attori-rinati-willem-dafoe-01
Home / CINEMA / Attori rinati: Willem Dafoe, un vampiro cristologico…

Attori rinati: Willem Dafoe, un vampiro cristologico…

Come volevasi dimostrare, Willem Dafoe ha trionfato come miglior attore alla 75.ima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, grazie alla sua stupenda interpretazione di Vincent Van Gogh nel bellissimo, nuovo film del sempre fantasiosamente variopinto Julian Schnabel. Una Coppa Volpi meritata che, per l’ennesima volta, consacra uno degli attori più straordinari del panorama mondiale. Troppe volte sottovalutato, ingiustamente snobbato quando si parla di premi importanti. Un attore che, se andiamo a scandagliare la sua filmografia, ha lavorato con quasi tutti i più magnificenti registi viventi degli ultimi trent’anni, forse anche qualcosa in più.

attori-rinati-willem-dafoe-01

Un attore però che, per via della sua faccia emblematicamente grandguignolesca, spigolosa, da nosferatu ghignante, è stato troppe volte imbracato nel ruolo stereotipato del villain, del cattivo senza remissione di colpa tagliato crudamente con l’accetta, oppure è stato soventemente declassato ad attore secondario o, addirittura, a comparsa di lusso, a caratterista utilizzato appunto soltanto per i suoi lineamenti luciferini, per la sua risata mefistofelica, a mo’ d’inquietante maschera perfino burlesca, caricaturale, orripilante, da fantoccio mostruoso, da orrido e perfido diavoletto macabro e terribile.

Willem Dafoe è ed è sempre stato molto, molto di più che una macchietta. Un attore portentoso e versatilissimo, un istrione figlio del fregolismo più raffinato, anche un elegante gentleman dal birignao cauto e delicatissimo. Insomma, un pregiatissimo attore insostituibile.

attori-rinati-willem-dafoe-03

William James “Willem” Dafoe è nato il 22 Luglio del 1966 in Wisconsin, ma è stato naturalizzato italiano da qualche anno a questa parte per aver sposato la nostra Giada Colagrande.

Sappiamo poco, invero, della sua biografia, tranne che s’iscrisse all’università e frequentò con discreto successo alcuni importanti corsi di recitazione.

Esordisce subito, non accreditato, in una pellicola magnifica, il capolavoro maledetto di Michael Cimino, I cancelli del cielo, anche se la sua è un’apparizione davvero infinitesimale piccola.

Quindi, sopraggiungono The Loveless di Kathryn Bigelow e Miriam si sveglia a mezzanotte di Tony Scott.

Già grandi nomi, già film rilevanti. E fin dapprincipio Dafoe s’impone proprio per il suo volto particolarissimo.

Girando con Oliver Stone, Platoon (è lui che campeggia nel poster storico della pellicola, inginocchiato mentre nelle giungle vietnamite esplode l’inferno) e Nato il quattro luglio, con lo strepitoso Walter Hill per il suo rockettaro e coloratissimo Strade di fuoco, e con William Friedkin, incarnando il machiavellico Eric Masters in Vivere e morire a Los Angeles.

attori-rinati-willem-dafoe-06

Ma è nel 1988 che trova uno dei primi ruoli, da protagonista assoluto, che da solo vale una filmografia. È infatti Gesù nel capolavoro-scandalo di Martin Scorsese, L’ultima tentazione di Cristo.  Con una manciata di titoli, Dafoe ha già stigmatizzato, oserei dire, e definito assolutamente la sua personalità attoriale. Un vampiro sofferente, un cristologico redentore soprattutto delle sue tormentate inquietudini interiori, racchiuse nella fisionomia di un’espressività facciale dalla spiccata, inconfondibile peculiarità, una faccia scheletrica e smunta, comunicatrice di emozioni contradditorie e vibranti, cesellate in un corpo asciutto e macilento, al contempo muscoloso e atletico. Da messia e diavolo, da caduto angelo viscerale.

Padre – Willem Dafoe e Giada Colagrande al Nuovo Cinema Aquila

E questo sarà paradossalmente il suo enorme pregio e il suo involontario limite. Da allora in poi, tantissimi registi lo sfrutteranno, al di là del suo ottimo talento, soltanto affidandogli personaggi adatti alla sua faccia. Schiacciandolo in una stereotipia performante in linea solo col suo viso satanicamente angelico.

Lavora con John Waters per Cry Baby, è Bobby Peru in Cuore selvaggio di Lynch, incrocia altri autori considerevolissimi come Wim Wenders (Così lontano così vicino) e diviene amicone di Paul Schrader (che aveva scritto, peraltro, The Last Temptation…), diventando quasi una presenza fissa e irrinunciabile di molti suoi film: Lo spacciatore, Affliction, Auto Focus, Adam Resurrected, Cane mangia cane…

attori-rinati-willem-dafoe-02

Così come avviene anche per Lars von Trier (Manderlay, Antichrist, Nynphomaniac) e soprattutto con Abel Ferrara (New Rose Hotel, Go Go Tales, 4:44 L’ultimo giorno sulla Terra, Pasolini).

Be’, se stessimo a elencare tutti gl’immensi cineasti coi quali ha lavorato, anche come non protagonista, non finiremmo più. Ma fra i tantissimi va almeno doverosamente citato David Cronenberg col suo eXistenZ.

Quindi, più che attore rinato, Willem Dafoe, essendo stato sempre un interprete di pellicole d’alto livello, diciamo che forse, ed era ora, col suo van Gogh di At Eternity’s Gate, dopo tre nomination agli Oscar soltanto come best supporting actor (Platoon, L’ombra del vampiro, Un sogno chiamato Florida), potrebbe una volta per tutte essere come candidato come interprete principale ai prossimi Academy Award.

Se lo meriterebbe davvero.

Forza, Willem!

Stavolta sei vicinissimo a entrare nella cinquina dei nominati…

About Stefano Falotico

Stefano Falotico
Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

venezia-75-cinema-tutti-i-film-copertina

Da Venezia 75 al Cinema tutti i film che non dovete perdere ma anche quelli che potete evitare

Tra alti e bassi, un’altro Festival Veneziano ha dispensato soddisfazioni e delusioni. Come spesso capita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.