Home / RECENSIONI / Documentario / Kedi, la città dei gatti, l’equilibrio di mutua assistenza tra le strade di Istanbul

Kedi, la città dei gatti, l’equilibrio di mutua assistenza tra le strade di Istanbul

Il 22 e il 23 maggio al cinema i gatti saranno protagonisti indiscussi per l’uscita evento di Kedi, la città dei gatti di Ceyda Torun, in sala con Wanted Cinema. 

Centinaia di migliaia di gatti vivono nelle strade di Istanbul. Da migliaia di anni, i gatti accompagnano le vite degli abitanti della metropoli turca, divenendo una parte importantissima della comunità. Senza padrone, i gatti di Istanbul vivono a cavallo tra due mondi, né addomesticati né selvatici, portando gioia nelle vite delle persone che hanno deciso di adottare: sono infatti i gatti a decidere chi può prendersi cura di loro. A Istanbul i gatti sono uno specchio dei cittadini, capaci di aiutarli a riflettere su loro stessi e la città. A Istanbul i gatti incarnano il caos e la cultura della città e questo documentario ne racconta le diverse anime attraverso di loro.

kedi-la-citta-dei-gatti-recensione-film-copertina

Cosa funziona in Kedi, la città dei gatti

La regista Ceyda Torun fotografa la città di Istanbul attraverso la sua prospettiva di adoratrice dei gatti: mentre altrove il randagismo è considerato un problema, sembra che a Istanbul la comunità umana e quella felina abbiano trovato un equilibrio di mutua assistenza: i gatti vivono liberamente, e scelgono i loro padroni, mentre gli umani si sentono dei privilegiati ad essere stati scelti, e si prendono cura dei gatti di strada senza interferire nelle loro vite selvatiche e senza rivendicarne la proprietà.

kedi-la-citta-dei-gatti-recensione-film-01

Kedi, mostra alcune di queste “personalità” feline e gli umani che si prendono cura di loro: non si vergogna di mostrare il processo di antropomorfizzazione di questi animali: c’è infatti una buona dose di proiezione umana nei resoconti verbali delle vite dei gatti, ma il film, con la sua telecamera mobile a terra ad altezza di sguardo felino o guardando in basso dai tetti, non sembra volerla nascondere.

kedi-la-citta-dei-gatti-recensione-film-03

Perché non guardare Kedi, la città dei gatti

L’unico motivo che ci viene in mente per non guardarlo è non essere degli amanti dei gatti e degli animali in generale. Perchè in fondo Kedi, è sì un documentario sui gattari di Istanbul, ma anche la dichiarazione d’amore della regista Ceyda Torun ai felini, alla città di Istanbul ed ai suoi abitanti. Un modo per svelarci che umani ed animali possono vivere felici insieme, condividendo la vita anche nelle grandi città, rendendole anche migliori, e che ognuno dei due regni può trarre beneficio l’uno dall’altro.

Regia: Ceyda Torun Con: Bulent Ustun Anno: 2016  Durata: 80 min. Paese: USA, Turchia Distribuzione: Wanted

About Silvia Aceti

Guarda anche

dont-worry-recensione-film-copertina

Don’t worry – Caustico e commuovente, Gus Van Sant, firma una delle sue opere migliori portando sul grande schermo la complessa personalità di John Callahan.

Don’t worry : L’ultima fatica del poliedrico Gus Van Sant, regista di Belli e Dannati, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *