Home / RECENSIONI / Animazione / East End – Recensione- Un Film di Skanf & Puccio

East End – Recensione- Un Film di Skanf & Puccio

Film d’animazione made in Italy, East End di Skanf & Puccio, dietro una facciata di film per tutti, si connota nei contenuti, con temi estratti dalla realtà, dalla vita vera, quella che vediamo tutti i giorni alla televisione, come un film per il pubblico adulto.

Opera prima di Skanf e Puccio (al secolo Luca Scanferla e Giuseppe Squillaci), registi romani con la passione per il fumetto e i cartoni, East End è una bella sorpresa nel panorama dell’animazione italiana. La vicenda si svolge nella periferia di Roma est: Leo, Lex e Vittorio sono tre bambini come tanti, frequentano la stessa scuola e vivono nello stesso palazzo ma anche se hanno delle famiglie diverse li accomuna la passione per il calcio, e proprio l’attesissimo derby Roma-Lazio sarà il motore degli eventi che scatenerà una serie di conseguenze a dir poco catastrofiche. Il loro nuovo compagno di scuola, Ugo, convincerà i suoi cuginetti nerd ad hackerare un satellite per vedere la partita in diretta, ma purtroppo sarà scelto proprio un satellite militare super segreto degli Stati Uniti, utilizzato per dare la caccia al famigerato leader terrorista Al Zabir Muffat.

east-end-recensione-alto

Nati dalla matita di Andrea Minella, i personaggi dell’universo di East End sono costruiti con forme geometriche molto semplici, con la combinazione di pochi elementi che li personalizzano (capelli, naso, vestiti) e rimandano graficamente a quelli di South Park. Anche la trama è piuttosto semplice, inspessita però dalle varie sottotrame che riguardano i singoli personaggi e impreziosita da svariati siparietti esilaranti che vedono come protagonisti diverse “special guest” che vanno dall’ex presidente Obama, a Francesco Totti, a Federico Moccia a Papa Bergoglio.

A regnare sovrana è la satira: tutto ciò che ci riguarda, tutto il nostro vissuto, viene colpito dalla pungente ironia degli autori. Incappiamo così in terroristi islamici e kamikaze, i due Papi che convivono amabilmente, politici come la Merkel e Berlusconi sorpresi a fare sesso sadomaso, Barack Obama con accento milanese, ma anche Roberto Saviano, Francesco Totti, Nanni Moretti che scorrazza per Roma con la sua vespina come nel celeberrimo Caro diario. E poi la mafia, il caso di Roma Capitale, le torture di Guantanamo. Traducendo il reale in “cartone animato” con ironia sagace e mai volgare, East End è un calderone variegatissimo di situazioni e personalità della realtà mischiati ad una manciata di simpaticissimi personaggi inventati.

east-end-recensione-centro

Raccontando una realtà complessa e in continuo mutamento, che la politica, non solo italiana, ancorata a vecchi schemi e a dinamiche ormai superate, fatica a comprendere e ad affrontare, East End è un prodotto capace di comunicare a più livelli: se la fascia preadolescenziale coglierà solo determinati input, saranno soprattutto gli adulti a godere pienamente di questo film.

 

Regia: Luca Scanferla, Giuseppe Squillaci Anno: 2016 Durata: 85 Min. Paese: Italia Distribuzione: Distribuzione Indipendente
Film d'animazione made in Italy, East End di Skanf & Puccio, dietro una facciata di film per tutti, si connota nei contenuti, con temi estratti dalla realtà, dalla vita vera, quella che vediamo tutti i giorni alla televisione, come un film per il pubblico adulto. Opera prima di Skanf e Puccio (al secolo Luca Scanferla e Giuseppe Squillaci), registi romani con la passione per il fumetto e i cartoni, East End è una bella sorpresa nel panorama dell'animazione italiana. La vicenda si svolge nella periferia di Roma est: Leo, Lex e Vittorio sono tre bambini come tanti, frequentano la stessa scuola…
Commento Finale - 70%

70%

East End

Opera prima di Skanf e Puccio (al secolo Luca Scanferla e Giuseppe Squillaci), East End è una bella sorpresa nel panorama dell'animazione italiana. Traducendo il reale in “cartone animato” con ironia sagace e mai volgare, East End è un calderone variegatissimo di situazioni e personalità della realtà mischiati ad una manciata di simpaticissimi personaggi inventati. Raccontando una realtà complessa e in continuo mutamento, che la politica, non solo italiana, ancorata a vecchi schemi e a dinamiche ormai superate, fatica a comprendere e ad affrontare, il film riesce con sagace ironia a colpire la nostra realtà con una satira mai volgare.

User Rating: Be the first one !

About Federica Rizzo

Federica Rizzo
Campana doc, si laurea in Scienze delle Comunicazioni all'Università degli Studi di Salerno. Web & Social Media Marketer, appassionata di cinema, serie tv e tv, entra a far parte della famiglia DarumaView l'anno scorso e ancora resiste. Internauta curiosa e disperata, giocatrice di Pallavolo in pensione, spera sempre di fare con passione ciò che ama e di amare follemente ciò che fa.

Guarda anche

disincanto-prime-immagini-groening-02

Disincanto: Il Trailer della serie Netflix creata da papà dei Simpson

In occasione del San Diego Comic Con, durante il panel dedicato Disincanto, la nuova serie d’animazione fantasy …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *