Home / RECENSIONI / Commedia / 2 gran figli di…: Owen Wilson ed Ed Helms ci regalano una storia che alterna serietà a momenti da “Una notte da leoni”

2 gran figli di…: Owen Wilson ed Ed Helms ci regalano una storia che alterna serietà a momenti da “Una notte da leoni”

2 gran figli di, titolo italiano decisamente migliore dell’originale (nato anche per via di una censura in patria) Father Figures, è una commedia demenziale ma allo stesso tempo anche molto impegnata con i due protagonisti alla ricerca del loro misterioso padre biologico

La Warner Bros, dopo averci regalato commedie demenziali e frenetiche, come la trilogia di “Una notte da leoni” e “Parto col folle”, riprende su questa strada producendo 2 gran figli di…, un film per lunghi tratti più tranquillo ma comunque non esente da quelle situazioni rocambolesche e risvolti imprevedibili.

2-gran-figli-di-recensione-film-testa

La regia viene affidata per la prima volta a Lawrence Sher, mentre la sceneggiatura è di Justin Malen, già conosciuto grazie a “La festa prima delle feste”. Gli attori protagonisti sono due che non hanno bisogno di presentazioni: Owen Wilson e soprattutto Ed Helms, grande esperto di questo genere per il suo celebre Stuart “Stu” Price nella già citata trilogia di Todd Phillips.

Kyle (Owen Wilson) e Peter (Ed Helms) sono due fratelli gemelli eterozigoti, differenti non solo nell’aspetto fisico, e non hanno mai conosciuto il loro padre. Ormai adulti, la loro madre Helen (Glenn Close) decide di colpo di dire tutta la verità: il loro papà non è morto, perlomeno non quando erano piccoli. Lei non sa proprio chi e dove sia, perché da giovane era bella e libertina. Così decidono di partire alla ricerca del loro padre biologico, un viaggio complicato fin da subito perché i due fratelli non sono mai andati veramente d’amore e d’accordo. Determinati a raggiungere l’obbiettivo perché vedono in questa rivelazione un segno addirittura dell’Universo, proveranno a fare di necessità virtù. Ma la ricerca è più dura del previsto, e naturalmente non esente da rischi ed errori.

2-gran-figli-di-recensione-film-centro

Cosa funziona in 2 gran figli di…

La scelta di Wilson ed Helms per i due protagonisti si dimostra fin dal primo momento azzeccata: due attori e allo stesso tempo due personaggi diversi uno dall’altro. Affascinante, borioso ma anche introverso durante i momenti di difficoltà il primo, imbranato, insicuro e spesso collerico l’altro. Due caratteri agli antipodi che si relazioneranno diversamente con i vari papabili padri incontrati lungo il viaggio.

Padri che vedono una guest star nel ruolo di sé stesso come Terry Bradshaw, e un premio Oscar del calibro di J. K. Simmons. Poco più di una comparsata per Ving Rhames, ma quel tanto che basta per ritagliargli il ruolo del “Mike Tyson della situazione”, e una cosa simile si può dire per June Squibb, da anni ormai una vera e propria adorabile nonnina del cinema e della tv (è del resto la “nonna di Sheldon Cooper”). Conferme anche dal doppiaggio italiano con voci eccellenti quali Massimiliano Manfredi, Angelo NicotraAlessandro Quarta, Alessandro Rossi e Ludovica Modugno.
Abbiamo una sorta di rimando, probabilmente involontario, a “Non ci resta che piangere”, oltre alle classiche scene catastrofiche e comiche per via delle automobili, l’utilizzo inappropriato delle armi e naturalmente anche quelle legate alla vita sessuale.

Un film che riesce a bilanciare perfettamente le risate ai momenti seri e riflessivi dedicati all’amore fraterno e per la famiglia, con una Gleen Close straordinaria che sul finale riesce a farti commuovere con poche parole.

2-gran-figli-di-recensione-film-fine

Perché non guardare 2 gran figli di…

2 gran figli di…” è uscito in America più di due mesi fa, e non ha ottenuto un buon responso di critica, ed è attualmente in rosso al box office. Forse perché gran parte delle scene possono risultare un qualcosa di già visto in passato in questo genere di commedia, ma anche certi risvolti possono essere giudicati buonisti da alcuni spettatori (del resto, è uno dei termini attualmente più abusato nel mondo della critica cinematografica e non solo insieme a radical chic…)

C’è da sperare che l’Italia e non solo aiuti questo ottimo primo lungometraggio di Lawrence Sher a risollevarsi, e potrà farlo a partire da giovedì 1 marzo 2018.

Regia: Lawrence Sher Con: Owen Wilson, Ed Helms, J.K. Simmons, Glenn Close, Terry Bradshaw, Christopher Walken, Ving Rhames, Katie Aselton, June Squibb Durata: 113 Min. Anno: 2017 Paese: USA Distribuzione: Warber Bros

About Valerio Brandi

Guarda anche

luomo-di-neve-recensione-alto

L’uomo di Neve il thriller con Fassbender dal 21 Febbraio In DVD E Blu-Ray

L’uomo di neve è il thriller basato sull’acclamato romanzo dell’autore norvegese Jo Nesbø. Una storia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *