Home / RECENSIONI / Drammatico / La vendetta di un uomo tranquillo – Recensione – Un Film di Raúl Arévalo

La vendetta di un uomo tranquillo – Recensione – Un Film di Raúl Arévalo

L’esordio di genere firmato da Raúl Arévalo è sorprendente e dal forte impatto visivo e sonoro. La vendetta di un uomo tranquillo è un revenge movie intriso di ricorsi all’attualità più recente.

Presentato alla 73esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, nella sezione Orizzonti, e vincitore del Premio per la Migliore Attrice (Ruth Diaz) e vincitore di quattro premi Goya, tra cui il miglior film, La vendetta di un uomo tranquillo (Tarde para la ira) racconta la più classica delle vendette, seppur orchestrata in un gioco a carte coperte. La premessa è una rapina in una gioielliera finita male: i rapinatori fuggono a rotta di collo per l’arrivo della polizia, ma l’unico ad essere arrestato è l’autista della banda, Curro (Luis Callejo), condannato a otto anni di prigione. Ed ecco che la vicenda prende corpo proprio alla viglia del suo rilascio. Nel bar gestito dalla sua fidanzata storica, Ana (Ruth Diaz), si aggira un cliente abituale, José (Antonio de la Torre), uomo riservato, timido e silenzioso. È chiaro che è innamorato della donna, senza grandi speranze in apparenza. Eppure, a poco a poco, si scopre che il vero obiettivo di José è un altro.la-vendetta-di-un-uomo-tranquillo-recensione-alto

Lineare, veloce e senza tempi morti, particolarità che lo rende godibile agli occhi dello spettatore, La vendetta di un uomo tranquillo è un thriller di periferia e di quartiere dove a vincere sono la cattiveria insospettabile e la cattiveria degli insospettabili. Momenti di adrenalina pura si alternano a fasi introspettive che inducono lo spettatore a riflettere su quanto è disposto a fare l’uomo, il tutto condito con qualche pizzico di humour.

La narrazione è diretta, senza perder tempo e senza perdersi in forme stilistiche o peggio ancora moralistiche. Inizia lento e riflessivo, mostrando la stanca quotidianità di un bar mai troppo definito della penisola iberica. Minuto dopo minuto il film inizia a denotare qualcosa di diverso, inizia a crescere nel ritmo e nel racconto dei fatti. La fotografia cresce con noi, se questo si può dire, diventando via via più nitida nei colori e nelle forme, man mano che il protagonista guadagna lucidità e decisione. I personaggi sono ben caratterizzati, e ad Arévalo piace giocare a farci scoprire lati nascosti dei protagonisti, riuscendo di volta in volta a sorprenderci. La trama, inoltre, ha un rapporto particolare con la violenza: a volte questa è al centro della scena, la permea tutta, altre volte non viene neppure mostrata, mantenendo comunque la propria carica emotiva.

la-vendetta-di-un-uomo-tranquillo-recensione-centro

Con una sceneggiatura solida e dialoghi brevi ma intensi e diretti che contribuiscono alla riuscita del film, La vendetta di un uomo tranquillo è una buona opera prima e un buon film di genere che segue tutte le convenzioni del tradizionale revenge-movie, ma con un inusuale e sempre più forte crescendo di tensione, tale da permettere alla pellicola di lasciarsi seguire, con colpi di scena e momenti decisamente forti.

Leggi del nostro incontro con il regista
Regia: Raúl Arévalo Con: Antonio de la Torre, Luis Callejo, Ruth Díaz, Raúl Jiménez, Manolo Solo Anno: 2016 Durata: 92 Min Paese: Spagna Distribuzione: BIM Distribuzione 
L'esordio di genere firmato da Raúl Arévalo è sorprendente e dal forte impatto visivo e sonoro. La vendetta di un uomo tranquillo è un revenge movie intriso di ricorsi all'attualità più recente. Presentato alla 73esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, nella sezione Orizzonti, e vincitore del Premio per la Migliore Attrice (Ruth Diaz) e vincitore di quattro premi Goya, tra cui il miglior film, La vendetta di un uomo tranquillo (Tarde para la ira) racconta la più classica delle vendette, seppur orchestrata in un gioco a carte coperte. La premessa è una rapina in una gioielliera finita male: i rapinatori fuggono…
Commento Finale - 70%

70%

La vendetta di un uomo tranquillo

Lineare, veloce e senza tempi morti, particolarità che lo rende godibile agli occhi dello spettatore, l'opera prima di Raúl Arévalo, La vendetta di un uomo tranquillo, è un thriller di periferia e di quartiere dove a vincere sono la cattiveria insospettabile e la cattiveria degli insospettabili. Momenti di adrenalina pura si alternano a fasi introspettive che inducono lo spettatore a riflettere su quanto è disposto a fare l’uomo, il tutto condito con qualche pizzico di humour. Con una sceneggiatura solida e dialoghi brevi ma intensi e diretti che contribuiscono alla riuscita del film, La vendetta di un uomo tranquillo è una buona opera prima e un buon film di genere che segue tutte le convenzioni del tradizionale revenge-movie, ma con un inusuale e sempre più forte crescendo di tensione, tale da permettere alla pellicola di lasciarsi seguire, con colpi di scena e momenti decisamente forti.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

la-tartaruga-rossa-recensione-film-testa

La Tartaruga Rossa – Il capolavoro di Michaël Dudok de Wit in DVD dal 6 Luglio

Dal 6 luglio 2017 in tutte le librerie e negozi online, l’edizione home video del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *