Home / RECENSIONI / Drammatico / Il viaggio di Fanny – Recensione – Un Film di Lola Doillon

Il viaggio di Fanny – Recensione – Un Film di Lola Doillon

Per il suo terzo lungometraggio, Il viaggio di Fanny, la regista Lola Doillon si ispira alla storia vera di Fanny Ben-Ami, che racconta in un libro come da bambina sia riuscita a salvare se stessa e le proprie sorelle dalla follia delle persecuzioni naziste.

Vincitore della 46° edizione del Giffoni Film Festival nella categoria Generator +16, arriva nelle nostre sale, nelle sole giornate del 26 e 27 gennaio – in occasione della ricorrenza della Giornata della Memoria – Il viaggio di Fanny che racconta la storia vera della tredicenne Fanny Ben-Ami e delle sue sorelle, lasciate dai genitori in una delle colonie francesi destinate a proteggere i minori dai rischi della guerra. Lì conoscono altri coetanei e con loro, quando i rastrellamenti nazisti si intensificano e inaspriscono, sono costrette alla fuga. Questi bambini dovranno fare appello a tutta la loro forza interiore e al loro coraggio per affrontare pericoli e peripezie nel tentativo di raggiungere il confine svizzero e salvarsi.

il-viaggio-di-fanny-recensione-alto

Donando al film un senso profondo e un’angolazione “pulita” in grado di offrire al fruitore la possibilità di osservare con una lente diversa una piccola parentesi di una storia così grande e dolorosa, Il viaggio di Fanny sceglie di narrare l’odissea umana sempre ed esclusivamente attraverso lo sguardo della giovane protagonista e dei suoi piccoli compagni di sventura. La Doillon realizza un film privo di vere e proprie scene di guerriglia, o di bombardamenti; il girato non mostra mai il conflitto in modo cruento, ma lascia percepire il dramma dagli sguardi dei protagonisti, dalla violenza verbale, da notizie apprese da terzi. La crudeltà e il pericolo sono comunque presenti in modo costante, la tensione è sempre alta, e ampio spazio è dato al percorso intimo e personale dei bambini.

Un’inverosimile delicatezza caratterizza la pellicola. Omaggio a tutti coloro che hanno perso o messo in pericolo la propria vita per salvarne altre. Ma anche invito a non dimenticare e monito attuale contro ogni forma di disumana persecuzione e violenza. La messa in scena, lineare, fino a sfiorare talvolta la piattezza, pur godendo di momenti di buon cinema, è altalenante nella sua costante ricerca di un registro che forzi equilibrio tra le necessità pedagogiche della narrazione e uno smorzamento della drammaticità degli eventi. Senza spiccate lodi, Il viaggio di Fanny si lascia guardare ma finisce per non lasciare particolare ricordo se non quello del volto straziato, dello sguardo intenso e della forza d’animo della sua coraggiosa protagonista

il-viaggio-di-fanny-recensione-centro

Road movie che ha il sapore inconfondibile del più classico romanzo di formazione, che si fa a sua volta veicolo di trasmissione della memoria della Shoah, anche se sempre a misura di bambino, Il viaggio di Fanny è la storia di chi è costretto a crescere e a prendere in mano il suo destino, su impulso di una realtà che lentamente gli si sfalda intorno.

Regia: Lola Doillon Con: Léonie Souchaud, Fantine Harduin, Juliane Lepoureau, Ryan Brodie, Anaïs Meiringer Anno: 2016 Durata: 94 Min. Paese: Francia Distribuzione: Lucky Red
Per il suo terzo lungometraggio, Il viaggio di Fanny, la regista Lola Doillon si ispira alla storia vera di Fanny Ben-Ami, che racconta in un libro come da bambina sia riuscita a salvare se stessa e le proprie sorelle dalla follia delle persecuzioni naziste. Vincitore della 46° edizione del Giffoni Film Festival nella categoria Generator +16, arriva nelle nostre sale, nelle sole giornate del 26 e 27 gennaio - in occasione della ricorrenza della Giornata della Memoria - Il viaggio di Fanny che racconta la storia vera della tredicenne Fanny Ben-Ami e delle sue sorelle, lasciate dai genitori in una delle colonie francesi destinate…
Commento finale - 65%

65%

Il viaggio di Fanny

Vincitore della 46° edizione del Giffoni Film Festival nella categoria Generator +16, arriva nelle nostre sale, Il viaggio di Fanny, ispirato alla storia vera di Fanny Ben-Ami, che racconta come da bambina sia riuscita a salvare se stessa e le proprie sorelle dalla follia delle persecuzioni naziste. Nonostante una messa in scena lineare, a volte fino alla piattezza, accomodando eventi e passaggi narrativi in funzione del loro intento pedagogico, Il viaggio di Fanny è un road movie che ha il sapore inconfondibile del più classico romanzo di formazione, che si fa a sua volta veicolo di trasmissione della memoria della Shoah, anche se sempre a misura di bambino.

User Rating: 4.85 ( 2 votes)

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

tutti-i-soldi-del-mondo-nuovo-trailer-copertina

Tutti i soldi del mondo, il nuovo trailer italiano del film di Ridley Scott

Ebbene, dopo il trambusto suscitato dal caso Kevin Spacey, accusato di molestie sessuali, come sappiamo, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *