Home / RECENSIONI / Drammatico / La Parrucchiera – Recensione – Un Film di Stefano Incerti

La Parrucchiera – Recensione – Un Film di Stefano Incerti

In una Napoli dai sapori e colori vivacemente mediorentali e declinata al femminile, La Parrucchiera racconta, attraverso atmosfere pop,  piccoli personaggi della periferia, per i quali la realizzazione di un sogno passa attraverso privazioni e sacrifici.

Autore de L’uomo di vetro nel 2007 e di Gorbaciof nel 2010, Stefano Incerti con  La Parrucchiera racconta le vicende di Rosa (Pina Turco); una ragazza madre, vivace e vitale, che cerca di sbarcare il lunario lavorando nel salone da parrucchiera di Patrizia (Cristina Donadio) e di suo marito Lello (Tony Tammaro), un uomo viscido attratto da lei fino all’ossessione. A causa delle continue avances di quest’ultimo e dopo una tentata violenza, Rosa si trova costretta a licenziarsi e decide di aprire un salone tutto suo con le amiche di sempre.

la-parrucchiera-recensione-alto

Perennemente in movimento, come la sua protagonista La Parrucchiera ci catapulta sin dalla prima inquadratura in una Napoli coloratissima, multirazziale, favolistica, problematica ma pur sempre materna. Una città/mondo che sembra non avere confini proprio perché assorbe naturalmente ogni situazione e linea narrativa rilanciandola come fosse un vero e proprio personaggio del film. Una Napoli più leggera e multiculturale, aperta alle diversità e donna nel DNA, perché tutto, ne l’opera di Incerti, ruota attorno alle “femmine”, vere mattatrici all’interno di un film in cui l’uomo fa quasi da contorno.

La scrittura corale, che da ampio respiro a tutti i personaggi messi in scena, chiamati ad interpretare la propria parte all’interno dell’opera, si perde nel corso della storia, esageratamente lunga e tendenzialmente ripetitiva. Un’umanità ribollente e viva che però non riesce a evadere dalle gabbie narrative del film: la crisi, i soldi, la televisione spazzatura, i 15 minuti di celebrità, la violenza endemica delle periferie, le piccole truffe e i pentimenti, insomma si procede per accumulo e il film non riesce a sfruttare appieno le sue carte vincenti.

la-parrucchiera-recensione-centro

Un po’ “musicarello” partenopeo, trainato dalle coinvolgenti canzoni dei Foja, gruppo folk napoletano e dalla ammaliante partitura di Antonio Fresa, La Parrucchiera è un’opera imperfetta che, spaziando tra riscatto sociale e caparbietà femminile, ossessione per l’apparire e critica politica, racconta in modo inedito una città che trasuda voglia di vivere da ogni poro.

Regia: Stefano Incerti Con: Pina Turco, Massimiliano Gallo, Cristina Donadio, Tony Tammaro, Arturo Muselli, Lucianna De Falco, Alessandra Borgia  Anno: 2017 Durata: 108 Min Paese: Italia Distribuzione: Good Films 
In una Napoli dai sapori e colori vivacemente mediorentali e declinata al femminile, La Parrucchiera racconta, attraverso atmosfere pop,  piccoli personaggi della periferia, per i quali la realizzazione di un sogno passa attraverso privazioni e sacrifici. Autore de L'uomo di vetro nel 2007 e di Gorbaciof nel 2010, Stefano Incerti con  La Parrucchiera racconta le vicende di Rosa (Pina Turco); una ragazza madre, vivace e vitale, che cerca di sbarcare il lunario lavorando nel salone da parrucchiera di Patrizia (Cristina Donadio) e di suo marito Lello (Tony Tammaro), un uomo viscido attratto da lei fino all’ossessione. A causa delle continue avances di quest’ultimo…
Commento finale - 60%

60%

La Parrucchiera

Perennemente in movimento, come la sua protagonista,  La Parrucchiera ci catapulta sin dalla prima inquadratura in una Napoli coloratissima, multirazziale, favolistica, problematica ma pur sempre materna. Una città/mondo che sembra non avere confini proprio perché assorbe naturalmente ogni situazione e linea narrativa rilanciandola come fosse un vero e proprio personaggio del film. Un po' "musicarello" partenopeo, trainato dalle coinvolgenti canzoni dei Foja, gruppo folk napoletano e dalla ammaliante partitura di Antonio Fresa, La Parrucchiera è un'opera imperfetta che, spaziando tra riscatto sociale e caparbietà femminile, ossessione per l’apparire e critica politica, racconta in modo inedito una città che trasuda voglia di vivere da ogni poro.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

captain-fantastic-recensione-film-copertina

Captain Fantastic – Recensione del Blu-Ray Disc del miglior film della Festa del Cinema di Roma 2016

Captain Fantastic: Dopo l’ottimo riscontro di pubblico e critica in sala, la famiglia di Matt Ross e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *