Home / RECENSIONI / Searching – Recensione del film che utilizza monitor e cellulari come strumento di narrazione

Searching – Recensione del film che utilizza monitor e cellulari come strumento di narrazione

Searching: Presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2018 nella sezione NEXT, il film segna l’esordio alla regia di Aneesh Chaganty, e sarà nelle sale italiane dal 18 ottobre 2018.

David (John Cho) non ha più notizie della figlia Margot (Michelle La) e dopo aver cercato inutilmente di contattarla per un intero giorno si decide a chiamare la polizia per denunciarne la scomparsa. Il caso viene affidato alla detective Rosemary Vick (Debra Messing) che affiancata dallo stesso David cercherà di ritrovare la ragazza scomparsa. David eseguirà tutte le sue ricerche parallele attraverso qualsiasi media digitale a sua disposizione.

searching-recensione-film-01

Cosa funziona in Searching

Avvalendosi della scia creata da film precedenti come Unfriended, Searching di Aneesh Chaganty, cosceneggiato in compagnia di Sev Ohanian, è interamente costruito in modo che lo spettatore si ritrovi di fronte agli schermi dei PC e dei cellulari usati dal protagonista durante la ricerca della figlia scomparsa. Lo svolgimento della trama non è per nulla scontato e scorre da uno schermo all’altro, da un’informazione trovata online tra social per adolescenti fino ai messaggi via cellulare. L’elemento thriller, si ritrova su due piani diversi ma paralleli, quello reale della scomparsa di una persona, una figlia, e quello virtuale, una continua scoperta di segreti, che un genitore non sospetta minimamente possa avere un figlio.

searching-recensione-film-02

Perché non guardare Searching

Essendo un precursore del genere, un thriller interamente raccontato attraverso gli schermi di computer e cellulari, forse non siamo ancora abituati a questo tipo di film, e a volte si rischia di sentirsi come distaccati dalla vicenda.

Non per questo però Searching risulta meno godibile, anzi. Riesce ad intrattenere lo spettatore per tutta la sua durata con una serie di accurati ribaltamenti situazionali. Fortunatamente non vuole essere un film solo sui “mali” della tecnologia nel mondo contemporaneo, come si potrebbe superficialmente pensare: vuole più che altro essere un modo per mettere lo spettatore sul chi va là ma anche guardando al lato buono della tecnologia, che nel film, se da un lato allontana i protagonisti dall’altro è l’unico mezzo per risolvere un caso.

Searching sarà al cinema dal 18 ottobre con Warner Bros. Italia

Regia: Aneesh Chaganty Con: John Cho, Debra Messing, Joseph Lee, Michelle La, Sara Sohn, Thomas Barbusca, Alex Jayne Go, Gage Biltoft Anno: 2018 Paese: USA Durata: 101 min. Distribuzione: Warner Bros. Italia

About Silvia Aceti

Guarda anche

Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa – Dal 4 dicembre in home video

E’ un ritorno attesissimo quello di Hotel Transylvania 3: Una vacanza mostruosa, terzo capitolo della saga …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.