Home / RECENSIONI / Horror / Slender Man – Sylvain White porta al cinema il misterioso spettro digitale

Slender Man – Sylvain White porta al cinema il misterioso spettro digitale

Slender Man: Sylvain White porta sul grande schermo il personaggio creato nel 2009 da Eric Knudson con un lavoro di photo editing che raffigurava un misterioso spettro su immagini riprese dalla quotidianità di bambini che giocano.

Rappresentato come una figura dalle caratteristiche aracnoidi, alta e magra, in completo nero e senza volto che rapisce i bambini, Slender Man è diventato uno dei boogeyman della cultura popolare comparendo in videogiochi e storie online e protagonista di alcuni inquietanti casi di cronaca nera avvenuti nel 2014 negli USA ad opera di adolescenti.

slender-man-recensione-film-01

In una piccola città del Massachusetts, quattro amiche, per trascorrere la serata, decidono di sfatare il mito di Slender Man seguendo un rituale di evocazione trovato online. Qualcosa di strano però effettivamente accade e una delle quattro ragazze scompare durante una gita scolastica: da quel momento bambini e ragazzi non saranno più al sicuro e le ragazze devono trovare il modo per fermare Slender Man prima che porti via anche loro.

slender-man-recensione-film-02

Cosa funziona in Slender Man

Slender Man funziona per una tranquilla serata di home video senza pretese. Un teen horror versione light, magari per un pubblico teen che inizia ad appassionarsi al genere. Sicuramente colpisce il pubblico più inesperto perché non mancano i salti sulla sedia, e perché le atmosfere umide e buie, le ambientazioni boschive danno una grande mano.

slender-man-recensione-film-03

Perché non guardare Slender Man

Purtroppo per gli avvezzi al genere questo Slender Man risulterà un po’ fiacco. Sicuramente è un personaggio dalle mille sfaccettature ma è come se non riuscisse ad emergere.  Sembra quasi che voglia incarnare e ricordare una grande moltitudine di boogeyman senza però trovare una sua caratterizzazione vera e propria. Nonostante il cast di tutto rispetto, anche le protagoniste non sembrano ben delineate: di loro si sa poco e niente e questo non aiuta a immedesimarsi con loro e la loro storia, anzi, quasi si parteggia per Slender Man, nella speranza di vederlo veramente cattivo e impressionante come altri suoi “colleghi”.

Regia: Sylvain White Con: Joey King, Julia Goldani Telles, Annalise Basso, Jaz Sinclair, Javier Botet, Kevin Chapman, Michel Really Burke, Taylor Richardson, Jessica Blank Anno: 2018 Durata: 93 min. Paese: USA Distribuzione: Warner Bros.

About Silvia Aceti

Avatar

Guarda anche

cursed-recensione-serie-tv-copertina

Cursed – Recensione della serie di Netflix e le differenze rispetto al libro

Cursed: la recensione della serie TV targata Netflix con annessa analisi delle differenze rispetto al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.