attrici-bollite-sharon-stone-copertina
Home / CINEMA / Attrici bollite: Sharon Stone, l’incarnazione dei misteri dell’umanità

Attrici bollite: Sharon Stone, l’incarnazione dei misteri dell’umanità

Ebbene, sto offrendo una panoramica, spero divertente, corrosiva, irriverente e un pizzico sadica, invero lucidissima e profondamente obiettiva, sugli attori che considero oramai al capolinea o che forse saranno salvati in extremis, per il rotto della cuffia, come si suol dire, da qualche grande cineasta particolarmente magnanimo che offrirà loro il ruolo della perpetua salvazione per redimerli da una carriera finita “in prescrizione”, o nella dannata, più sconcia perdizione.

Oggi però voglio parlarvi non di un maschio, bensì di una delle esponenti più egregie, si fa per dire, del gentil sesso hollywoodiano, la mitica, imbattibile, sempiterna e benemerita Sharon Stone. Colei che, a mio avviso incarna ineludibilmente uno dei più ignoti, inconcepibili misteri dell’umanità. Sì, perché Sharon Stone, a distanza di quasi trent’anni dalla pellicola che ne ha decretato il suo fenomeno e l’ha resa popolare in tutto il mondo, ovvero Basic Instinct, a eccezion fatta del capolavoro Casinò di Martin Scorsese e del bizzarro e interessante Pronti a morire di Sam Raimi, possiamo asserirlo platealmente, senz’ombra alcuna di dubbio, deve la sua celebrità al semplice fatto di essere celeberrima per ragioni che a me sfuggono. Come sfuggirebbero a chiunque dotato di senno. Bastano tre quattro film per elevarla intramontabilmente a star planetaria?

attrici-bollite-sharon-stone-01

Sì, la signorina Sharon Stone, nata in Pennsylvania il 10 Marzo del 1958, esordisce con Woody Allen in uno dei suoi film meno riusciti, Stardust Memories, ma nessuno si accorge di lei perché nel film è soltanto una mezza comparsata del tutto superflua e accessoria. Al che gira filmacci che siamo sicuri che esistano solo perché vengono contemplati da IMDb o su qualche vademecum delle filmografie attoriali, roba indegna e terrificante come Allan Quatermain e le miniere di re Salomone (il regista John Lee Thompson qui era ai minimi storici), Gli avventurieri della città perduta, Scuola di polizia 4, Ossessione d’amore, e gli sfacciati b movie Action Jackson con Carl Weathers (sì, Apollo Creed) e Nico con Steven Seagal!

Al che la sua bellezza viene notata e le danno spazio maggiore Paul Verhoeven con Atto di forza e John Frankenheimer col suo film più brutto di sempre, L’anno del terrore. Nel mezzo ci sta un’altra schifezza, Scissors – Forbici.

Al che sempre Paul Verhoeven, dopo aver offerto la parte da protagonista a Julia Roberts, Geena Davis, Kim Basinger e Meg Ryan, e ottenendo puntualmente i loro no secchi, non sa più a chi rivolgersi, e allora sceglie ancora, memore di Total Recall, Sharon Stone, per il suo epocale, “scandaloso” Basic Instinct. La Stone, della quale si vocifera che all’epoca avesse una tresca segreta proprio con Verhoeven, accetta senza batter ciglio. È un ruolo rischioso, deve spogliarsi con generosità (anche se in molte scene “hard” userà la controfigura), non aver paura di niente, deve gettarsi a capofitto in questo thrillerino erotico sopravvalutato, concedendo le sue grazie voluttuose all’impertinente e pruriginosa macchina da presa, e girerà sfrontata e disinibita la famosa scena dell’interrogatorio senza mutandine…

attrici-bollite-sharon-stone-02

Al che, scoppia la Sharon mania. Gli uomini vanno matti per questa donna, il film diventa a sorpresa un campione d’incasso stratosferico per gli standard dell’epoca, considerando il budget relativamente basso, e la Stone trionfa sulle copertine più platinate dell’intero globo. Sì, a lei è bastato maliziosamente accavallare le gambe per diventare una diva e un sex symbol indiscusso.

Al che, anche se in maniera decisamente più pudica, si spoglierà ancora per l’ignobile Sliver di Philip Noyce e per il filmetto Lo specialista con Sylvester Stallone. Ma, come detto, Raimi e soprattutto Scorsese vengono folgorarti da costei e dalla sua magnetica bellezza, e fanno carte false per averla. Scorsese le dà un ruolo magnifico nel suo altrettanto indimenticabile Casinò e la Stone sfiora l’Oscar.

E poi? Il buio, o quasi. Tantissimi film, due nomination ai Golden Globe regalate per Basta guardare il cielo e La dea del successo, lei che imperterrita continua ad andare al Festival di Cannes pur non avendo nessun film in Concorso e nemmeno nelle sezioni collaterali, giusto per farsi fotografare, per puro sfoggio esibizionistico, per spicciola mondanità futile e triste, e macina innumerevoli pellicole che, ripeto, veniamo a conoscenza che “sussistano” perché menzionate nei dizionari.

Insomma, un’attrice con all’attivo 140 film circa interpretati, tra fiction, camei o soltanto lei che fa da voce narrante o presta le sue corde vocali a qualche personaggio animato.

attrici-bollite-sharon-stone-03

Ha avuto un ictus, e sinceramente ce ne dispiacciamo. Ma dobbiamo davvero crederle quando sostiene che prossimamente tornerà da regina incontrastata? Uscirà con un film di Scorsese misteriosissimo, ma non sappiamo se è un documentario, una retrospettiva, uno strano esperimento o qualcosa del genere, e giura che sarà protagonista di The New Pope del nostro Paolo Sorrentino.

Intanto sul suo profilo Instagram continua sciattamente a immortalarsi in lingerie assieme ai suoi cani barboncini o dalla parrucchiera con arruffata mèche.

Contenta lei…

In fondo, vecchia gallina fa buon brodo.

About Stefano Falotico

Stefano Falotico
Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

attori-rinati-richard-gere-copertina

Attori rinati: Richard Gere, che rimonta per un sex symbol intramontabile!

Oggi voglio parlarvi del mitico Richard Gere, un attore tutt’altro che bollito. Recentemente, mi sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *