Home / RECENSIONI / Drammatico / Allied – Un’Ombra Nascosta – Recensione – Un film di Robert Zemeckis

Allied – Un’Ombra Nascosta – Recensione – Un film di Robert Zemeckis

Allied – Un’Ombra Nascosta: Patina, fascino, spionaggio, intrighi e complotti: sono questi gli elementi che Robert Zemeckis, regista di cult intramontabili come la trilogia di Ritorno al Futuro, Forrest Gump, La Morte ti Fa Bella, Cast Away e Chi ha incastrato Roger Rabbit?, cerca di adattare per il grande schermo confezionando – letteralmente – un prodotto dal sapore retrò.

Durante la Seconda Guerra Mondiale l’agente canadese dei servizi segreti Max Vatan (Brad Pitt) viene inviato a Casablanca per compiere una pericolosa missione in coppia con la spia francese Marianne Beausejour (Marion Cotillard): i due dovranno fingersi marito e moglie per eliminare un funzionario dell’ambasciata tedesca. Proprio nel pericolo maggiore, tra i due scoppia una passione inarrestabile che si conclude con un felice matrimonio, il ritorno in Inghilterra di entrambi e la nascita di una figlia; ma questo piccolo quadro idilliaco si incrina quando i servizi segreti stessi insinuano, in Max, l’ombra di un orribile dubbio riguardo a sua moglie: la donna potrebbe infatti non essere davvero chi dice di essere. A lui spetta l’onere di indagare per scoprire la verità.

allied-recensione-film-testa

Allied – Un’Ombra Nascosta è il classico caso di un film patinato pronto ad imitare – ad arte – i meccanismi e le strutture tipicamente auto – riflessive della Hollywood classica: il divismo e le spy story sullo sfondo della Seconda Guerra Mondiale evocano subito i fasti vintage di classici immortali come Casablanca, ma l’imitazione da sola non basta se non è supportata da una sceneggiatura solida e pronta ad innescarsi, perfettamente, come un meccanismo ad orologeria: la sostanza narrativa maneggiata con cura da Zemeckis è sterile, essenziale e scarna; il dramma melò delle due spie si stempera fino ad annegare nel mare limaccioso e salmastro di una regia incapace di stare al passo con la contemporaneità e che risente di un’eccessiva lentezza stilistica, pronta a risucchiare il frutto di ogni buon tentativo promettente nell’apatia glam animata solo dalla presenza fulgida dei due divi: Pitt così simile all’iconografico Brando e la Cotillard impeccabile negli abiti mozzafiato anni ’40.

allied-recensione-film-centro

Il gioco continuo ed ininterrotto tra spie – che si rincorrono, si cercano, si trovano, e sospettano l’uno dell’altro – si riflette nella struttura stessa di Allied – Un’Ombra Nascosta, una sorta di contenitore di 124’ nel quale confluiscono stimoli diversi, spunti eterogenei e disorganici, frammenti di Vita prima ancora che di Cinema; lo spettatore cerca di inseguire il ritmo della suspense ma invano, ripiegando solo a quel punto sul lato drammatico – sentimentale che, comunque, metterà d’accordo una più ampia porzione di pubblico alla ricerca di un intrattenimento mainstream dal gusto tradizionale.

Regia: Robert Zemeckis Con: Brad Pitt, Marion Cotillard, Jared Harris, Lizzy Caplan, Daniel Betts, Matthew Goode, Angelique Joan, Jason Matthewson, Iain Batchelor, Peter Meyer, Raphael Acloque, Sally Messham, Raphael Desprez Anno: 2016 Durata: 147 Min. Paese: USA Distribuzione: Universal Pictures
Allied – Un’Ombra Nascosta: Patina, fascino, spionaggio, intrighi e complotti: sono questi gli elementi che Robert Zemeckis, regista di cult intramontabili come la trilogia di Ritorno al Futuro, Forrest Gump, La Morte ti Fa Bella, Cast Away e Chi ha incastrato Roger Rabbit?, cerca di adattare per il grande schermo confezionando – letteralmente – un prodotto dal sapore retrò. Durante la Seconda Guerra Mondiale l’agente canadese dei servizi segreti Max Vatan (Brad Pitt) viene inviato a Casablanca per compiere una pericolosa missione in coppia con la spia francese Marianne Beausejour (Marion Cotillard): i due dovranno fingersi marito e moglie per…
Commento Finale - 65%

65%

Allied – Un’Ombra Nascosta è il classico caso di un film patinato pronto ad imitare – ad arte – i meccanismi e le strutture tipicamente auto – riflessive della Hollywood classica: il divismo e le spy story sullo sfondo della Seconda Guerra Mondiale evocano subito i fasti vintage di classici immortali come Casablanca, ma l’imitazione da sola non basta se non è supportata da una sceneggiatura solida e pronta ad innescarsi, perfettamente, come un meccanismo ad orologeria: la sostanza narrativa maneggiata con cura da Zemeckis è sterile, essenziale e scarna; il dramma melò delle due spie si stempera fino ad annegare nel mare limaccioso e salmastro di una regia incapace di stare al passo con la contemporaneità e che risente di un’eccessiva lentezza stilistica, pronta a risucchiare il frutto di ogni buon tentativo promettente nell’apatia glam animata solo dalla presenza fulgida dei due divi Brad Pitt e Marion Cotillard. Lo spettatore cerca di inseguire il ritmo della suspense ma invano, ripiegando solo a quel punto sul lato drammatico – sentimentale che, comunque, metterà d’accordo una più ampia porzione di pubblico alla ricerca di un intrattenimento mainstream dal gusto tradizionale.

User Rating: Be the first one !

About Ludovica Ottaviani

Ludovica Ottaviani
Ex bambina prodigio come Shirley Temple, col tempo si è guastata con la crescita e ha perso i boccoli biondi, sostituiti dall'immancabile pixie/ bob alternativo castano rossiccio. Classe 1991, da più di una decina d’anni si diverte a scrivere e ad imbrattare sudate carte. Si infiltra nel mondo della stampa online nel 2011, cominciando a fare ciò che ama di più: parlare di cinema e assistere ai buffet delle anteprime. Passa senza sosta dal cinema, al teatro, alla narrativa. Logorroica, cinica ed ironica, continuerà a fare danni, almeno finché non si ritirerà su uno sperduto atollo della Florida a pescare aragoste, bere rum e fumare sigari come Hemingway, magari in compagnia di Tom Hiddleston, Michael Fassbender e Jake Gyllenhaal.

Guarda anche

auguri-per-la-tua-morte-recensione-film-copertina

Auguri per la tua morte, il teen horror-comedy movie improntato sul loop temporale

Auguri per la tua morte: Dopo la delusione di Prima di Domani, arriva al cinema …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *