Home / RECENSIONI / Animazione / I Puffi-Viaggio nella Foresta Segreta – Recensione – Un Film di Kelly Asbury

I Puffi-Viaggio nella Foresta Segreta – Recensione – Un Film di Kelly Asbury

I Puffi-Viaggio nella Foresta Segreta diretto da Kelly Asbury è il nuovo film d’animazione pronto a debuttare nelle sale italiane dal 6 Aprile, cercando di sciogliere alcuni, storici, dubbi che da sempre affliggono tutti coloro che sono cresciuti (anche solo di riflesso) con la saga degli omini blu di Pufflandia.

In questo nuovo capitolo – che segue i precedenti che sfruttavano la tecnologia live action – protagonista della vicenda è Puffetta, misteriosa unica puffa creata dal perfido mago Gargamella per ingannare i piccoli abitanti del villaggio, che però finisce per diventare una presenza benevola grazie alla magia bianca del Grande Puffo. Puffetta è afflitta dai dubbi legati al proprio passato e alla propria natura: chi è veramente? Da dove viene? Un’incursione nel cuore della Foresta Segreta insieme a Quattrocchi, Tontolone e Forzuto la porteranno sulle tracce di un misterioso villaggio scomparso e, forse, abitato da creature simili a lei, alimentando in tal modo involontariamente l’avidità del mago.

Puffi-Viaggio-nella-Foresta-Segreta-Recensione-film-testa

Rispetto ai capitoli che lo hanno preceduto, I Puffi-Viaggio nella Foresta Segreta è più fedele al cartoon originale ed evita di smarrirsi, miseramente, tra i dedalici corridoi degli esperimenti ibridati tra animazione ed esseri umani in carne ed ossa. Kelly Asbury si avvale di due sceneggiatrici come Stacey Harman e Pamela Ribon per confezionare una sorta di inno al “girl power” camuffato da innocente narrazione delle disavventure dei piccoli uomini blu. Con una colonna sonora in bilico tra sigle retrò dal sapore amarcord (la voce di Cristina D’Avena sui titoli di coda sortisce sempre un certo effetto) ed evocativi pezzi dance anni ’90, I Puffi-Viaggio nella Foresta Segreta riesce a conciliare, trasversalmente, il gusto dei più grandi come dei più piccoli, degli appassionati e di tutti coloro che, in fin dei conti, non sono mai stati dei fan degli omini blu. Il segreto del film d’animazione di Asbury si annida nella leggerezza, nel tocco delicato con il quale riesce a narrare una storia scritta seguendo, pedissequamente, gli schemi di una sceneggiatura cinematografica pensata per una più ampia porzione di pubblico. Buoni e cattivi si muovono sullo schermo saltando da un’inquadratura all’alta; le gags e le azioni si succedono con il giusto ritmo fino a culminare in colpi di scena talvolta prevedibili, ma pur sempre rassicuranti. La scelta di eliminare gli attori in carne e ossa si è rivelata vincente, visti gli alti livelli raggiunti dall’animazione che non fanno rimpiangere, allo spettatore, il “fattore umano” permettendo, al contrario, una totale immedesimazione nel mondo bidimensionale e naif di Pufflandia.

Puffi-Viaggio-nella-Foresta-Segreta-Recensione-film-centro

Nella versione originale il “cast” di doppiatori include voci famose come Demi Lovato, Rainn Wilson, Joe Manganiello, Jack McBrayer, Danny Pudi, Mandy Patinkin e Julia Roberts, con una colonna sonora trainata dal pezzo I’m a Lady composto da Meghan Trainor.

Leggi del nostro incontro con Cristina D’Avena

Regia: Kelly Asbury Con: Joe Manganiello, Mandy Patinkin, Rainn Wilson, Demi Lovato, Jack McBrayer Anno: 2017 Durata: 89 Min. Paese: USA 2017 Distribuzione: Warner Bros Italia
I Puffi-Viaggio nella Foresta Segreta diretto da Kelly Asbury è il nuovo film d’animazione pronto a debuttare nelle sale italiane dal 6 Aprile, cercando di sciogliere alcuni, storici, dubbi che da sempre affliggono tutti coloro che sono cresciuti (anche solo di riflesso) con la saga degli omini blu di Pufflandia. In questo nuovo capitolo – che segue i precedenti che sfruttavano la tecnologia live action – protagonista della vicenda è Puffetta, misteriosa unica puffa creata dal perfido mago Gargamella per ingannare i piccoli abitanti del villaggio, che però finisce per diventare una presenza benevola grazie alla magia bianca del Grande…
Commento Finale - 65%

65%

I Puffi-Viaggio nella Foresta Segreta è più fedele al cartoon originale ed evita di smarrirsi, miseramente, tra i dedalici corridoi degli esperimenti ibridati tra animazione ed esseri umani in carne ed ossa. Asbury confeziona una sorta di inno al “girl power” camuffato da innocente narrazione delle disavventure dei puffi riuscendo a conciliare, trasversalmente, il gusto dei più grandi come dei più piccoli, degli appassionati e di tutti coloro che, in fin dei conti, non sono mai stati dei fan degli omini blu. Il segreto del film d’animazione di Asbury si annida nella leggerezza che attraversa le gags e le azioni che si succedono con il giusto ritmo fino a culminare in colpi di scena talvolta prevedibili, ma pur sempre rassicuranti.

User Rating: Be the first one !

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

ombra-guerra-espansione-nemesis-tribu-copertina

La Terra di Mezzo: L’Ombra della Guerra – Espansione Nemesis Tribù del Massacro oggi disponibile più aggiornamenti gratuiti

Oggi Warner Bros. Interactive Entertainment ha pubblicato l’espansione Nemesis Tribù del Massacro, che fa arrivare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *