Home / RECENSIONI / Drammatico / La Signora dello Zoo di Varsavia: la “Schindler” polacca arriva nelle sale

La Signora dello Zoo di Varsavia: la “Schindler” polacca arriva nelle sale

La Signora dello Zoo di Varsavia (The Zookeeper’s Wife) è il nuovo film diretto da Niki Caro (La Ragazza delle Balene, North Country – Storia di Josey) che vede protagonista assoluta la candidata all’Oscar Jessica Chastain, nei panni di Antonina Żabińska, una donna polacca che durante la Seconda Guerra Mondiale si trasformò in una vera e propria eroina. Il film è tratto dal libro scritto da Diane Ackerman ispirato a sua volta dai diari della stessa Antonina; nel film, la sceneggiatura è firmata a quattro mani dalla Caro e da Angela Workman.

Nella Polonia del 1939 l’invasione nazista devasta il paese e in particolare la sua capitale, Varsavia, oggetto di bombardamenti. Antonina è la moglie di Jan Żabiński, il custode dello zoo della città: i due sono una coppia affiata e innamorata sia nella vita privata che in quella professionale, nonostante le avances ricevute dalla donna da parte del capo zoologo del Reich Lutz Heck (Daniel Brühl). Quando la persecuzione ebraica raggiunge inauditi picchi di mostruosità, i coniugi Żabiński si alleano con la Resistenza servendosi del loro zoo come “porto sicuro” per tutti coloro che tentano di scappare da orrori e atrocità. In tal modo l’anonimo custode e sua moglie si trasformano da due semplici cittadini in due eroi, pronti a mettere a repentaglio le loro vite per salvare quelle degli altri.

signora-dello-zoo-di-varsavia-recensione-testa

Cosa Funziona in La Signora dello Zoo di Varsavia

Il vero punto di forza di questa storia si annida nella sua verità: pensare alle vicende drammatiche che si susseguono sul grande schermo come pezzi infinitesimali del grande puzzle della realtà amplifica le emozioni provate dagli spettatori: dall’ansia, all’orrore, alla tristezza, fino alla rabbia per una condizione alla quale, oggi come oggi, non ci si può ribellare.

Antonina e suo marito Jan sono stati considerati due eroi, due esseri umani straordinariamente ordinari tanto da compiere un’impresa titanica quanto unica nella propria pericolosità: la loro storia è un monito per l’umanità, riconfermando l’importanza fondamentale del ricordo per evitare che il passato possa ripercuotersi sul futuro.

La Caro, da sempre affezionata alle storie declinate al femminile, anche qui comunica la propria passione creando una sorta di transfert con la sua protagonista, Jessica Chastain.

signora-dello-zoo-di-varsavia-recensione-centro

Perché non vedere La Signora dello Zoo di Varsavia

Nonostante questa simbiosi ideale, gli spunti interessanti di partenza e la prova recitativa della Chastain e di Daniel Brühl, La Signora dello Zoo di Varsavia non ha la forza sovversiva di altre narrazioni o la potenza registica della visione dei grandi autori. Maneggiando con estrema cura una materia incandescente, il film corre il rischio di apparire troppo didattico, una sorta di trasposizione per immagini di una storia utile come monito ma limitata, in questa veste, dalle convenzioni stilistiche e registiche che la Caro ha deciso di abbracciare.

Regia: Niki Caro Con: Jessica Chastain, Johan Heldenbergh, Daniel Brühl, Tomothy Radford, Efrat Dor, Iddo Goldberg, Shira Haas, Michael McElhatton, Val Maloku, Anna Rust, Goran Kostic, Slavko Sobin, Marian Mitas, Daniel Ratimorský Anno: 2017 Durata: 127 min. Paese: USA, Repubblica ceca, Gran Bretagna Distribuzione: M2 Pictures

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

godless-recensione-cover

Godless – Netflix punta alto con la miniserie western di Scott Frank

Netflix goes western: scritta e diretta da Scott Frank, Godless è un altro innesto importante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *