Home / TV / Serie TV / Il confine: una nuova miniserie tv Rai dedicata alla Grande Guerra con un ricco cast d’eccezione

Il confine: una nuova miniserie tv Rai dedicata alla Grande Guerra con un ricco cast d’eccezione

Dopo “Fango e Gloria – La Grande Guerra”, la prima guerra mondiale torna protagonista sulla Rai con Il Confine, lo sceneggiato televisivo del regista Carlo Carlei (Romeo and Juliet 2013, I bastardi di Pizzofalcone) diviso in due puntate (in onda il 15 e il 16 maggio 2018 su Rai, e disponibile naturalmente su Rai Play la piattaforma digitale della Rai)

Il Confine 01

Trieste, 1914. Bruno Furian (Filippo Scicchitano), Emma Cattonar (Caterina Shulha) e Franz Von Helfert (Alan Cappelli Goetz) sono tre amici triestini che vedono scoppiare il primo conflitto mondiale quando manca poco all’esame di maturità. Una vera e propria pugnalata nella loro vita, fatta di sogni e speranze, costretti ora a sopravvivere in mezzo all’orrore della trincea o dei bombardamenti.

Un progetto che è cominciato a nascere esattamente 100 anni dopo la dichiarazione di guerra dell’Italia all’Austria-Ungheria, e concluso un secolo dopo il termine del conflitto, Il Confine di Carlo Carlei è una storia intensa, realizzata sullo stile dei bei sceneggiati Rai di diversi anni fa, e che vede un cast davvero variegato e di spessore. Carlo Carlei ha coniugato il materiale di ricerca storica con il suo stile, a volte epico, a volte intimo. 100 anni sono tanti ma nonostante ciò gli eventi narrati ne Il Confine sono ancora molto attuali, come evidenziato dalla protagonista femminile Caterina Shulha, che spera ce lo sceneggiato Rai possa essere d’esempio per le nuove generazioni, così come il regista si rallegra del fatto che finalmente negli Stati Uniti i giovani si stanno opponendo alla troppa liberalizzazione delle armi.

Il confine 02

Oltre ai tre già citati protagonisti, abbiamo Alessandro Speduti nel ruolo di Ruggero Furian, Stefano Dionisi (Davide Cattonar), Florenza Tessari (Agnese Furian), Luigi Petrucci (Generale Cappello) e per gli appassionati di doppiaggio, tre grandi professionisti del settore. Roberto Chevalier, voce di Tom Cruise, nel ruolo di Salandra, Massimo Popolizio, il tenebroso Voldemort di Harry Potter, nel ruolo del Generale Cadorna, ed Emiliano Coltorti, il Soldato d’Inverno della Marvel, qui invece nei panni del Capitano Ornaghi. Per quel che riguarda il cast tecnico, insieme al regista Carlo Carlei Il confine vede la sceneggiatura di Laura Ippoliti e Andrea Purgatori, il montaggio di Carlo Fontana, le musiche di Giovanni Rotondo, e una perfetta ricostruzione storica delle scenografie grazie a Carmelo Agate, senza dimenticare i costumi di Luigi Bonanno, gli arredamenti di Sergio Tribastone e la direzione della fotografia di Gino Sgreva.

Intervista video al regista Carlo Carlei:

Intervista al protagonista Filippo Schicchitano (Bruno Furian)

Intervista ad Alessandro Sperduti (Ruggero Furian)

Intervista ad Emiliano Coltorti (Capitano Ornaghi)

Intervista a Luigi Petrucci (Generale Cappello)

About Valerio Brandi

Guarda anche

hotel-gagarin-recensione-film-copertina

Hotel Gagarin, recensione del film di Simone Spada, con Claudio Amendola e Luca Argentero

Alla sua opera seconda, Simone Spada raduna per Hotel Gagarin un cast d’eccezione: Claudio Amendola, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *