Home / HOME VIDEO / Poveri ma Ricchissimi, la recensione del Blu-Ray del chiacchierato cinepanettone di Warner Bros

Poveri ma Ricchissimi, la recensione del Blu-Ray del chiacchierato cinepanettone di Warner Bros

Poveri ma Ricchissimi: Dopo un sorprendente e divertente primo capitolo, il film diretto da Fausto Brizzi, diventato poi l’innominabile al tempo dell’uscita in sala per i noti problemi di abusi sessuali (ancora non chiariti), arriva anche in home video per cercare di bissare il successo del suo predecessore, confermando la formula ma variando, di poco, la sostanza.

La famiglia Tucci è tornata senza un euro nella povertà della periferica Torresecca, in attesa di dare l’ultimo saluto all’amata/odiata nonna Nicoletta (Anna Mazzamauro), colpita da un’apparente grave malattia. Per un momentaneo ripensamento Kevi, rivela alla nonna che in realtà sono ancora ricchi e che lui e Gustavo, il maggiordomo, hanno inventato la storia della truffa per difendere la famiglia dalle problematiche legate all’oscuro fascino del denaro. Scoperta la verità nonna Nicoletta torna dal mondo dei morti mentre la famiglia Tucci progetta di aprire una friggitoria di Supplì. Nonostante i buoni propositi,  si scontrano subito con la problematica legata alle tasse da pagare allo stato per la propria attività. Decidono così, in piena “brexit britannica”, di votare per l’uscita dall’Italia e di far diventare Torresecca uno stato indipendente. La votazione ha successo ma dirigere uno stato indipendente non sarà facile come preventivato.  Seguito parzialmente riuscito che cerca di rimescolare le carte attraverso l’utilizzo di espedienti narrativi che si rifanno alla realtà quotidiana. Godibile per una serata in famiglia.

poveri-ma-ricchissimi-recensione-bluray-02

Prodotto e distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia, il blu-ray disc di Poveri ma Ricchissimi, si avvale di un comparto tecnico all’altezza e di pochi spunti di approfondimento negli extra. Il quadro video è felicemente compatto e dettagliato, non mostra segni di cedimento eclatanti neanche durante le scene più scure.

Il comparto audio presenta una traccia lossless in formato 5.1 DTS HD Master Audio di buona qualità, abile nel replicare con successo le stesse atmosfere godute durante la visione in sala.

poveri-ma-ricchissimi-recensione-bluray-01

Povero il versante dei contenuti speciali che oltre al trailer, offre lo stesso identico dietro le quinte in versione estesa e ridotta.

  • Backstage (02:53) Il cast racconta il tema del film attraverso le immagini dal set.
  • Featurette (07:37) Stesso speciale ma in versione estesa.
  • Trailer
Poveri ma Ricchissimi: Dopo un sorprendente e divertente primo capitolo, il film diretto da Fausto Brizzi, diventato poi l'innominabile al tempo dell'uscita in sala per i noti problemi di abusi sessuali (ancora non chiariti), arriva anche in home video per cercare di bissare il successo del suo predecessore, confermando la formula ma variando, di poco, la sostanza. La famiglia Tucci è tornata senza un euro nella povertà della periferica Torresecca, in attesa di dare l’ultimo saluto all'amata/odiata nonna Nicoletta (Anna Mazzamauro), colpita da un’apparente grave malattia. Per un momentaneo ripensamento Kevi, rivela alla nonna che in realtà sono ancora ricchi e…
Commento Finale

Il blu-ray disc di Poveri ma Ricchissimi, si avvale di un comparto tecnico all'altezza e di pochi spunti di approfondimento negli extra.

User Rating: Be the first one !

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

luomo-sul-treno-recensione-bluray-copertina

L’uomo sul treno, recensione del Blu-Ray Disc del film con Liam Neeson

L’uomo sul treno: Dopo il discreto riscontro di pubblico in sala il film con protagonista …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *