Home / RECENSIONI / Drammatico / Barriere – Recensione – Un Film di Denzel Washington

Barriere – Recensione – Un Film di Denzel Washington

Barriere, il terzo film alla regia di Denzel Washington arriva nei cinema italiani dal 23 febbraio 2017 con Universal Pictures. 

Le Barriere possono essere intorno a noi per respingere gli altri, ma anche per proteggere i nostri affetti più cari. Proprio come accade nel nuovo film diretto dal Premio Oscar Denzel Washington, in cui le Barriere del titolo sono un riferimento diretto alle recinzioni, in particolare allo steccato (in originale Fences) che Rose (Viola Davis) spinge Troy (Denzel Washington) ad edificare, una sorta di cerchio magico nel quale racchiudere il proprio nucleo familiare, dove l’uomo può essere il Re incontrastato dagli aneddoti brillantini, la parlantina svelta e le canzoni blues laconiche, mentre la donna si trasforma nella Regina che cerca di difendere, ad ogni costo, da qualunque attacco esterno l’integrità dei propri affetti.

Barriere-recensione-film-testa

Tratto dall’opera teatrale di August Wilson dal titolo omonimo, il film trova il proprio punto di forza nella scrittura incalzante e blues del suo autore, esponente di spicco della letteratura teatrale afroamericana, vincitore di un Premio Pulitzer per la drammaturgia nel 1988 e di un Tony Award alla migliore opera teatrale proprio con questa pièce, sesto dramma del suddetto Ciclo di Pittsburgh. Il film ruota intorno alle dinamiche familiari di Troy Maxson e di sua moglie Rose, sposati da diciassette anni, che vivono la loro tranquilla routine da famiglia afroamericana del ceto medio – basso destreggiandosi tra i figli Lyons e Cory, fratellastri diversi; il primo con la passione per la musica jazz e la bella vita e il secondo per il football. Diversi e opposti rispetto al padre, faticano ad entrare in totale empatia con la personalità espansiva, ridondante e a tratti eccessiva del genitore, che commette un tragico errore vivendo una relazione extra – coniugale con una donna dalla quale ha una figlia, Raynell, che viene accettata anche da Rose come sua, ma a caro prezzo, rifiutando per sempre il marito.

Barriere-recensione-film-centro

Vita, morte, eternità, lavoro, Amore: massimi sistemi, grandi rivelazioni che si annidano nelle piccole cose quotidiane e nei gesti reiterati che compongono la normale routine di una tranquilla famiglia: Washington in Barriere non cerca di costruire – a livello audiovisivo – una narrazione epica: la maestosità si annida nelle parole e non nelle azioni, parole che non servono a far procedere il dramma quanto a mostrare la natura eclettica ed istrionica degli interpreti coinvolti nel progetto. Washington e la Davis si contendono la scena abbandonandosi ad una impressionante mimesi tra realtà e palcoscenico, finzione teatrale e verosimiglianza richiesta dalla macchina da presa; non sono da meno gli attori che li affiancano calandosi nei ruoli dei figli, degli amici o dei congiunti (un esempio, il fratello con gravi problemi psichiatrici Gabe). Nonostante i pregi legati soprattutto agli aspetti interpretativi e drammaturgici, però, Barriere non aggiunge nessun contributo originale alla già vasta filmografia di genere: dietro la volontà di rinnovare un linguaggio “classico” si stempera fin dai primi “assoli” degli attori, facendo scivolare il lungometraggio in un lento adattamento dal sapore incompleto.

Regia: Denzel Washington Con: Denzel Washington, Viola Davis, Brandon Jyrome Jones, Mykelti Williamson, Russell Hornsby Anno: 2016 Durata: 138 Min. Paese: USA Distribuzione: Universal Pictures
Barriere, il terzo film alla regia di Denzel Washington arriva nei cinema italiani dal 23 febbraio 2017 con Universal Pictures.  Le Barriere possono essere intorno a noi per respingere gli altri, ma anche per proteggere i nostri affetti più cari. Proprio come accade nel nuovo film diretto dal Premio Oscar Denzel Washington, in cui le Barriere del titolo sono un riferimento diretto alle recinzioni, in particolare allo steccato (in originale Fences) che Rose (Viola Davis) spinge Troy (Denzel Washington) ad edificare, una sorta di cerchio magico nel quale racchiudere il proprio nucleo familiare, dove l’uomo può essere il Re incontrastato dagli aneddoti brillantini, la parlantina svelta e…
Commento Finale - 56%

56%

Barriere

Per Barriere Denzel Washington (qui attore e regista) sceglie di adattare per il grande schermo il testo teatrale omonimo di August Wilson; nonostante la perfetta drammaturgia e le interpretazioni impeccabili, Barriere non aggiunge nessun contributo originale alla già vasta filmografia di genere: dietro la volontà di rinnovare un linguaggio “classico” si stempera fin dai primi “assoli” degli attori, facendo scivolare il lungometraggio in un lento adattamento dal sapore incompleto.

User Rating: Be the first one !

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

transformers-5-recensione-film-copertina

Transformers – L’ultimo cavaliere – Recensione – Un Film di Michael Bay

Transformers – L’ultimo cavaliere: Il Re Mida delle esplosioni cinematografiche torna in sala con il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *