Home / RECENSIONI / Commedia / Three Billboards Outside Ebbing Missouri – Recensione – Un Film di Martin McDonagh

Three Billboards Outside Ebbing Missouri – Recensione – Un Film di Martin McDonagh

Il primo film in concorso del sesto giorno della 74esima edizione del Festival del cinema di Venezia a sbarcare al Lido è il terzo lungometraggio diretto da Martin McDonagh, “Three billboards outside Ebbing, Missouri”, dopo i due suoi precedenti gioielli, In Brudges e 7 psicopatici.

Three billboards outside Ebbing, Missouri, commedia nera scritta e diretta dal premio Oscar Martin McDonagh, racconta la tragica vicenda di Mildred Haynes, donna la cui figlia venne stuprata e uccisa senza che il colpevole sia stato assicurato alla giustizia. Dopo parecchi mesi che le indagini sono ferme senza nessun risultato, la signora Haynes prende una coraggiosa e insolita decisione: noleggiare tre cartelloni pubblicitari ai quali affiggere un messaggio provocatorio nei confronti del capo della polizia locale William Willoughby, scatenando quindi un continuo scontro tra lei e le forze dell’ordine.

three-billboards-recensione-film-testa

 

E’ incredibile come una personalità cinematografica come Martin McDonagh, con solo tre film all’attivo (comprendendo anche quest’ultimo), sia diventato un autore così riconoscibile, dal tratto delicato con cui, destreggiandosi egregiamente nei complicati meccanismi della commedia nera, riesce a delineare le psicologie dei suoi vari personaggi e la loro continua mutevolezza.

Come nei suoi prodotti precedenti, McDonagh, non fa distinzione tra bene e male, entità di cui rifiuta l’esistenza, per dedicarsi ad un materiale più complesso e sfaccettato, ovvero l’umanità, in ogni sua forma, alla quale non si possono applicare certe riduttive distinzioni.

In Three billboards outside Emming, Missouri, il dramma inscenato si fa ancora più intimo, il che gli permette di scavare maggiormente nel carattere e nella mentalità dei personaggi: agli ottimi attori coinvolti vengono quindi messi a disposizione protagonisti complicati per la loro dettagliata metamorfosi, in grado di far esternare verso il pubblico il talento recitativo di ognuno.

Woody Harrelson e Sam Rockwell, già compagni di set in 7 psicopatici, danno vita a un duetto sensazionale, incarnando entrambi le molteplici ambiguità delle forze dell’ordine, ma la mattatrice assoluta risulta Frances McDonagh, in forma smagliante, capace di rilasciare dalla sua bocca monologhi da applausi a scena aperta, veri e propri fiumi di parole che travolgono il pubblico grazie all’efficace presa che hanno su di esso.

Regia: Martin McDonagh Con: Frances McDormand – Woody Harrelson – Abbie Cornish – John Hawkes – Peter Dinklage Anno: 2017 Durata: 110 Min Paese: Gran Bretagna
Il primo film in concorso del sesto giorno della 74esima edizione del Festival del cinema di Venezia a sbarcare al Lido è il terzo lungometraggio diretto da Martin McDonagh, "Three billboards outside Ebbing, Missouri", dopo i due suoi precedenti gioielli, In Brudges e 7 psicopatici. Three billboards outside Ebbing, Missouri, commedia nera scritta e diretta dal premio Oscar Martin McDonagh, racconta la tragica vicenda di Mildred Haynes, donna la cui figlia venne stuprata e uccisa senza che il colpevole sia stato assicurato alla giustizia. Dopo parecchi mesi che le indagini sono ferme senza nessun risultato, la signora Haynes prende una coraggiosa…
Commento Finale - 90%

90%

Martin McDonagh con Three billboards outside Emming, Missouri, dà al suo pubblico un'ennesima, splendida lezione sulla costruzione di una commedia nera con tutti i crismi, nella quale emergono, grazie alla più che brillante sceneggiatura, personaggi talmente tridimensionali da riuscire a bucare lo schermo.

User Rating: Be the first one !

About Davide Colli

Davide Colli
"We are like the dreamer, who dreams and live inside the dream...but who is the dreamer?"

Guarda anche

war-pianeta-scimmie-recensione-film-copertina

The War – Il pianeta delle scimmie – Recensione – Un Film di Matt Reeves

The War – Il pianeta delle scimmie: Arriva in sala il capitolo conclusivo della trilogia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *