Home / RECENSIONI / Commedia / Mister Felicità – Recensione – Un film di Alessandro Siani

Mister Felicità – Recensione – Un film di Alessandro Siani

Mister Felicità, la nuova commedia di Alessandro Siani al cinema dal 01 gennaio 2017 con 01 Distribution.

Alessandro Siani, dopo i successi de Il Principe Abusivo e Si Accettano Miracoli torna sul grande schermo con la sua ultima commedia, Mister Felicità (della quale è regista e co- sceneggiatore insieme a Fabio Bonifacci): questa volta il comico campano interpreta Martino, un classico “inattivo” che non trova lavoro, ma nemmeno fa molto per cercarlo. Quando raggiunge sua sorella Caterina in Trentino, accade qualcosa di totalmente imprevisto, perché la ragazza ha un incidente e servirebbe una costosa operazione alla gamba che non si possono permettere a livello economico. Toccherà a Martino farsi venire un’idea per aiutarla, magari iniziando a trovare un lavoro; prova così a sostituire Caterina – donna delle pulizie – presso la villa del dottor Guglielmo Gioia, noto mental coach dalla fama internazionale: questo incontro gli fornirà il pretesto per “rubare” il mestiere al dottore, calandosi nei suoi panni.

mister-felicita-recensione-film-alessandro-siani-testa

Partendo da uno spunto interessante – e da un’idea abbastanza lontana dagli standard di scrittura italiani – Siani ha provato, almeno su carta, a fare la differenza nel panorama limaccioso delle commedie distribuite durante il periodo delle feste; il risultato effettivo, però, si distacca di gran lunga dalle aspettative, vittima degli alti e bassi di un ritmo fragile pronto a soccombere alle esigenze del mercato. Sfruttare le potenzialità comiche ed episodiche degli innumerevoli incontri (surreali) tra il falso mental coach Martino e i suoi clienti poteva rivelarsi un’idea vincente, grazie comunque anche alla presenza comica garbata di Siani, ma lasciare che questa esile struttura narrativa venga contaminata e infettata da una serie infinita – e retorica – di luoghi comuni appesantisce a tal punto il ritmo del racconto da spingerlo verso un’inesorabile stagnazione: la romance fragile tra la bella – ed eterea – pattinatrice con il nullafacente dal sorriso guascone (ma dal buon cuore), le rivelazioni sulla problematica situazione famigliare di lei sono solo alcuni dei cliché che vengono arricchiti da vecchie gag prive di smalto e umorismo, dove perfino Siani – che ha un passato da comico monologhista alle spalle – si impantana senza pietà, somigliando ad un maldestro tentativo di nostalgica rievocazione dei tempi, dei ritmi e dei respiri delle commedie di Massimo Troisi.

mister-felicita-recensione-film-alessandro-siani-centro

Mister Felicità è sicuramente più godibile, fruibile ed apprezzabile delle tante commedie italiote confezionate su misura per rispettare i canoni delle feste, trattandosi comunque di un film “educato”, gentile, rassicurante nella sua confezione (attraverso la quale viene presentata sul grande schermo); ma, nonostante questi punti a proprio favore, dimostra come la strada della Commedia sia ancora lunga e irta di ostacoli, lastricata di buone intenzioni e tentativi falliti: un cast orchestrato con armonia, una regia approssimativa e una scrittura sottotono non bastano né a rinnovare i fasti di un genere – la commedia – né a soddisfare il palato del pubblico, soprattutto di quello più esigente. La sensazione che rimane è quella di un prodotto in fieri, di un atto mancato o di un’occasione sfumata per realizzare un film di puro, semplice e piacevole intrattenimento per tutti.

Leggi del nostro incontro con il cast

Regia: Alessandro Siani Con: Alessandro Siani, Diego Abatantuono, Carla Signoris, Elena Cucci, Cristiana Dell’Anna Anno: 2017 Durata: 90 Min. Paese: Italia Distribuzione: 01 Distribution
Mister Felicità, la nuova commedia di Alessandro Siani al cinema dal 01 gennaio 2017 con 01 Distribution. Alessandro Siani, dopo i successi de Il Principe Abusivo e Si Accettano Miracoli torna sul grande schermo con la sua ultima commedia, Mister Felicità (della quale è regista e co- sceneggiatore insieme a Fabio Bonifacci): questa volta il comico campano interpreta Martino, un classico “inattivo” che non trova lavoro, ma nemmeno fa molto per cercarlo. Quando raggiunge sua sorella Caterina in Trentino, accade qualcosa di totalmente imprevisto, perché la ragazza ha un incidente e servirebbe una costosa operazione alla gamba che non si possono permettere a…
Commento Finale - 55%

55%

Partendo da uno spunto interessante – e da un’idea abbastanza lontana dagli standard di scrittura italiani – Siani ha provato, almeno su carta, a fare la differenza nel panorama limaccioso delle commedie distribuite durante il periodo delle feste; il risultato effettivo, però, si distacca di gran lunga dalle aspettative, vittima degli alti e bassi di un ritmo fragile pronto a soccombere alle esigenze del mercato. La sensazione che rimane è quella di un prodotto in fieri, di un atto mancato o di un’occasione sfumata per realizzare un film di puro, semplice e piacevole intrattenimento per tutti.

User Rating: Be the first one !

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

suburra-serie-netflix-data-uscita-copertina

Suburra – La Serie sarà disponibile su Netflix nel mese di Ottobre (Video)

Suburra: La Serie, la prima serie originale Netflix italiana, debutterà il 6 Ottobre 2017 e raggiungerà 100 milioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *