Home / RECENSIONI / Biografico / Los Adioses: L’Eterno Femminino di Rosario Castellanos a RomaFF12

Los Adioses: L’Eterno Femminino di Rosario Castellanos a RomaFF12

Los Adioses è il film di Natalia Beristain, lungometraggio biopic incentrato sulla travagliata vita della scrittrice messicana Rosario Castellanos. Donna indipendente, moderna, coraggiosa e caparbia, la Castellanos è diventata un simbolo per le donne ma prima ancora per tutti gli artisti messicani del secondo dopoguerra, inaugurando quella (felice) stagione letteraria che ha portato ad un nuovo rinascimento nel mondo culturale del Messico stesso.

Il biopic atipico di Natalia Beristáin segue la vita di Rosario presentandola, innanzitutto, come una studentessa introversa lontana dal proprio tempo, immersa nel suo mondo popolato da parole e letteratura. La sua insofferenza nei confronti della società, dominata e gestita da uomini che avevano il completo potere decisionale sulle donne, l’ha spinta a trasformarsi in una figura chiave del circuito culturale dell’epoca e un simbolo del movimento femminista latinoamericano. La travagliata storia d’amore con Ricardo Guerra, complice, marito e agli albori collega, svela però il suo lato più intimo e fragile, lontano dalle battaglie e dalle lotte per l’emancipazione femminile.

los-adioses-recensione-film-testa

Cosa funziona in Los Adioses

Il frammento, la discontinuità, sembrano essere le costanti della poetica d’autore di questa regista: Los Adioses si delinea, quindi, come un biopic atipico, figlio diretto delle concezioni post-moderniste su spazio e tempo. Queste due variabili si inseguono fino a rincorrersi in modo forsennato, alternando il passato prossimo a quello remoto per poi tornare al presente e forse gettare uno sguardo su un futuro, un futuro che però per noi spettatori è già purtroppo passato.

Il ritratto, da donna a donna, che la Beristain fa della Castellanos in Los Adioses per quanto romanzato è sincero, delicato, post-moderno; la regia contraddistinta dalla fotografia calda e accogliente trascina lo spettatore nel cuore pulsante della storia, alternando poesia a dialoghi e silenzi, inquadrature ampie a dettagli angusti: il demone scorre sotto la pelle, e si nutre dei buoni principi che animano certe, pur se nobili, ideologie.

los-adioses-recensione-film-centro

Perché non vedere Los Adioses

Come molti biopic di genere, anche Los Adioses non brilla particolarmente sul piano dell’innovazione visiva e stilistica: il punto di forza di questo tipo di narrazione risiede nel cuore della storia, nell’impatto del racconto di vite larger than life itself. Il film della Beristain non sfugge a questa equazione, collocandosi così nel libo tra le innumerevoli opere fictional ispirate a storie di vita vere e i modelli più recenti del nuovo cinema sudamericano, con il quale condivide colori, sfumature, atmosfere e ritmo.

E proprio a tal proposito, è innegabile una certa lentezza nel ritmo, una scansione particolarmente dilatata dei tempi del racconto audiovisivo erede delle scelte formali attuate dalla regista, improntata verso un viaggio di “andata e ritorno” dal passato prossimo al presente imperfetto.

Regia: Natalia Beristain Con: Karina Gidi, Daniel Giménez Cacho, Tessa Ia, Pedro de Tavira Egurrola Anno: 2017 Durata: 85 Min. Paese: Messico

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

ferrari-mito-immortale-hv-copertina

Ferrari – Un mito Immortale – Da domani in DVD e Blu-ray

Icone di una generazione. Leggende di uno sport. Anni ’50: l’ascesa dell’iconica Scuderia Ferrari, simbolo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *