Home / RECENSIONI / Drammatico / The Place – Dopo Perfetti Sconosciuti, Paolo Genovese torna al cinema con un’opera corale fatta di parole

The Place – Dopo Perfetti Sconosciuti, Paolo Genovese torna al cinema con un’opera corale fatta di parole

In un anonimo bar, The Place, si incrociano le vite di nove sconosciuti alla ricerca del soddisfacimento dei loro desideri. Tutto si può ottenere, ma niente è gratis. Dopo il successo di Perfetti sconosciuti, Paolo Genovese torna al cinema con un’opera corale in cui la parola ed i dettagli sono centrali.

Cosa sareste disposti a fare per realizzare i vostri più intimi desideri? Fino a che punto pieghereste la vostra morale per ottenere quello che volete? The Place, l’ultima opera di Paolo Genovese, ruota intorno a questi dilemmi etici, adattando per il grande schermo l’enigmatica serie The Booth at the End, attraverso una rivisitazione che elimina ruoli troppi distanti dalla nostra cultura e ne aggiunge altri. Un luogo nevralgico dove staziona l’onnipresente figura di Valerio Mastandrea, una sorta di divinità oscura che non si alza mai dalla sedia sulla quale resta dalla prima all’ultima sequenza, che pone drastiche soluzioni a problemi insormontabili.

the-place-recensione-alto

Cosa funziona in The Place

Un’unica location che si trasforma in un teatro, dove vanno in scena le debolezze, le paure e i sogni dei personaggi che si svelano davanti all’uomo misterioso, un luogo in cui i vari personaggi dovranno affrontare i loro desideri più nascosti e confrontarsi con la parte più oscura della loro anima. Genovese, eliminando i movimenti di macchina per conferire più enfasi ai racconti dei suoi personaggi e quindi concentrarsi sulle loro emozioni, mostrate senza riserva e con una moltitudine di primi piani, descrive un piccolo mondo, un luogo chiuso che mette tutti i personaggi di fronte a se stessi e alle loro paure, un mondo in cui essenziale è la parola perché unico modo che abbiamo di “vedere” le azioni compiute dai protagonisti. Un mondo in cui importantissimo è lo spettatore che attraverso la sua interpretazione da vita alle azioni dei personaggi che assumo un senso ed un contesto grazie ai dettagli forniti.

the-place-recensione-centro

Perché non guardare The Place

Se The Place convince per quanto riguarda regia, recitazione e sceneggiatura non riesce a conquistare del tutto. Purtroppo la pellicola ha una struttura che non si sposa a pieno con il grande schermo: i dialoghi tête-à-tête presi uno dopo l’altro, nonostante siano perfettamente incastrati dallo script di Genovese e Isabella Aguilar, subiscono sempre dei continui stop che finiscono per appesantire uno sviluppo che con il passare dei minuti si fa lento, tedioso e ripetitivo.

the-place-recensione-basso

Scendendo nelle caverne dell’animo, spingendo allo stremo i suoi protagonisti, fino ad obbligarli a chiedersi sempre, costantemente, se vogliono mollare, qual è il limite massimo a cui arriverebbero pur di soddisfare le loro necessità, The Place è un film coraggioso e originale per il panorama cinematografico italiano.

Regia: Paolo Genovese Con: Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Alba Rohrwacher, Vittoria Puccini, Rocco Papaleo, Silvio Muccino, Silvia D’amico, Vinicio Marchioni, Alessandro Borghi, Sabrina Ferilli, Giulia Lazzarini Durata: 105 Min. Anno: 2017 Paese: Italia Distribuzione: Medusa Film

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

malarazza-recensione-copertina

Malarazza – L’anima della periferia e di chi la abita nell’opera seconda di Giovanni Virgilio

Opera seconda di Giovanni Virgilio, Malarazza ci porta dentro la vita della periferia catanese, mettendoci davanti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *