Home / CINEMA / Alla ricerca di Van Gogh, il documentario sui “falsi” provenienti dalla Cina al cinema

Alla ricerca di Van Gogh, il documentario sui “falsi” provenienti dalla Cina al cinema

A Milano nei cinema Anteo, Ariosto e Beltrade. A Roma al Farnese e a Firenze al Teatro della Compagnia. Il documentario racconta intorno ai pittori di Dafen, quartieri di Shenzhen in Cina, che lavorano producendo copie dei quadri di Van Gogh a ritmi incessanti

Il documentario Alla ricerca di Van Gogh dei registi cinesi Yu Haibo e Yu Tianqi Kiki arriva nei cinema d’Italia dal 15 gennaio distribuito da Wanted Cinema.  

Il documentario dei pittori di Dafen, quartieri di Shenzhen in Cina, che lavorano producendo copie dei quadri di Van Gogh. Nella metropoli cinese si lavora a ritmi incessanti per fabbricare riproduzioni esatte dei quadri di Van Goghmolto richieste sul mercato internazionale. Ma a Zhao Xiaoyong, ex contadino divenuto pittore, questa dimensione oggettivante, che sottrae alla forma il suo contenuto, non basta più. Vuole capire meglio Van Gogh, toccare il cuore di ciò che non può essere riprodotto: l’anima di un artista e della sua opera. E vuole conquistare la propria. Il suo viaggio dalla Cina ad Amsterdam è la storia di una scoperta di sé nella scoperta dell’arte e una metafora potente dei travagli di una Cina in profonda transizione e di un Occidente che rischia di sperperare il tesoro della propria identità.

alla-ricerca-van-gogh-docufilm-centro

“Alla ricerca di Van Gogh” sarà in programma in Italia dal 15 gennaio. A Milano il film sarà proiettato nei cinema Anteo, Ariosto, Beltrade. A Monza al cinema Teodolinda. In Toscana il film sarà  a Pisa all’Arsenale e al Teatro della Compagnia di Firenze. A Modena al cinema Sala Truffaut (dal 23 gennaio).  A Roma il documentario sarà al cinema Farnese. ARovereto al cinema Le Terrazze del Mart e a Torino al Centrale, ai Fratelli Marx e ai Due Giardini. A Trieste il film sarà al Nazionale e a Vicenza al cinema Araceli.

WANTED Wanted Cinema è una società di distribuzione fondata nel 2014. Ha un catalogo di oltre 70 titoli, tra film e documentari, molti dei quali vincitori di festival nazionali e internazionali. In tre anni di vita ha lavorato con realtà differenti tra sale cinematografiche, festival e rassegne. Nel 2016 partecipa a un bando di crowd funding del Comune di Milano e viene scelta tra le realtà che sono meritevoli di essere supportate. La campagna è vincente e ha visto la realizzazione del cine Wanted, realtà finalizzata a promuovere un’idea di cinema nuovo e socialmente impegnato.

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

voce-alta-recensione-film-copertina

A voce alta (la forza della parola) – Recensione del docu-film di Stéphane De Freitas

Vincitore al Torino Film Festival per il Premio del Pubblico, A voce alta di Stéphane De …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *