Home / RECENSIONI / Noir / Falchi – Recensione – Un Film di Toni D’Angelo

Falchi – Recensione – Un Film di Toni D’Angelo

Falchi, il nuovo film diretto da Toni D’Angelo, debutta nelle sale il 2 Marzo distribuito da Koch Media con la collaborazione di Raicinema: il risultato del lavoro di D’Angelo è un particolare film di genere sospeso tra i territori silenziosi e cupi del gangster movie, del poliziottesco e del noir hongkonghese.

In una Napoli scura e babelica, nei caotici bassifondi dove si nascondono i boss latitanti e nel sottobosco proliferante del malaffare, si muovono a loro agio – come pesci in un acquario – i due poliziotti della sezione “Falchi” (un particolare ramo della polizia) Peppe e Francesco (Fortunato Cerlino e Michele Riondino), amici e colleghi distanti come due rette parallele: percorsi simili, vite che si sfiorano senza mai incontrarsi veramente. Entrambi sono “vittime” degli atteggiamenti poco ortodossi che la loro professione li spinge ad assumere; il primo è reduce da un incidente durante un’operazione di polizia che ha mandato in frantumi la sua immagine pubblica e la sfera privata; l’altro passa il proprio tempo libero addestrando cani da combattimento. Ma le rispettive esistenze apparentemente senza speranza verranno sconvolte da un suicidio e dalla comparsa di due elementi femminili che li spingeranno a prendere decisioni drastiche pur di lottare per un cambiamento.

falchi-recensione-film-testa

Con Falchi, Toni D’Angelo sceglie la via del film di genere “nudo e crudo”, recuperando gli stilemi e l’estetica di una grammatica della quale si appropria con disinvolta naturalezza: il risultato è un teso “scontro” tra due uomini amici/nemici che potrebbe ambientarsi benissimo nella dedalica Hong Kong di John Woo, mentre in realtà lo skyline che si può ammirare è quello della città partenopea. Napoli è una co – protagonista importante della vicenda ma non ruba mai la scena alla coppia di protagonisti, come del resto accade alle altre donne del film: la vicina di Peppe amante dei cani (interpretata da Stefania Sandrelli) e la ragazza cinese che Francesco decide di salvare ad ogni costo dal proprio sfruttatore, pur di espiare colpe commesse nel passato che ancora lo perseguitano. Il respiro universale del film ben si abbina alla fotografia cupa, con rarissime esposizioni concesse alla luce naturale – che filtra sempre livida tra i contorni metropolitani del paesaggio – che riflettono i tormenti interiori di questa coppia di poliziotti. Se tutti i Santi sono nati peccatori – come recita un famoso adagio – lo stesso destino sembra riservato a Peppe e Francesco: vittime della routine alienante del loro lavoro, non sembrano così integri per essere dei tutori della legge; il loro scopo è trovare un appiglio per redimersi, una nuova speranza che possa fornire loro il coraggio per interrompere quella discesa, inesorabile, nel vortice autolesionista che si annida nell’oscurità dei loro cuori di tenebra, consegnandoli alla memoria di un destino incline al martirio.

falchi-recensione-film-centro

Purtroppo gli intenti di partenza di D’Angelo restano, però, avviluppati nelle spire dei codici di genere, cristallizzando la complessità psicologica dei protagonisti di Falchi in quello che può sembrare, apparentemente, un esercizio di genere che si limita a seguire delle regole codificate senza mai provare ad infrangerle, evitando di aggiornare e ancorare il lungometraggio alla realtà tutta italiana nella quale si snodano le vicende mostrate.

Regia: Toni D’Angelo Con: Fortunato Cerlino, Michele Riondino, Xiaoya Ma, Aniello Arena, Pippo Delbono Anno: 2017  Durata: 90 Min. Paese: Italia Distribuzione: Koch Media
Falchi, il nuovo film diretto da Toni D’Angelo, debutta nelle sale il 2 Marzo distribuito da Koch Media con la collaborazione di Raicinema: il risultato del lavoro di D’Angelo è un particolare film di genere sospeso tra i territori silenziosi e cupi del gangster movie, del poliziottesco e del noir hongkonghese. In una Napoli scura e babelica, nei caotici bassifondi dove si nascondono i boss latitanti e nel sottobosco proliferante del malaffare, si muovono a loro agio – come pesci in un acquario – i due poliziotti della sezione “Falchi” (un particolare ramo della polizia) Peppe e Francesco (Fortunato Cerlino…

Falchi

Commento Finale - 65%

65%

Con Falchi D’Angelo sceglie la via del film di genere “nudo e crudo”, recuperando gli stilemi e l’estetica di una grammatica della quale si appropria con disinvolta naturalezza: il risultato è un teso “scontro” tra due uomini amici/nemici che potrebbe ambientarsi benissimo nella dedalica Hong Kong di John Woo. Il respiro universale del film ben si abbina alla fotografia che riflette i tormenti dei due poliziotti protagonisti, ma che non riesce a salvare da sola ottimi intenti di partenza che rimangono avviluppati nelle spire di codici legati a un esercizio di genere che si limita a seguire delle regole senza mai provare ad infrangerle.

User Rating: 1.25 ( 1 votes)

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

sonic-forces-nuovo-video-battaglia-copertina

Sonic Forces svela un filmato ricco di azione della battaglia finale contro il nuovo super cattivo Infinite

Il Gameplay mostra anche una eccitante modalità di gioco “Rental Avatar” dell’Eroe con caratteristiche social  …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *