Home / RECENSIONI / Commedia / Famiglia allargata – Commedia familiare sul “dramma” moderno della coabitazione in età adulta

Famiglia allargata – Commedia familiare sul “dramma” moderno della coabitazione in età adulta

Famiglia allargata: La nuova commedia transalpina di Emmanuel Gillibert ci presenta il dramma moderno della coabitazione in età adulta. 

Antoine è un single impenitente che si destreggia felicemente tra il suo lavoro da pubblicitario, feste scatenate con modelle da tutto il mondo e gli amici di sempre. Quando il coinquilino deve trasferirsi a Los Angeles, Antoine si trova improvvisamente a dover dividere la vita con la bellissima Jaenne. Dopo l’iniziale entusiasmo per l’inaspettata fortuna, Antoine scopre però che il “bagaglio” di Jaenne è ben più ingombrante di quello che si sarebbe mai aspettato, la bellissima coinquilina si presenta infatti con una coppia di pargoli dell’età di 8 e 5 anni facendo inesorabilmente naufragare i sogni erotici del vitellone Antoine il quale verrà trascinato contro la sua volontà in una rumorosa e confusionaria dimensione familiare mai desiderata.

famiglia-allargata-recensione-film-01

Cosa funziona in Famiglia Allargata

Questa pellicola francese, opera prima di Emmanuel Gillibert, è una scelta plausibile per una tranquilla serata familiare senza pericoli per i piccoli spettatori ma anche senza particolari emozioni.

famiglia-allargata-recensione-film-02

Perché non guardare Famiglia Allargata

Costruzione didascalica di commedia familiare per la pellicola di Gillibert il cui difetto principale non risiede nell’aver utilizzato espedienti narrativi abbondantemente abusati, la coabitazione forzata tipica delle grandi città e la irruzione della dimensione familiare nella vita del seduttore incallito di turno, ma nel non essere capace mai di costruire nessuna dinamica genuinamente divertente. Recitazione senza infamia e senza lode per Arnaud Ducret e Louise Bourgoin che calzano abbastanza bene, ma senza sensazionalismi, le vesti dell’adorabile Peter Pan e della mamma stressata. Altra pecca della pellicola è quella di presentare per l’ennesima volta una rappresentazione di genere stereotipata un tantino antiquata. In soldoni tutto già visto e rivisto. Inevitabile la svolta sentimentale sul finale che però fallisce totalmente l’intento romantico esattamente come quello comico. Non basta un bell’appartamento a Parigi e una manciata di modelle per fare una pellicola degna della grande tradizione della comedie francaise. Evitabile.

Regia: Emmanuel Gillibert Con: Arnaud Ducret, Louise Bourgoin, Roby Schinasi Anno: 2018 Durata: 105 min. Paese: Francia Distribuzione: Notorious Pictures

About Elisabetta Prantera

Elisabetta Prantera
Ricercatrice sociale/redattrice, saltella da una vita tra una rilevazione e la visione compulsiva di film e serie tv...perché un buon film può sanare quasi tutti i mali del corpo e dello spirito.

Guarda anche

tomb-raider-recensione-bluray-copertina

Tomb Raider – Recensione del Bluray 4K del film con Alicia Vikander

Tomb Raider : Dopo il buon riscontro di critica, sopratutto dei videogiocatori, Warner Bros. Entertainment Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *