Home / RECENSIONI / Drammatico / Manifesto – Rosefeldt porta al cinema la summa dei manifesti artistici più importanti della storia recente

Manifesto – Rosefeldt porta al cinema la summa dei manifesti artistici più importanti della storia recente

Manifesto: Il film di Julian Rosefeldt con Cate Blanchett  nelle sale per un evento speciale nei soli giorni dal 23-25 ottobre grazie ad I Wonder Pictures, si pone l’ambizioso obiettivo di riflettere sul ruolo dell’artista nella contemporaneità. Una modernità multiforme e variegata in cui convivono estremi sociali, umani e culturali di bruciante complessità: abbondanza e deprivazione estrema, libertà assoluta, assoggettamento completo, conformità estrema.

Manifesto nasce fin dal primo incontro fra Rosefeldt e la Blanchett a Berlino durante il quale viene partorita l’idea di questa pellicola altamente anticonformista che evidenzia come i manifesti artistici recenti più importanti (di teatro, danza, cinema ed architettura) abbiano moltissimo in comune nelle loro idee di fondo, così pienamente pervasi di corrosivo spirito di rinnovamento ed esaltante ottimismo. La pellicola di Julian Rosefeldt è in primo luogo una celebrazione della potenza demolitrice e creativa dell’arte, tale celebrazione avviene tramite i suoi manifesti artistici come mezzi attraverso i quali opporsi ai totalitarismi sociali e culturali tanto quanto al conformismo dilagante.

manifesto-recensione-film-copertina

Cosa Funziona in Manifesto

Una Cate Blanchett in stato di grazia ha interpretato ben 16 personaggi per enunciare, non senza una vena di irresistibile ironia, i manifesti dei più importanti movimenti sociali e artistici del passato recente. Si spazia dal futurismo al dadaismo, dal manifesto del partito comunista al Dogma 95, nel dipanarsi carico di significato di una serie di figure iconiche della nostra contemporaneità. La Blanchett impersona infatti fra i tanti un homless, una irreprensibile figura di madre, una operaia di fabbrica e una presentatrice televisiva in carriera utilizzando queste figure archetipiche per veicolare la potenza dissacratoria di questi movimenti culturali che incoraggiano in primo luogo a resistere ai totalitarismi culturali, evidenti e latenti, e ingaggia l’artista come un partigiano con il dovere di distruggere il passato stantio prima ancora di costruire. “L’arte richiede verità, non sincerità (Kazmir Malevich).

manifesto-recensione-film-centro

Perché non guardare Manifesto

Proprio come nel caso del linguaggio artistico stesso, Manifesto non risulterà digesto per coloro che non sono avvezzi agli aspetti criptici dell’arte, ma anche a coloro che cercano la linearità della narrazione in un’opera cinematografica. La visione a tratti può risultare ostica seppur inframmezzata da momenti esilaranti.

Regia: Julian Rosefeldt Con: Cate Blanchett, Erika Bauer, Carl Dietrich, Marie Borkowski Foedrowitz, Ea-Ja Kim, Marina Michael, Hannelore Ohlendorf, Ottokar Sachse Anno: 2015 Durata: 94 min. Paese: Australia, Germania Distribuzione: I Wonder Pictures

About Elisabetta Prantera

Elisabetta Prantera
Ricercatrice sociale/redattrice, saltella da una vita tra una rilevazione e la visione compulsiva di film e serie tv...perché un buon film può sanare quasi tutti i mali del corpo e dello spirito.

Guarda anche

the-punisher-recensione-tv-netflix-copertina

The Punisher – Chi è Frank Castle? Recensione della serie Netflix

The Punisher: la tanto attesa e voluta serie dedicata al “Punitore” della Marvel è finalmente giunta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *