Home / HOME VIDEO / I Nuovi centurioni (The New Centurions) – Recensione del Blu-Ray limitato in 3000 copie

I Nuovi centurioni (The New Centurions) – Recensione del Blu-Ray limitato in 3000 copie

I Nuovi centurioni (The New Centurions): Abbiamo recensito per voi il film di Richard Fleischer del 1972 (USA), nella nuova edizione combo Blu-ray+dvd prodotto in Inghilterra in edizione limitata di 3000 copie da Powerhouse/Indicator.

I Nuovi centurioni è un film cupo e dall’estremo realismo, che tanto ha influenzato le serie TV poliziesche successive a partire da “Hill Street Giorno e Notte”(Hill Street Blues)(1981-’87)- difatti vi è anche presente James B. Sikking che nella serie come Sgt. Howard Hunter sarà uno dei cardini-, uno dei primi in cui i ritratti dei poliziotti non si sono limitati a quelli dei personaggi più estremi – o delle santificazioni-, come ad esempio la serie televisiva “Adam-12” (1968-1975) e di quelli più scandalosi, come il “Dirty Harry”(Ispettore Callaghan, il caso Scorpio è tuo!) di Don Siegel del 1971. Basato sul primo romanzo di un ex poliziotto dell’L.A.P.D. , Joseph Wambaugh, “The New Centurions”, diretto dal sempre valido Richard Fleischer, occupa un posto molto importante fra questi titoli dei primi anni settanta. Caratterizzando i poliziotti come vittime della violenza fisica e psicologica, fortunati solo riescono a raggiungere in vita l’età pensionabile, e data l’epoca, talvolta melodrammatico e spesso sovraccaricato nei toni. Eppure, considerato come un dramma dai personaggi intensi, o come un correttivo storico di narrazioni unilaterali sui tutori dell’ordine come poteva essere stato un decennio prima il western revisionista sulle guerre indiane, “I Nuovi Centurioni” è a distanza di quarantacinque anni un film molto valido. Tecnicamente realizzato in maniera eccellente, con un’ottima fotografia a focali lunghe di Ralph Woolsey che cattura egregiamente la struttura senz’anima di Los Angeles, in modi che fanno comprendere alla perfezione l’accentuata desensibilizzazione delle pattuglie di polizia.

nuovi-centurioni-recensione-bluray-testa

Il best seller di tutto il paese sui poliziotti – e scritto da un poliziotto!

Il Film sui poliziotti dal libro scritto da un poliziotto è adesso ad esplodere sullo schermo!

Il battito – Lo smog – La Città degli Angeli

Frasi di lancio originali

nuovi-centurioni-recensione-bluray-centro

Inoltre, I Nuovi centurioni  contiene una grande squadra di attori, dagli spettacolari protagonisti Stacy Keach e George C. Scott, fino al colore di ognuno dei ruolo minori, impersonati con eclettismo tra l’altro da William Atherton, Erik Estrada, Clifton James, Ed Lauter, Roger E Mosley, Pepe Serna, James B. Sikking, Michael DeLano, Burke Byrnes, Stefan Gierasch e Dolph Sweet, oltre che addirittura Gerald S. O’Loughlin(nemmeno accreditato) e Mike/Michael Lane, Isabel Sanford, persino Kitty Natividad come spogliarellista, in piccolissimi ruoli di supporto . E poi ci sono i veri co-protagonisti le cui significative partecipazioni completano il lavoro splendido di Keach e Scott Jane Alexander, Rosalind Cash e Scott Wilson, tutti e tre i quali offrono interpretazioni piene di palpabili emozioni.

nuovi-centurioni-recensione-bluray-testa-2
Anche se è essenzialmente un film corale, la pellicola si concentra su Roy Fehler (Keach), una recluta della polizia che inizia il pattugliamento nelle strade subito dopo i titoli di apertura, affidato al veterano sergente Kilvinski (Scott). In un primo momento, Fehler è un uomo sposato che lavora per pagarsi la Facoltà di Diritto. Mentre il film progredisce, diventa più cinico e impulsivo per la continua ricerca di adrenalina, e tratta il suo matrimonio con una combinazione di alcolismo e mancanza di considerazione. Nel frattempo, Kilvinski esce dalla polizia mandato in pensione per sopraggiunti limiti d’età, e si confronta con la deprimente vita vera di chi ha perso il suo distintivo. Questo approccio psicoanalitico al dramma della polizia è oggi ampiamente diffuso e quasi disossato, ma fu veramente innovativo nel 1972, per questo è facile perdonare gli autori della trasposizione cinematografica – e Wambaugh – per gli eccessi della storia, tutti utili e metaforici. Da notare che anche se il grande sceneggiatore Stirling Silliphant e il regista Richard Fleischer hanno lasciato che la storia in alcuni punti prendesse delle nuove svolte, I Nuovi centurioni contiene decine di momenti che si collegano al romanzo.

Ogni morte de I Nuovi centurioni si aggiunge al tema generale del prezzo che degli uomini coraggiosi, pazzi o al contempo ingenui, possono trovarsi a pagare per svolgere un lavoro pericoloso. Dopotutto, chi si potrebbe aspettare di mantenere la propria integrità cristallina e immacolata quando si affronta un infinito ciclo di nuovi criminali e recidivi? “C’è sempre un altro stronzo per strada”, dice a un certo punto Kilvinski. “Non puoi fermarli tutti”. E, come Fehler osserva in un’altra scena, non è che il sostegno pubblico per i poliziotti sia schiacciante, poiché il film è ambientato in un momento storico nel quale l’ordine pubblico e la giustizia nelle strade si sono trovate a scontrarsi con l’aumento dei disordini e delle lotte urbane, dei movimenti per i diritti civili e quant’altro: “L’anno scorso tutti gridavano contro la mancanza di libertà: quest’anno, ognuno grida sulla mancanza d’ordine”. In altre parole, dannato se lo fai, dannato se non lo fai.

Il titolo del romanzo e del film si riferiva agli ufficiali dell’esercito dell’antica Roma. Il nome risale alle riforme mariane del 107 a.C. L’aspetto “nuovo” si riferisce al fatto che questi centurioni (ossia, agenti di polizia) sono gli equivalenti moderni dei centurioni che combattono in una giungla urbana, distinta dal mondo dei tempi antichi.

Secondo Ed Lauter , il direttore del casting rifiutò di vederlo per il ruolo di Galloway. Lauter fece un appello a George C. Scott, che poi chiese a Lauter di essere anche lui nel film.

Scott indossa il vecchio cappello a otto punte che il LAPD smise di indossare tra la fine degli anni ’60 e i primi ’70, mentre altri ufficiali indossano il cappello rotondo corrente. Scott lo portava perché il suo personaggio era un ufficiale della polizia già “vecchia”.

A quanto pare, la Columbia Pictures pagò a Joseph Wambaugh, che scrisse il romanzo su cui si basava il film, un bonus di $ 1250 per ogni settimana che il suo romanzo rimaneva nella classifica dei best-seller del “The New York Times”. Il romanzo debuttò in classifica il 21 febbraio 1971 e rimase tra i best-seller per 32 settimane, Wambaugh ottenne così un bonus totale di 40.000 dollari.

La fine del film è diversa da quella del romanzo.

Secondo la “Halliweel Cinema Guide”, questo film ha generato le serie televisive “Sulle strade della California”(1973) e “Pepper Anderson Agente Speciale” (1974).

Il film venne intitolato “Precinct 45: Los Angeles Police” per la sua distribuzione britannica.

Erik Estrada interpretò il suo primo ufficiale dell’LAPD Sergio Duran. Più tardi avrebbe trovato la celebrità impersonando un ufficiale della California Highway Patrol nella serie tv “C.H.I.P.S.” (1977).

Questo film venne distribuito meno di due anni dopo la pubblicazione nel 1971 del romanzo con lo stesso titolo; che u pubblicato per la prima volta nel 1971. Wambaugh era stato un poliziotto di Los Angeles per 14 anni quando cominciò a scrivere romanzi sulla polizia. “I Nuovi centurioni” fu scritto e pubblicato mentre Wambaugh era ancora un agente di polizia. Era il suo primo romanzo e il primo ad essere trasformato in un film.

Il film è stato sbeffeggiato su MAD Magazine come “The New Comedians” nel numero # 158 pubblicato nell’aprile 1973.

Gerald S. O’Laughlin (“The Rookies”) compare nel film non accreditato.

Titoli di testa: i personaggi e gli eventi ritratti e i nomi qui utilizzati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con nomi, persone e storie realmente accadute, è puramente casuale..

Spoiler
L’elemento di trivia qui seguente può rivelare importanti aspetti della trama.
Secondo Stacy Keach, lo studio inizialmente si opponeva al fatto che il suo personaggio di uomo bianco si innamorasse di una donna nera, preferendo una donna ispanica o asiatica.

I Nuovi centurioni – Il Blu-Ray Disc

Il Blu-ray della Powerhouse/Indicator è proveniente dallo stesso master utilizzato dalla Carlotta Films per l’uscita francese, un master di proprietà della Sony Pictures negli Stati Uniti. Non sorprende quindi che anche come extra queste uscite siano identiche. Non ho potuto delle comparazioni dirette ma non credo vi siano delle discrepanze. La profondità e la chiarezza dei dettagli permangono e sono molto piacevoli per tutta la visione, anche se forse ci sarebbe teoricamente ancora spazio per un miglioramento. La densità in particolare potrebbe essere migliore, anche se l’intero film ha un aspetto molto grintoso e alcune delle ovvie fluttuazioni che possono essere individuate sono in realtà ereditate, come durante le riprese in strade scarsamente illuminate, dal girato originale. La cosa migliore è che non compaiono tracce di recenti correzioni digitali o problematici artefatti . Quindi, anche se alcune tracce di invecchiamento possono essere notate, il film ha un aspetto organico e coerente. I colori sono stabili e sembrano naturali, anche se quasi certamente la saturazione e l’equilibrio possono essere ancora migliorati. Non ci sono distorsioni né segni di tagli, graffi, spuntinature, segni di danneggiamenti, frammenti di sporcizia, deformazioni o strappi da segnalare. ( Nota : Si tratta di un Blu-ray ALL, quindi si può riprodurlo su qualsiasi tipo di lettore indipendentemente dalla sua area geografica. ) Attenzione il bluray è privo di lingua e sottotitoli Italiani. 

nuovi-centurioni-recensione-bluray-fine

Per quanto riguarda il comparto audio c’è solo una traccia standard: Inglese LPCM 1.0. I sottotitoli SDH sono disponibili. Quando sono attivati, appaiono all’interno del frame dell’immagine.

Non ci sono problemi tecnici da segnalare. Tuttavia, poiché il film ha un disegno sonoro fluidamente organico, talvolta emerge occasionalmente un leggero disequilibrio e alcune fluttuazioni nei suoni dinamici (soprattutto durante la ripresa su strada). Le finestre di dialogo sono stabili e facili da seguire. Non ci sono pop-up, salti nell’audio o distorsioni digitali da segnalare.

Gli extra presenti sono:
“Cop Stories” – in questo nuovo documentario, lo scrittore Joseph Wambaugh, gli attori Stacy Keach e Richard E. Kalk, e il primo assistente operatore alla macchina da presa Ronald Vidor ricordano come venne realizzato “The New Centurions”, come furono state girate varie sequenze per L.A., le decisioni di Richard Fleischer durante il processo produttivo, il clima socio-culturale del paese negli anni ’70. Il documentario è stato prodotto da Robert Fischer per la Fiction Factory. In inglese, non sottotitolato. (45 minuti).

Versione Super 8mm – è qui presentata una versione d’archivio e in Super 8mm del film. In inglese, con sottotitoli opzionali in lingua francese. (18 min).

Trailer – trailer originale di “The New Centurions” . In inglese, con sottotitoli opzionali in lingua francese. (3 minuti).

Booklet – opuscolo illustrato di 24 pagine con il saggio di Nick Pinkerton I Nuovi centurioni Jeff Billington “I Nuovi centurioni – una risposta critica: dalla pagina allo schermo”; “Precinct 45 / Los Angeles” – Note sulla produzione; e crediti tecnici.

E’ abbastanza sorprendente vedere che questo amaro poliziesco degli anni ’70 possa ancora oggi identificare così con precisione le principali questioni che complicano il rapporto sempre più evoluto tra uomini in uniforme e donne, e le persone a loro vicini come le famiglie, forse le uniche che possono davvero comprendere la tremenda pressione che sopportano mentre stanno facendo il loro lavoro e cercare di rimanere in vita. È strano perché questo tipo di obiettività non può esistere nel clima politico attuale. Sarebbe immediatamente distrutta da attivisti politici e da vari altri attori di grande popolarità, e che stanno portando avanti una propaganda opposta. Il master come detto è proveniente dalla Sony Pictures negli Stati Uniti e, anche se ci sono margini di miglioramento il bluray ha un’ottima resa generale.

I Nuovi centurioni (The New Centurions): Abbiamo recensito per voi il film di Richard Fleischer del 1972 (USA), nella nuova edizione combo Blu-ray+dvd prodotto in Inghilterra in edizione limitata di 3000 copie da Powerhouse/Indicator. I Nuovi centurioni è un film cupo e dall'estremo realismo, che tanto ha influenzato le serie TV poliziesche successive a partire da “Hill Street Giorno e Notte”(Hill Street Blues)(1981-’87)- difatti vi è anche presente James B. Sikking che nella serie come Sgt. Howard Hunter sarà uno dei cardini-, uno dei primi in cui i ritratti dei poliziotti non si sono limitati a quelli dei personaggi più estremi – o…
Commento Finale

Il Blu-ray della Powerhouse/Indicator è proveniente dallo stesso master utilizzato dalla Carlotta Films per l'uscita francese, un master di proprietà della Sony Pictures negli Stati Uniti. Non sorprende quindi che anche come extra queste uscite siano identiche. Anche se ci sono margini di miglioramento il bluray ha un'ottima resa generale e gli extra sono gustosi.

User Rating: Be the first one !

About Enrico Bulleri

Enrico Bulleri
Laureato in Storia e Critica del Cinema vecchio ordinamento, e poi in Discipline dello Spettacolo Laurea breve successivamente, all'Università di Pisa, da sempre scrive di cinema e musica, teatro, spettacolo in genere, per varie testate cartacee elettroniche come online, quali Nocturno cinema, Hot Video & Film, La Nazione FI, Il Pisorno, Toscana Oggi, Il Tirreno LI ecc., Ha svolto anche attività di organizzatore e di consulenza in ambito di Fondazioni Teatrali e manifestazioni festivaliere cinematografiche, per organizzazione dei progetti di rassegne, retrospettive, mostre multimediali nell'area cinematografica, e in sinergia con la programmazione cartellonistica della danza, del teatro, della lirica. Appassionato collezionista in proprio dagli anni ottanta epoca del vhs e del Beta, possiede più di 15000 titoli solamente tra Blu-ray e dvd.

Guarda anche

petit-paysan-recensione-film-copertina

Petit Paysan – Una storia così periferica per il mondo attuale che sembra quasi una favola

Patrocinato da Slow Food con la collaborazione di CIA, Confederazione Italiana Agricoltori, a febbraio del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *