Home / TV / Serie TV / Non Uccidere 2 – La Recensione dei primi 12 episodi della seconda stagione

Non Uccidere 2 – La Recensione dei primi 12 episodi della seconda stagione

Sono online, sulla piattaforma RaiPlay, dal 1 Giugno, 12 dei 24 episodi che compongono la seconda stagione di Non Uccidere, la serie crime con protagonista Miriam Leone. Prima che approdi su Rai2, l’abbiamo vista per voi e questa è la nostra recensione spoiler free.

Valeria Ferro è tornata. Il giovane ispettore della Polizia mobile di Torino interpretata da Miriam Leone, infilata in maglioni sformati, con i capelli sempre legati e un sorriso che fatica a spuntare, ha ripreso le indagini sui crimini che avvengono all’interno di nuclei familiari o di comunità chiuse e allo stesso tempo è tornata a tormentarsi per la sua storia familiare drammatica. Dal 1 giugno, insomma, sono disponibili sulla piattaforma online della Rai, RaiPlay, 12 dei 24 episodi che compongono Non Uccidere 2. E questa gran bella novità nel panorama della fiction italiana, mi ha permesso di goderne appieno e di raccontarvela evitando naturalmente gli spoiler.

non-uccidere-2-recensione-leone-martari

Il modo in cui i delitti di Non Uccidere 2 vengono affrontati è imponente, il killer e l’assassinio è sempre dietro l’angolo, dietro un’apparente armonia delle famiglie, donne violentate o piccole comunità che vengono sconvolte dal crimine commesso. Tutto si muove intorno a piccole elitè in cui avvengono casi, tra l’altro, non troppo distanti da quelli di cronaca nera quotidiana (una caserma militare, una comunità per donne maltrattate, un monastero, un club in cui si pratica il bondage). Un noir variegato che mette al centro la complessità psicologica della protagonista, Valeria Ferro, con un conto personale con la menzogna e mancanza di verità. Per lei risolvere i casi è qualcosa che l’attraversa sconvolgendo le sue emozioni, raccontate in una linea orizzontale che in questa stagione si allargherà alla madre e al padre naturale.

non-uccidere-2-recensione-alto

Aiutato dalla riduzione da 100 a 50 minuti che lo rende conforme ai modelli internazionali e gli dona un ritmo diverso da quello più dilatato della prima stagione, Non Uccidere 2 è convincente fin da subito perché non ha paura di essere cupo e triste. I casi sono tesi, tirati e sempre credibili (intriganti risultano il 3 e il 4 episodio, unico caso che occupa due episodi), così come credibili sono i personaggi. Merito della scrittura e del cast e qui va sottolineata una cosa importante: in Non Uccidere molte sono le guest star protagoniste di puntata che offrono uno spaccato interessante delle psicologie coinvolte nei crimini. In questo caso a spiccare è l’interpretazione di Eleonora Giovannardi.

La fotografia rimane uno dei punti di forza della serie,  come continua ad esserlo Torino, una città che dà sempre un connotato particolare alle fiction e ai film che si girano. Sempre nobile, impettita, squadrata, perfetta, schiva e maestosa allo stesso tempo. grande come le grandi città e misteriosa e chiusa come solo le piccole città sanno essere. I personaggi sono inglobati in atmosfere dai colori piatti e uniformi, senza alcuna vivacità ad indicare la drammaticità delle situazioni raccontate. Miriam Leone appare nella sua interpretazione migliore: spogliata da ogni orpello, risulta credibile ed affascinante nei panni dell’ispettrice più tormentata della tv italiana. Vi si aggiunga il sottofondo musicale da thriller finalizzato a sottolineare istante dopo istante, la tragica routine delle indagini.

Non Uccidere 2 si conferma uno dei prodotti italiani meglio riusciti ed interessanti. E se non lo avete visto in streaming, potrete da lunedì 12 giugno goderne su Rai2 che lo manderà in onda in sei puntate. Buona visione.

Sono online, sulla piattaforma RaiPlay, dal 1 Giugno, 12 dei 24 episodi che compongono la seconda stagione di Non Uccidere, la serie crime con protagonista Miriam Leone. Prima che approdi su Rai2, l'abbiamo vista per voi e questa è la nostra recensione spoiler free. Valeria Ferro è tornata. Il giovane ispettore della Polizia mobile di Torino interpretata da Miriam Leone, infilata in maglioni sformati, con i capelli sempre legati e un sorriso che fatica a spuntare, ha ripreso le indagini sui crimini che avvengono all’interno di nuclei familiari o di comunità chiuse e allo stesso tempo è tornata a tormentarsi per la sua storia familiare drammatica. Dal 1 giugno, insomma, sono disponibili…

Non Uccidere 2

Commento Finale - 78%

78%

Aiutato dalla riduzione da 100 a 50 minuti che lo rende conforme ai modelli internazionali e gli dona un ritmo diverso da quello più dilatato della prima stagione, Non Uccidere 2 è convincente fin da subito perché non ha paura di essere cupo e triste. I casi sono tesi, tirati e sempre credibili (intriganti risultano il 3 e il 4 episodio, unico caso che occupa due episodi), così come credibili sono i personaggi. I personaggi sono inglobati in atmosfere dai colori piatti e uniformi, senza alcuna vivacità ad indicare la drammaticità delle situazioni raccontate. Miriam Leone appare nella sua interpretazione migliore: spogliata da ogni orpello, risulta credibile ed affascinante nei panni dell'ispettrice più tormentata della tv italiana.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

nico-1988-recensione-film-copertina

Nico 1988 -Dopo la trionfale presentazione a Venezia 74, arriva in sala di Susanna Nicchiarelli

Dopo la trionfale presentazione a Venezia, arriva in sala Nico 1988 di Susanna Nicchiarelli, con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *