Home / RECENSIONI / Commedia / Non c’è campo – Federico Moccia porta nuovamente al cinema i “suoi” adolescenti

Non c’è campo – Federico Moccia porta nuovamente al cinema i “suoi” adolescenti

Federico Moccia porta nuovamente al cinema il mondo degli adolescenti che lo hanno reso tanto celebre, in Non c’è campo. Niente di nuovo nello stile, spunto e soggetto sviluppati in modo abbastanza banale.

Laura (Vanessa Incontrada) ha deciso di organizzare per i suoi studenti del liceo, nell’anno della maturità, una gita insolita: un laboratorio artistico a Scorrano, in Salento, con l’artista Gualtiero Martelli (Corrado Fortuna). Ad accompagnare i ragazzi verrà suo malgrado anche l’insegnante di lettere, che nel mentre cerca disperatamente di completare un progetto di ricerca da proporre all’Università di Boston. Tanto lei, quanto i ragazzi perennemente connessi ai social, avranno però una brutta sorpresa una volta giunti sul posto: a Scorrano i cellulari non prendono, non ci sono “tacche” né wi-fi e tutti si sentono improvvisamente tagliati fuori dal mondo.

non-cè-campo-recensione-alto

Cosa funziona in Non c’è campo

L’ennesimo film di Federico Moccia, questa volta non tratto da un suo libro ma da un soggetto originale, vorrebbe esplorare la dipendenza degli adolescenti verso i propri smartphone e la necessità di essere sempre connessi sui vari canali social. Il soggetto sulla carta avrebbe avuto un bel potenziale di sviluppo narrativo e sociale, legato ai giovani ma tale tentativo fallisce non appena i protagonisti giungono nel paese pugliese, dando vita a una serie di dinamiche e relazioni tra i personaggi alquanto superficiali e vuote.

non-cè-campo-recensione-centro

Perché non guardare Non c’è campo

La sceneggiatura si presenta completamente inconcludente: il cast corale crea troppe sotto-trame che nella parte conclusiva diventano difficili da seguire tanto da confonderle: nel finale il film sembra voler dare un senso a così tante cose che vengono addirittura create delle narrazioni dal nulla a personaggi del tutto marginali. Molti degli attori che costituiscono la classe delle superiori che va in gita a Scorrano sono già volti noti delle serie tv delle nostre reti e non vengono diretti per poter effettuare quel salto necessario per recitare in uno schermo più ampio. Gli adulti svolgono il loro compitino interpretando i tipici ruoli da commedia: la moglie tradita, l’eterna nerd, il distinto seduttore e l’artista filosofeggiante. Federico Moccia firma un prodotto sciocco, che punta su gag banalissime e irritanti, oltre che su una forma degna della peggior fiction televisiva.

non-cè-campo-recensione-basso

Partendo da uno spunto di riflessione sui social e sull’invadenza nelle nostre vite, Non c’è campo non riesce a parlare nemmeno alla  generazione degli adolescenti a cui sembra essere indirizzata.

Regia: Federico Moccia Con: Vanessa Incontrada, Claudia Potenza, Corrado Fortuna, Gian Marco Tognazzi, Neva Leoni, Leonardo Pazzagli, Beatrice Arnera, Mirko Trovato, Caterina Biasiol, Serena Iansiti, Eleonora Gaggero Durata:90 min. Anno: 2017 Paese: Italia Distribuzione: Koch Media

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

train-to-busan-recensione-bluray-copertina

Train to Busan – Recensione dell’edizione Limited Edition di Midnight Factory

Train to Busan: Dopo la presentazione alla festa del cinema di Roma dello scorso anno, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *