Home / TV / Serie TV / In Punta di Piedi – Lunedì 5 febbraio, su Rai1, la danza combatte la camorra in un tv movie tutto al femminile

In Punta di Piedi – Lunedì 5 febbraio, su Rai1, la danza combatte la camorra in un tv movie tutto al femminile

Alessandro D’Alatri, alla sua prima prova tv, dirige Bianca Guaccero e Cristiana Dell’Anna in una storia di speranza e di donne che, con amore, sacrificio e coraggio, riescono a ribellarsi ad un destino già scritto. Lunedì 5 febbraio su Rai1.

In Punta di Piedi è un film anti camorra tutto al femminile, ispirato a una storia vera. Angela (Giorgia Agata), 11 anni, ha un sogno: diventare una ballerina classica. Fin qui è tutto nella norma se non fosse che Angela vive a Secondigliano ed è la figlia di Vincenzo (Marco Palvetti) , capo piazza dei Peluso, che decide di tradire il suo clan ed entrare nelle file di quello avversario. Vincenzo è braccato dai suoi “vecchi amici” e Angela e sua madre Nunzia (Cristiana Dell’Anna) sono in pericolo quanto lui, per questo vivono come recluse. Angela grazie al suo grande talento, alla determinazione e al sacrificio di sua madre, al coraggio della sua insegnante Lorenza (Bianca Guaccero), riuscirà a fuggire dalle atrocità e dalle brutture cui sembrava destinata, a costruirsi una brillante carriera lontana dalla violenza della camorra, e a diventare una famosa étoile.

un film anticamorra tutto al femminile, ispirato ad una vicenda vera (che risale al 2005, il periodo degli scissionisti, ma è ambientata nei giorni nostri ndr). Una battaglia combattuta con amore, sacrificio e coraggio da tre donne che riescono a ribellarsi ad un destino già scritto

“Due madri coraggio in una Napoli che è sì una città dolente ma è anche viva – spiega il produttore Luca BarbareschiC’è voglia di rinascita, una crisalide diventa farfalla. Il film è tratto da una storia vera, qualcosa è veramente esistito, due donne che decidono di salvare la vita di una bambina, che oggi vive ancora sotto copertura, ed è una etoile di ballo veramente, mentre la madre vive all’estero”. Una storia del 2005, ambientata però ai giorni nostri tra i territori di Napoli e Caserta: “E’ una storia di recupero, di crescita, del bene che trionfa sul male, una contrapposizione tra la violenza del male e l’eleganza della danza” racconta invece il regista D’Alatri, alla sua prima esperienza televisiva.

In Punta di Piedi racconta, quindi, il coraggio di una madre e la generosità di un’insegnante, parla di speranza e della forza che la consapevolezza sprigiona, parla della potenza della bellezza contro la povertà della sopraffazione ed è dedicato a tutti coloro che scelgono di scegliere. E’ un racconto tutto al femminile: le figure di una insegnante, ex ballerina, e della madre della bambina sono le complici che, con una serie di atti di coraggio e di presa di coscienza, riescono a modificare le condizioni di una giovane vita e ad annientare la cieca violenza di un maschile primitivo opponendo sensibilità e amore.

in-punta-di-piedi-centro

Prodotto dalla Casanova Multimedia di Luca BarbareschiRai Fiction, diretto dal regista Alessandro D’Alatri, In Punta di Piedi vuole raccontare il coraggio di tre donne della provincia napoletana che, grazie alla loro determinazione, riescono a vincere, o quasi, contro il potere della camorra. Lunedì, 5 febbraio, in prima serata su Rai1.

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

suburra-2-via-riprese-seconda-stagione-cover

Suburra 2: al via oggi le riprese della seconda stagione

Suburra 2: Al via le riprese della serie. Una produzione Cattleya in collaborazione con Rai Fiction …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *