Home / RECENSIONI / Animazione / Penguin Highway – Alla ricerca di pinguini con il piccolo Aoyama per cercare le risposte a domande esistenziali

Penguin Highway – Alla ricerca di pinguini con il piccolo Aoyama per cercare le risposte a domande esistenziali

Penguin Highway di Hiroyasu Ishida approda nelle sale italiane, solo per il 20 e il 21 novembre, dopo il successo di Mirai di Mamoru Hosoda,  per il secondo appuntamento con la Stagione degli Anime al Cinema, distribuiti da Nexo Digital in collaborazione con Dynit.

Nell’inventivo e surreale lungometraggio di Hiroyasu Ishida, Aoyama, un ragazzino di dieci anni, studente serio e diligente osserva e conosce il mondo tenendo dei quaderni su cui annota quotidianamente le sue osservazioni, i suoi esperimenti e le sue esplorazioni. Un giorno alcuni pinguini compaiono improvvisamente nella città in cui vive. Ma, così come sono apparsi, misteriosamente i pinguini spariranno e Aoyama decide di indagare.

penguin-highway-recensione-film-01

Cosa funziona in Penguin Highway

Per il suo lungometraggio d’esordio, Hiroyasu Ishida, ha infuso tutti i suoi personaggi di grande carisma portandoli attraverso un percorso narrativo che a partire dallo strano caso dell’apparizione dei pinguini arriva ad indagare nell’animo umano, spostandosi dal raggiungimento della maggiore età alla spiritualità, cercando di dare un senso a domande esistenziali attraverso i pensieri di un ragazzino aiutandosi con l’elemento del fantasy.

penguin-highway-recensione-film-01

Perché non Guardare Penguin Highway

Non è che non dobbiate vederlo, anzi. Però, proprio per la sua natura di esordio, Penguin Highway ha qualcosa che confonde e blocca lo spettatore. La narrazione non è lineare e questa sua caratteristica lo può rendere di difficile comprensione: sembra voler dire delle cose e allo stesso tempo tenercele nascoste. Questo detto/non detto va inoltre ad aggiungersi ad una durata fin troppo generosa per un lungometraggio dedicato per  buona parte ad pubblico adolescente.

Ne la Stagione degli Anime al Cinema, distribuiti da Nexo Digital in collaborazione con Dynit, questo secondo appuntamento sembra voler suggerire un filo conduttore che lo collega con Mirai. Se nel primo assistiamo alla stravagante avventura spazio-tempo di un bambino di 4 anni che ci riflette il mondo coi suoi occhi, con Penguin Highway arriviamo alla stagione in cui da ragazzini iniziamo a porci alcune domande sul mistero della crescita e della vita in generale.

Regia: Hiroyasu Ishida Paese: Giappone Anno: 2018 Durata: 120 min. Distribuzione: Nexo Digital

About Silvia Aceti

Avatar

Guarda anche

too-old-die-young-recensione-refn-miles-teller-poster

Too Old to Die Young, recensione della serie di Nicolas Winding Refn con Miles Teller

Da pochi giorni è disponibile, in esclusiva per gli abbonati di Amazon Prime Video, la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.