione del Blu-ray disc del film di e con Bradley Cooper e Lady Gaga

A Star Is Born, recensione del Blu-ray disc del film di e con Bradley Cooper e Lady Gaga

Recensione di A Star Is Born ora in blu-ray disc con Warner Bros. Entertainment Italia

Ebbene, in concomitanza con l’uscita in Blu-ray, recensiamo A Star Is Born, opera prima di e con Bradley Cooper affiancato da una raggiante ma incerta Lady Gaga.

Film campione d’incassi della stagione il cui successo, visto anche l’insistente battage pubblicitario e il bombardamento mediatico, è culminato con la candidatura a ben otto premi Oscar. Cifra ragguardevole e indubbiamente spropositata, onestamente, al di là del contagioso trasporto della diva Lady Gaga, qui al suo vero e proprio debutto cinematografico da protagonista dopo una miriade di video shortSin City – Una donna per cui uccidereMachete Kills e naturalmente la serie televisiva American Horror Story.

Fortissimamente voluta e caldeggiata da Cooper che ha fatto carte false per convincerla a rivestire i panni della sua eroina Ally.

Come sapete, questo è un aggiornamento-remake di tre, a mio avviso, superiori precedenti sfavillanti, tutti regolarmente tradotti in italiano col titolo È nata una stella.

a-star-is-born-recensione-film-00
Tutte le Stelle a confronto di A Star Is Born

E nonostante, ripetiamo, il largo apprezzamento di pubblico e i plausi della Critica, soprattutto d’oltreoceano, ammaliatisi sin troppo dinanzi alle patinate, furbastre spericolatezze del suo intraprendente, intrepido ma poco convincente metteur en scèneanfitrione Coopertale contemporanea, luccicante trasposizione è senz’ombra di dubbio la meno affascinante. Un’operazione creata a tavolino per giocare facile agli Oscar e ottenere una marea di nomination che, infatti, puntualmente, metronomiche sono arrivate come da programma, rispettando gli studiati calcoli della volpe Cooper.

Trama… ovviamente ricalcata in rifacimento sui generis dei celeberrimi film predecessori, allestita sulla potenza canora della fantasmagorica Lady Gaga. Che se l’è cavata, ha carisma ma ci ha comunque lasciato perplessi. Bravina ma di certo non eccelsa.

Jackson Maine (Bradley Cooper) è una rockstar ancora amatissima dai suo beniamini ma è oggi alcolizzato e depresso. Dopo un’esibizione, si ferma in un bar e rimane ipnotizzato dalla cantante che si esibisce nel locale, la talentuosissima Ally (Lady Gaga). Una donna dalle potenzialità vocali esagerate ma mai davvero lanciatasi con coraggio nello show business per colpa della radicata sua mancanza di autostima e di troppe patite delusioni.

È amore a prima vista fra i due. E Jackson, folgorato da Ally, la invita a un suo concerto ove, a sorpresa, le fa cantare un pezzo inedito da lei scritto. Da quel momento in poi scoppia fra i due la passione, esplosiva, irrequieta e bruciante.

Ecco, se sino a questo momento, il film aveva discretamente retto, affidandosi a qualche svolazzo pindarico della mobile macchina da presa di Matthew Libatique, proprio al detonare e scoccare della storia d’amore, troppo romanticamente ruffiana e allineata ai canoni caramellosi del mainstream più scontato, forzata e sveltamente ampollosa, assai poco attendibile, A Star Is Born frana imperdonabilmente.

a-star-is-born-home-video-febbraio-copertina

Ci è apparsa infatti troppo repentina e ingiustificata la celerissima mutazione di Ally da cantante di un night a star della musica da palcoscenico con tanto di folla gremita da Woodstock accaloratamente infoiata ad applaudirla. Come se d’incanto, soltanto illuminata dalla forza dell’amore, Ally avesse cancellato ogni sua paura e timidezza, ascendendo a paladina sfrenatamente irreprimibile, accendendosi in una grazia armonica tanto sfolgorante quanto incredibile da lasciar basiti. Una metamorfosi piuttosto banalizzata in un’ovvia progressione drammaturgica psicologicamente insostenibile. E il personaggio di Cooper, non sostenuto peraltro dalla sua vanitosa performance mielosamente stereotipata da insalvabile, maledetto cavaliere del suo patetico cuore selvaggio ai limiti della perdizione più prototipica, dissoluto ma di gran cuore, ci è risultato estremamente fasullo e gigioneggiato languidamente dallo stesso Cooper in maniera spesso insopportabile.

Solo negli ultimi venti minuti diventa emozionante, con tanto di finale che strappa qualche commozione.

La voce di Lady Gaga non si discute. Le sue esibizioni di La Vie en rose e soprattutto della stupenda, questa sì, Always Remember Us This Way (doveva essere questa, senza dubbio, la canzone trascinante per il marketing e non Shallow, assai inferiore) non si scordano facilmente.

Toccante anche la scena dell’ultimo addio tra Jackson e Bobby Maine. Quando il personaggio di Cooper, per tutta la vita in complice lotta col fratellone, prima di salutarlo definitivamente, tentenna parecchio, quindi, strozzato nella voce, gli confida sottovoce che si è comportato così, cioè in malo modo, perché lo ha sempre nascostamente invidiato e voleva, in cuor suo, assomigliargli.

Un delicatissimo momento di Cinema straordinario.

A Star Is Born è un film che si lascia innocuamente vedere, alcuni numeri musicali vanno a segno, sebbene la già famosa Shallow sinceramente, riproposta in questi mesi sin allo sfinimento nelle radio di mezzo mondo, non è che sia poi un granché. Ed è stata appunto enfatizzata a dismisura dalla campagna promozionale. Una mediocrissima canzone invero scarsamente memorabile, raffazzonata per orecchiabili ascolti, come si diceva un tempo, da cassetta. Ma niente di artisticamente elevato e in verità commovente.

Ha vinto l’Oscar, ma non c’entra niente.

oscar-2019-vincitori-sorprese-delusioni-01
In this handout provided by A.M.P.A.S., ___ backstage during the 91st Annual Academy Awards at the Dolby Theatre on February 24, 2019 in Hollywood, California.

Così come il film stesso, esempio di un Cinema demodé probabilmente superato e oggigiorno poco emozionante perché inoltre, ribadiamo, messo in scena da Cooper con una palese scarsità d’idee, in forma mercantilistica, modaiola, confezionato a uso e consumo di una storia d’amore da stellare box office ma facilmente dimenticabile, strimpellata sdolcinatamente nello strizzar l’occhio al botteghino e non ai sentimenti profondi e credibilmente pregnanti.

Il marketing gli ha dato però prevedibilmente ragione.

Eppure Lady Gaga rimane una bruttina che inevitabilmente piace e con la voce ci sa fare.

Non facendoci rimpiangere molto la somigliante, fisicamente e non, Barbra Streisand.

a-star-is-born-recensione-film-03

A Star Is Born – Il Blu-Ray Disc

Prodotto e distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia, il blu-ray disc di A Star Is Born, offre un comparto tecnico di buon livello e discreti contributi di approfondimento. Il quadro video è ottimo, sebbene nella trasposizione si è inevitabilmente persa qualche live sfumatura cromatica che sul grande schermo risultava più nitida e colorata. Nulla di trascendentale, probabilmente si è spinto un po’ con i livelli del nero in alcune sequenze. Il video in generale come già detto resta ottimo.

Leggi l’altra recensione di A Star is Born

Per quanto riguarda l’audio abbiamo una traccia molto compatta per il doppiaggio italiano in 5.1 Dolby digital, senza particolari sbavature, ottimamente allineato musicalmente, è il caso di dirlo, a un tipo di pellicola di questo tipo. Nulla però al cospetto della codifica lossless in Dolby Atmos per la lingua inglese di altra potenza e grinta sonora.

Sul versante dei contenuti speciali invece troviamo i seguenti extra:

  • The Road to Stardom: Making A Star Is Born, un bel video di behind the scenes, della durata esatta di 30 min in Bradley Cooper ci spiega nei dettagli la lavorazione.
  • Jam Session and Rarities (09:47): un breve video sulle prove canore di Cooper.
  • Music Videos: tutti i quattro celeberrimi video delle canzoni Shallow, Look What I Found, Always Remember Us This Way e I’ll Never Love Again di Lady Gaga. (circa 14 minuti di durata)
  • Musical Moments: La possibilità di accedere direttamente alle scene musicali del film.
[amazon_link asins=’B07JPJ3JF7,B07JQ7DKB4,B07L432YBL,B07JPJ3JF6′ template=’ProductCarousel’ store=’darumaviewit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’35ea5e6e-4d3d-4e19-a777-2e62463e5101′]

About Stefano Falotico

Stefano Falotico
Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

backtrace-recensione-bluray-copertina

Backtrace – Recensione del Blu-Ray del film con Stallone e Modine

Backtrace: Arriva direttamente in home video con Koch Media, l’intrigante ma imperfetto thriller mnemonico con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.