Home / RECENSIONI / Commedia / Troppa Grazia – Una commedia che scanzona l’ossessione italiana per le apparizioni religiose e l’antico vizio della corruzione

Troppa Grazia – Una commedia che scanzona l’ossessione italiana per le apparizioni religiose e l’antico vizio della corruzione

Troppa Grazia: Gianni Zanasi, già apprezzato per il riuscito Non pensarci e per La felicità è un sistema complesso, torna al cinema con la commedia surreale  presentata all’ultimo Festival di Cannes e vincitrice del premio Label Europa Cinema.

Lucia (Alba Rohrwacher) è una geometra e la mamma di Sara, una adolescente introversa e a tratti scontrosa. La giovane mamma trova difficoltà a trovare un posto nel mondo, non riesce a tenersi un uomo ed è costretta ad arrabattarsi tra mille espedienti per garantire la sopravvivenza a se stessa e a sua figlia. Costretta a lavorare per un progetto caratterizzato da evidenti elementi fraudolenti, si sente forzata a scendere a compromessi per restare a galla, tuttavia la vita inaspettatamente la mette di fronte ad un elemento totalmente imprevisto. Lucia inizia ad avere apparizioni della Madonna (Hadas Yaron)!

troppa-grazia-recensione-film-01

Cosa funziona in Troppa Grazia

Gianni Zanasi scardina i paradigmi classici del realismo imperante, che impone la coerenza di trama a tutti i costi, per costruire una commedia surreale e divertente scanzonando la mania tutta italiana delle apparizioni mariane come anche l’irrinunciabile vizio per la corruzione.

troppa-grazia-recensione-film-02

Il registro comico è ben calibrato in questa commedia, Troppa Grazia, sollazza ampiamente lo spettatore attraverso la comprovata esperienza di Zanasi, coadiuvata da un cast di tutto rispetto in cui troviamo Alba Rohrwacher, Elio Germano, Giuseppe Battiston e una bravissima Hadas Yaron nei panni della Vergine.

Perché non guardare Troppa Grazia

Se la pellicola complessivamente funziona dal punto di vista dell’intrattenimento, sul finale l’aspetto grottesco prende il sopravvento e il tutto sembra non andare a parare veramente da nessuna parte. Lo spettatore attento però troverà Il senso della pellicola nella similitudine che è l’espediente narrativo principale attraverso il quale, si riflette sulla capacità di credere ancora in se stessi, nel futuro, nonostante le amarezze della vita, nella necessità di rimanere coerenti con le proprie convinzioni, senza essere troppo inflessibili nella ricerca di una trama coerente.

Una pellicola divertente ma non per tutti.

Troppa Grazia sarà in sala dal 22 novembre con Bim Distribuzione

Regia: Gianni Zanasi Con: Alba Rohrwacher, Elio Germano, Giuseppe Battiston, Hadas Yaron, Carlotta Natoli, Thomas Trabacchi, Daniele De Angelis, Rosa Vannucci, Teco Celio Anno: 2018 Durata: 110 min. Paese: Italia, Spagna, Grecia Distribuzione: Bim Distribuzione

About Elisabetta Prantera

Elisabetta Prantera
Ricercatrice sociale/redattrice, saltella da una vita tra una rilevazione e la visione compulsiva di film e serie tv...perché un buon film può sanare quasi tutti i mali del corpo e dello spirito.

Guarda anche

twilight-saga-recensione-bluray-copertina

The Twilight Saga Collection – Recensione e Video del cofanetto limited edition con la saga completa in Bluray

Twilight: Per festeggiare il 10 anniversario dal suo debutto nelle sale, torna in Home Video …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.