Home / RECENSIONI / Drammatico / Gifted – Il dono del talento – Webb dirige la piccola Mckenna Grace in un opera intensa e commovente

Gifted – Il dono del talento – Webb dirige la piccola Mckenna Grace in un opera intensa e commovente

Dopo l’esperienza Marvel con il dittico di The Amazing Spider-Man, Marc Webb dirige Gifted – Il dono del talento, secondo suo film al di fuori di quell’universo cinematografico, opera emotiva, intensa e commovente.

In una piccola città nei pressi di Tampa, una bambina di sette anni Mary Adler (Mckenna Grace) mostra un notevole talento matematico nel suo primo giorno di scuola, talento che impressiona la sua insegnante (Jenny Slate). A Mary viene offerta una borsa di studio per una scuola privata per bambini dotati, tuttavia, suo zio e custode formale, Frank (Chris Evans), con il quale vive dopo la morte di sua madre, rifiuta. Basandosi sulle esperienze della sua famiglia con scuole simili, teme che Mary non avrà la possibilità di avere un’infanzia “normale”. Arriva però la nonna (Lindsay Duncan) a complicare la situazione.

gifted-il-dono-del-talento-recensione-alto

Che cosa funziona in Gifted – Il dono del talento

Puntando tutto sulla componente emotiva, e riescendo sempre a bilanciare con una acuta e mai forzata ironia tutti i momenti drammatici che non mancano, Gifted – Il dono del talento è un genuino film per famiglie. Mckenna Grace, la giovane e talentuosa protagonista, sorregge sulle sue piccolissime spalle la maggior parte del film ed è proprio lei a creare empatia con il pubblico, elemento fondamentale per un’operazione così intimamente legata ai propri personaggi. La sua Mary è una outsider, così come lo è il Frank di Chris Evans, e per tutto il film i loro personaggi combattono per non dover scendere a compromessi ed intaccare quella che è la loro reale indole, la loro volontà, la loro integrità.

gifted-il-dono-del-talento-recensione-centro

Perché non guardare Gifted – Il dono del talento

La sceneggiatura nel complesso risulta a tratti imperfetta, sporcata da vuoti ed errori, come qualche inutile relazione tra alcuni personaggi. La bambina è contemporaneamente sia l’elemento di rottura sia l’anello di congiunzione fra gli universi in conflitto nel film: il genio e la normalità, il mondo adulto e quello infantile, la figura genitoriale e quella filiale e persino il mondo maschile e quello femminile. La contrapposizione tra Frank ed Evelyn (Lindsay Duncan), la nonna è costruita in modo da imporre l’empasse, uno stallo etico e narrativo che può essere risolto solo tramite una terza via.

gifted-il-dono-del-talento-recensione-basso

Con una regia lineare particolarmente coinvolgente perché molto fisica – anche nell’uso ricorrente della macchina a mano – Gifted – Il dono del talento è un film, nella sua semplicità, priva di cinismo, e in grado di offrire allo spettatore una piacevole e, perché no, intensa evasione.

Regia: Mac Webb Con: Chris Evans, Mckenna Grace, Lindsay Duncan, Octavia Spencer, Jenny Slate Anno: 2017 Durata: 101 Min. Paese: USA Distribuzione: 20th Century Fox

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

capitan-mutanda-recensione-copertina

Capitan Mutanda – Arriva al cinema il goffo e coraggioso supereroe nato dalla penna di Dav Pilkey

Tratto dalla serie di libri di Dav Pilkey, Capitan Mutanda, il goffo e coraggioso supereroe, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *