Home / RECENSIONI / Quello che non so di Lei – Emmanuelle Seigner ed Eva Green protagoniste del nuovo thriller psicologico di Polanski

Quello che non so di Lei – Emmanuelle Seigner ed Eva Green protagoniste del nuovo thriller psicologico di Polanski

Adattamento del romanzo di Delphine de Vigan, Da una storia vera, Quello che non so di Lei segna il ritorno  di Roman Polanski al thriller psicologico. Con due protagoniste d’eccezione: Emmanuelle Seigner e Eva Green.

Delphine (Emmanuelle Seigner) è una scrittrice di successo. Il suo ultimo romanzo, quello più personale in cui racconta la storia della sua famiglia, è diventato un best-seller mondiale. Tutti aspettano un suo nuovo romanzo, ma Delphine è paralizzata, ha un blocco creativo. Un giorno, per caso, incontra Leila (Eva Green), una giovane donna affascinante e misteriosa, comparsa dal nulla, eppure capace con naturalezza di entrare nella sua vita, come amica e confidente. La presenza di Leila in poco tempo diventa imprescindibile e quella che sembrava essere un’amicizia si trasforma in un rapporto morboso e ambiguo. Ma chi è davvero Leila? E cosa vuole realmente da Delphine?

quello-che-non-so-di-lei-recensione-alto

Cosa funziona in Quello che non so di Lei

Polanski manifesta grande abilità e invenzione nell’alimentare la suspense a fuoco lento e le atmosfere sinistre. L’aspetto più perverso di Quello che non so di Lei è, forse, la sua risoluzione: dopo due ore di accumulo, il film si chiude bruscamente su una nota così stonata che a malapena si qualifica come finale. Affascinante, poi, ma fin troppo programmatico, il gioco al massacro tra noir e mélo che diverte e mette in mostra l’alta classe del suo regista, con ellissi improvvise e una suspense che non conduce mai dove ci si immagina.

quello-che-non-so-di-lei-recensione-centro

Perchè non guardare Quello che non so di Lei

Quello che non so di Lei, risulta un film più immediato rispetto al recente passato di Polanski, questo lo rende meno interessante.

quello-che-non-so-di-lei-recensione-basso

Offrendo poco materiale nuovo, questo sofisticato psyco-thriller di Polanski è almeno una buona vetrina per le due attrici protagoniste; mentre l’abbinamento tra l’autore e il regista di Sils Maria e Personal Shopper, Olivier Assayas, qui esclusivamente per il ruolo di sceneggiatore, non mantiene le promesse.

Regia: Roman Polanski Con: Emmanuelle Seigner, Eva Green, Vincent Perez, Dominique Pinon, Brigitte Roüan, Noémie Lvovsky, Josée Dayan, Damien Bonnard, Saadia Bentaieb Durata: 110 Min. Anno: 2017 Paese: Francia, Belgio Distribuzione: 01 Distribution

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

robin-hood-origine-leggenda-recensione-copertina

Robin Hood – L’origine della leggenda – L’eroe popolare del Regno Unito diventa il simbolo dell’anticorruzione

Robin Hood – L’origine della leggenda: Il regista di serie TV di successo, Otto Bathurst (Peaky Blinders e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.