Home / HOME VIDEO / The Place, recensione del Blu-Ray Disc del film di Paolo Genovese

The Place, recensione del Blu-Ray Disc del film di Paolo Genovese

The Place:  Paolo Genovese, torna in home video con un film corale che gioca con la moralità e l’immoralità dei suoi protagonisti.

All’interno del The Place, un misterioso uomo (Valerio Mastandrea) e seduto sempre allo stesso tavolo, pronto ad ascoltare qualunque desiderio dei suoi visitatori. Per soddisfare le richieste dei suoi ospiti, l’uomo richiede di svolgere un compito per lui, qualunque esso sia. All’Uomo arrivano così le richieste più disparate, dal desiderio di diventare più bella al bisogno di salvare la vita del proprio figlio, fino alla volontà di recuperare la propria fede nel signore da parte di una giovane suora. I richiedenti saranno disposti a pagarne il prezzo?

the-place-recensione-bluray-altro

Dopo Perfetti Sconosciuti, che ha riscosso un notevole successo, Paolo Genovese riprova la strada della pellicola corale con un secondo film dedicato al confronto tra individui, elevando ancora di più la narrazione al totale utilizzo della parola. Tutti i fatti narrati nel film, sono totalmente raccontati dalle parole, espressioni e movimenti del corpo dei personaggi, lasciando all’immaginazione dello spettatore l’onere di ricostruire le situazioni e gli scenari. Ispirato ad una serie televisiva americana, The Booth at the End (prima stagione disponibile su Netflix), The Place, è un progetto coraggioso e intrigante che non può lasciare indifferenti. Contrariamente al suo predecessore non cerca furbescamente, e erroneamente, un finale consolatorio alla “volemose bene”, anche se per quasi tutti i protagonisti sarà in qualche modo risolutivo.  Consigliato.  

the-place-recensione-bluray-testa

Distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia, su licenza Medusa Film, il blu-ray disc di The Place, arriva sul nostro mercato in una più che discreta trasposizione domestica, purtroppo avara dal punto di vista degli approfondimenti. Il quadro video si dimostra quasi sempre appagante, presentando un’immagine ottimamente definita, in cui vengono esaltati i volti dei protagonisti. Non si segnalano evidenti segni di compressione o altri artefatti.

the-place-recensione-bluray-centro

Sul versante audio troviamo una codifica lossless in 5.1 DTS HD Master Audio di ottima qualità. Un film totalmente devoto ai dialoghi perfettamente riproposti con pulizia e ampiezza del suono. Presenti anche i sottotitoli in lingua inglese.

Nonostante l’importanza dei temi trattati e la presenza di un cast stellare per il nostro cinema, sono stati inclusi solo due semplici e brevi contenuti speciali.

Backstage (04:43) Immagini dal set con interventi di cast e troupe.
Videoclip di Marianne Mirage (03:19)

The Place:  Paolo Genovese, torna in home video con un film corale che gioca con la moralità e l'immoralità dei suoi protagonisti. All'interno del The Place, un misterioso uomo (Valerio Mastandrea) e seduto sempre allo stesso tavolo, pronto ad ascoltare qualunque desiderio dei suoi visitatori. Per soddisfare le richieste dei suoi ospiti, l'uomo richiede di svolgere un compito per lui, qualunque esso sia. All'Uomo arrivano così le richieste più disparate, dal desiderio di diventare più bella al bisogno di salvare la vita del proprio figlio, fino alla volontà di recuperare la propria fede nel signore da parte di una giovane…
Commento Finale

Il blu-ray disc di The Place, arriva sul nostro mercato in una più che discreta trasposizione domestica, purtroppo avara dal punto di vista degli approfondimenti.

User Rating: Be the first one !

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

211-rapina-in-corso-recensione-film-copertina

211 – Rapina in corso, abbiamo visto il nuovo film con Nicolas Cage

211 – Rapina in corso: Nonostante il suo essere bollito il nostro Nicolas sforna un film …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *