Home / RECENSIONI / Commedia / Ho amici in Paradiso – Recensione – Un Film di Fabrizio Maria Cortese

Ho amici in Paradiso – Recensione – Un Film di Fabrizio Maria Cortese

Opera prima del regista Fabrizio Maria Cortese, Ho amici in Paradiso racconta uno spaccato della vita del Centro di riabilitazione Don Guanella, della sua mission e la sua spiritualità, con l’allegria della commedia e riunendo, accanto agli attori professionisti, alcuni ospiti disabili del centro di riabilitazione.

Presentato come “evento speciale” alla Festa del Cinema di Roma nella sezione Alice nella città, Ho amici in Paradiso, opera prima del regista Fabrizio Maria Cortese che ne è anche autore della sceneggiatura con Giulia Lusetti e Stefano Piani, racconta la vicenda di Felice Castriota (Fabrizio Ferracane), commercialista salentino, impulsivo e superficiale, ambizioso e avventato, immischiato nel riciclo dei soldi della malavita. Beccato in flagrante, il Procuratore della Repubblica di Lecce gli propone, invece della galera, i domiciliari ai servizi sociali, se denuncia il boss U’ Pacciu. Così finisce a scontare la pena al centro Don Guanella di Roma e scopre una realtà completamente diversa da quella che si aspettava.

Ho-Amici-in-Paradiso-recensione-alto

Prodotto dalla Golden Hour Films con Rai Cinema, in associazione con l’Opera don Guanella e DESI, in collaborazione con Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana e la Fondazione Ente dello Spettacolo, Ho amici in Paradiso pur parlando di un tema come l’handicap, lo affronta con leggerezza e senza falsi pietismi, fondendo realtà e finzione e unendo nel cast attori professionisti e i veri ospiti del centro Don Guanella. Tra i temi affrontati, la bellezza della diversità, il servizio sociale come luogo di rinascita ai valori autentici della vita, l’amicizia come “anticipazione” del paradiso in terra, l’inclusione sociale delle persone con disabilità, il volontariato come via per riscoprire la bellezza del dono di sé agli altri.

Queste scelte narrative permettono al regista Cortese di confezionare una storia per famiglie, che possa veicolare il messaggio ad un’ampia platea, che potrà godere di un racconto che mai spinge il pedale sul dramma, riuscendo persino ad evidenziare gli enormi handicap di chi, normodotato, smette di evolversi umanamente, come lo stesso protagonista. Un film leggero ed amabile che racconta la storia del cambiamento di un uomo, di un percorso che si snoda attraverso l’amore, l’amicizia, il dialogo, la comprensione e il linguaggio, votato alla ricerca del modo migliore di esprimere un messaggio.

Ho-Amici-in-Paradiso-recensione-centro

Ho amici in Paradiso non è un film perfetto nella forma, ma è un film sincero, delicato, con un andamento televisivo e personaggi ben delineati che tende a far emergere i suoi contenuti, mescolando la commedia al cinema sociale che adopera la settima arte per trasmettere messaggi.

Regia: Fabrizio Maria Cortese Con: Valentina Cervi, Fabrizio Ferracane, Antonio Catania, Antonio Folletto, Enzo Salvi, Emanuela Garuccio, Erica Blanc, Christian Iansante Anno: 2016 Durata: 95 Min. Paese: Italia Distribuzione: Golden hour films
Opera prima del regista Fabrizio Maria Cortese, Ho amici in Paradiso racconta uno spaccato della vita del Centro di riabilitazione Don Guanella, della sua mission e la sua spiritualità, con l’allegria della commedia e riunendo, accanto agli attori professionisti, alcuni ospiti disabili del centro di riabilitazione. Presentato come “evento speciale” alla Festa del Cinema di Roma nella sezione Alice nella città, Ho amici in Paradiso, opera prima del regista Fabrizio Maria Cortese che ne è anche autore della sceneggiatura con Giulia Lusetti e Stefano Piani, racconta la vicenda di Felice Castriota (Fabrizio Ferracane), commercialista salentino, impulsivo e superficiale, ambizioso e avventato, immischiato nel riciclo dei…
Commento finale - 65%

65%

Ho amici in Paradiso

Opera prima del regista Fabrizio Maria Cortese, Ho amici in Paradiso racconta la vicenda di Felice Castriota (Fabrizio Ferracane), commercialista salentino, impulsivo e superficiale, ambizioso e avventato, immischiato nel riciclo dei soldi della malavita. Beccato in flagrante, il Procuratore della Repubblica di Lecce gli propone, invece della galera, i domiciliari ai servizi sociali, se denuncia il boss U’ Pacciu. Così finisce a scontare la pena al centro Don Guanella di Roma e scopre una realtà completamente diversa da quella che si aspettava. Il film, pur parlando di un tema come l’handicap, lo affronta con leggerezza e senza falsi pietismi, fondendo realtà e finzione e unendo nel cast attori professionisti e i veri ospiti del centro Don Guanella. Un'opera non perfetta, ma sincera, delicata, che tende a far emergere i suoi contenuti, mescolando la commedia al cinema sociale.

User Rating: 4.7 ( 1 votes)

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

dove-non-ho-mai-abitato-recensione-copertina

Dove non ho mai abitato – Paolo Franchi e il suo affresco classico e melò di una famiglia dell’alta borghesia piemontese

Dove non ho mai abitato: cambiando nuovamente registro rispetto alla sua opera precedente, Paolo Franchi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *