Home / RECENSIONI / Avventura / Civiltà perduta – Recensione – Un Film di James Gray

Civiltà perduta – Recensione – Un Film di James Gray

Civiltà perduta: Dopo la presentazione al Festival di Berlino, l’ultima fatica del talentuoso James Gray arriva nei cinema italiani per narrare il rifiuto di un uomo dalla schiavitù dei valori della società del secolo scorso

Negli anni venti l’esploratore e colonnello britannico Percy Fawcett (Charlie Hunnam) decide di abbandonare più volte moglie e figli, per affrontare i molti pericoli della Foresta Amazzonica. Il suo obbiettivo è quello di scoprire la leggendaria città di nome Z e la sua complessa civiltà. Una missione al limite delle possibilità della società comune dell’epoca, nella quale trova solo l’appoggio incondizionato della moglie e il rispetto e la fiducia di pochi uomini.

civilta-perduta-recensione-film-testa

Quattro anni dopo “C’era una volta a New York“, il regista e sceneggiatore statunitense James Gray, continua la sua idea di cinema con la ricostruzione di una vita spesa all’insegna dell’uguaglianza e del rifiuto dei costumi della propria società. Una comunità alla quale il protagonista si sente legato ma che non riconosce come propria. Una vita fatta di avventura, di sacrifici per un sogno al quale sembra l’unico a credere ciecamente. Un film sviluppato e caratterizzato dalle relazioni umane, dai contrasti e dai sentimenti che animano le imprese che sembrano impossibili. Civiltà perduta è tutto questo e anche di più, sorretto da una story-line che per molti può essere vista come confusionaria,  in realtà è concettualmente voluta e elaborata per non soffermarsi su parti futili (come la completa assenza dei viaggi di andata e ritorno dal Mato Grosso), Gray elabora un personaggio sospeso e in tensione tra due mondi, due modi di vivere completamente opposti nella stessa epoca. Come per i suoi precedenti lavori si concentra sul carattere del suo protagonista, ben delineato già all’interno del libro di David Grann, al quale si è ispirato per la sua ultima opera.

civilta-perduta-recensione-film-centro

Civiltà perduta è un’avventura elettrizzante distesa tra lirismo e epicità ma non inflazionata da effetti speciali o scene spettacolari. E’ l’uomo contro natura, la sua, quella della società dove vive ma anche quella che vuole faticosamente conquistare. Ottimo è il cast: dal perfetto protagonista Charlie Hunnam alla spalla Robert Pattinson senza dimenticare i personaggi di contorno come Sienna Miller e l’astro nascente Tom Holland, presto nel nuovo Spider-man Homecoming. Un viaggio in un tipo di cinema che oggi sembra sopito, privo della tanta CGI che caratterizza le pellicole di questo genere. Nella speranza che questo film non resti nel dimenticatoio estivo, vi consigliamo di recuperarlo anche per rivalutare e scoprire un autore moderno che ha veramente qualcosa da dire.

Regia: James Gray Con: Charlie Hunnam, Robert Pattinson, Sienna Miller, Tom Holland, Angus Macfadyen, Edward Ashley, Clive Francis, Ian McDiarmid, Franco Nero, Daniel Huttlestone, Bobby Smalldridge, Johann Myers, Michael Jenn, Frank Clem, Siennah Buck, John Sackville, Nicholas Agnew, Michael Ford-FitzGerald Anno: 2016 Durata: 141 min. Paese: USA 2016 Distribuzione: Eagle Pictures
Civiltà perduta: Dopo la presentazione al Festival di Berlino, l'ultima fatica del talentuoso James Gray arriva nei cinema italiani per narrare il rifiuto di un uomo dalla schiavitù dei valori della società del secolo scorso Negli anni venti l'esploratore e colonnello britannico Percy Fawcett (Charlie Hunnam) decide di abbandonare più volte moglie e figli, per affrontare i molti pericoli della Foresta Amazzonica. Il suo obbiettivo è quello di scoprire la leggendaria città di nome Z e la sua complessa civiltà. Una missione al limite delle possibilità della società comune dell'epoca, nella quale trova solo l'appoggio incondizionato della moglie e il rispetto e la fiducia di pochi uomini. Quattro…
Commento Finale - 70%

70%

Quattro anni dopo "C'era una volta a New York", il regista e sceneggiatore statunitense James Gray, continua la sua idea di cinema con la ricostruzione di una vita spesa all'insegna dell'uguaglianza e del rifiuto dei costumi della propria società. Un film sviluppato e caratterizzato dalle relazioni umane, dai contrasti e dai sentimenti che animano le imprese che sembrano impossibili. Un viaggio in un tipo di cinema che sembra sopito, privo della tanta CGI che caratterizza le pellicole di questo genere. Nella speranza che questo film non resti nel dimenticatoio estivo, vi consigliamo di recuperarlo anche per rivalutare e scoprire un autore moderno che ha veramente qualcosa da dire.

User Rating: Be the first one !

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

fallen-fallen-saga-fallen-film-luce-e-daniel-copertina

Fallen arriva in DVD e Blu-Ray ad Agosto con M2 Pictures e Eagle Pictures

Dal 2 agosto prossimo sarà disponibile in DVD e Blu-Ray FALLEN, l’adattamento cinematografico del primo dei quattro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *